Art
di Manuel Urrazza 21 Novembre 2017

Tehching Hsieh ha fatto l’opera più estrema di tutta l’arte contemporanea

L’artista che fa per un intero anno cose che non faresti neanche per un solo giorno

Foto © Hugo Glendinning  Foto © Hugo Glendinning

 

Ultima settimana della Biennale di Venezia, assolutamente da non perdere l’installazione di due delle cinque One Year Perfomance di Tehching Hsieh al Padiglione di Taiwan, presso il Palazzo delle Prigioni (quelle che una volta erano le Prigioni Nuove collegate al Palazzo Ducale di Piazza San Marco tramite il Ponte dei sospiri).

Di fronte alle One Year Performance di Tehching Hsieh, Chris Burden che si fa sparare ad un braccio, o l’esplorazione dei limiti del corpo e della mente di Marina Abramović perdono un po’ della loro forza. Tehching Hsieh non ha fatto molte opere, dopo essere arrivato negli Stati Uniti da immigrante illegale nel 1974 ha fatto cinque opere del suo ciclo più famoso ed un’ultima opera durata 14 anni.

 

Foto © Hugo Glendinning  Foto © Hugo Glendinning

 

1978-1979 Cage Piece. Tehching Hsieh costruisce una gabbia di legno di 3,5 x 2,7 metri all’interno del suo appartamento. Con la sola dotazione di un bagno ed una brandina l’artista rimarrà rinchiuso per un intero anno senza leggere, scrivere, ascoltare o guardare radio e tv, e senza parlare con nessuno, né con i visitatori ammessi nell’appartamento uno o due volte al mese, né con l’amico che portava ogni giorno da mangiare e gli scattava una fotografia per documentare la performance.

 

 

Foto © Tehching Hsieh  Foto © Tehching Hsieh

 

1980-1981 Time Clock Piece. L’artista installò una timbratrice per cartellini da lavoro nel suo appartamento, con l’obiettivo di timbrare un cartellino allo scoccare di ogni ora per un intero anno, 8760 timbrature ed altrettante foto scattate per documentare l’opera. Tehching Hsieh non riuscì a timbrare solo 133 volte, per tutte le volte restanti riuscì a timbrare non dormendo per più di 60 minuti consecutivi in un intero anno.

1981-1982 Outdoor Piece. Anche quest’opera non riuscì ad essere compiuta, l’artista venne arrestato perché coinvolto in una rissa e fu trattenuto in cella per 15 ore, per le restanti 8745 ore rimase sempre all’aperto, come scritto nella dichiarazione redatta prima di ogni performance, avrebbe passato un anno all’aperto, senza entrare in nessun edificio o copertura di qualsiasi tipo, incluse macchine, treni, aerei, navi o tende. Si spostò per New York con solo uno zaino ed un sacco a pelo, lavandosi all’aperto, dormendo tra le macchine parcheggiate per ripararsi dal freddo ed accendendo fuochi durante uno degli inverni più freddi del secolo.

 

Foto © Tehching Hsieh  Foto © Tehching Hsieh

 

1983-1984 Rope Piece. Quest’opera venne fatta insieme all’artista Linda Montano, i due non si erano mai visti prima di iniziare la performance, e rimasero legati insieme da una corda di 2.5 metri senza mai potersi toccare. Per un anno condivisero tutti i momenti più intimi e basilari del corpo umano senza potersi dare il conforto di un abbraccio.

1985-1986 No Art Piece. Tehching Hsieh passò un anno senza fare arte, senza parlare d’arte, senza fruirne, senza andare in musei o gallerie d’arte. La performance che sembra la più facile è anche l’unica che per sua natura non è stata documentata, sfidando il paradosso di fare arte senza poterla fare.

 

Foto © Tehching Hsieh  Foto © Tehching Hsieh

 

L’ultima performance iniziò il 31 Dicembre del 1986, Tehching Hsieh dichiarò che avrebbe rivelato di cosa si trattava solo al momento della conclusione dell’opera, 14 anni dopo, il 31 Dicembre del 1999. Il primo giorno del 2000, pronunciò queste semplici parole lette da un foglio: “I, Tehching Hsieh, survived.” La sua ultima opera era stata riuscire a sopravvivere fino all’inizio del nuovo millennio. Opera tanto semplice quanto soggetta al caso, l’ultima opera di Hsieh raccoglie solo l’essenza delle cinque precedenti.

Mettendo alla prova i nostri costrutti sociali Hsieh analizza prigionia, solitudine, lavoro, mobilità, relazioni umane, intimità, e soprattutto il tempo. Il tempo alienante del lavoro e dell’economia in Time Clock Piece, il ritmo biologico che si scontra con quello sociale nell’opera con Linda Montano, ed il tempo della natura e della sopravvivenza in Outdoor Piece. Il tempo come misura base dell’esistenza umana. Come ha dichiarato lo stesso artista “It doesn’t matter what I do, I pass time” (Non importa quello che faccio, passo il tempo).

 

Foto © Hugo Glendinning  Foto © Hugo Glendinning

 

Fino al 26 Novembre, Palazzo delle Prigioni Castello 4209, San Marco, Venezia. Il 24 Novembre dalle 14.00 alle 16.30, l’artista sarà alla Fondazione Querini Stampalia per il Closing Talk: Wasting Time. Parteciperanno anche Adrian Heathfield, Tim Ingold, Bojana Kunst, Jow Jiun Gong.

FONTE | MOUSSE MAGAZINE

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Virginia Mori

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Virginia Mori Nasce a Cattolica nel 1981. Vive e lavora a Pesaro. Si perfeziona in Illustrazione e Animazione all’Istituto Statale d’Arte di Urbino, esperienza formativa che contribuisce a costruire e consolidare il suo immaginario artistico e che le permette di muovere i primi passi nella realizzazione di corti di animazione tradizionale e nell’illustrazione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,32 €

Kit tie dye

Kit tie dye, utilizzabile con tessuti come il cotone e rayon. Perfetti per personalizzare qualsiasi capo, dalle tshirt, ai jeans, fino a borse e sciarpe. Caratteristiche: 12/10/8/18 coloranti 8 colori: rosso, arancione, giallo, verde, blu scuro, viola, marrone, nero  10 colori: rosso, arancione, giallo, verde, acido orange, blu navy, blu scuro, viola, marrone, nero  12 colori: viola profondo rosso, rosso, arancione, giallo, verde, arancione acido, blu navy, blu scuro, viola, viola, marrone, nero  18 colori versione: fucsia, rosso, arancione, giallo, acid orange, verde, blu scuro, blu chiaro, viola, blu, viola scuro, marrone, nero, corallo rosso, rosso vino, verde oliva, rosa, verde acqua, blu chiarissimo 40 bande di gomma 8 guanti usa e getta 1 tovaglia 1  manuale Prodotto spedito dalla Cina.Tempi di consegna: 20/30  
55,59 €

Macchina fotografica a pellicola 35 mm

Macchina fotografica a pellicola 35 mm, modello vintage. Piccola e leggera, divertiti a immortalare ogni momento in versione analogica. Caratteristiche: Built-in flash Pellicola della macchina fotografica (35mm) Disponibile in Verde, Rosa, Viola, Nero, Blu, Oro, Argento Fonte di energia: 1 x batteria alcalina AAA (non inclusa)   Prodotto spedito dalla Cina. Tempi di consegna: 20/30
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
36,90 €

Orologio da tavolo vintage

Dal design minimal, l'orologio da tavolo con flip-page è perfetto per la tua scrivania, donando un tocco vintage al tuo studio o alla tua casa. CARATTERISTICHE: Dimensioni: 195mm x 170 millimetri Non include batterie Prodotto spedito dalla Cina, Stati Uniti o Repubblica Ceca. Tempi di consegna: 20/30 gg.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >