Art
di Valerio Millefoglie 16 Marzo 2016

Villa Girasole, la casa che si muove su se stessa per essere sempre alla luce del sole

In provincia di Verona c’è un immobile che non è davvero immobile

villa-girasole

 

“Un originale progetto italiano di casa girevole è stato tradotto in realtà dal suo stesso ideatore a Marcellise, dove la casa girasole costituisce una curiosità di grande interesse”, con queste parole, pronunciate dalla voce del cinegiornale dell’Istituto Luce, veniva annunciata nel 1935 la realizzazione del progetto dell’ingegnere Angelo Invernizzi. Villa Girasole, il primo immobile capace di muoversi. All’ingresso, vicino all’ascensore che sale lungo una scala elicoidale, c’è un quadro con tre pulsanti: Avanti, Indietro, Arresto. Ai tempi, spingendo il primo, la villa cominciava a inseguire il sole. Nell’arco di nove ore e venti minuti, con uno spostamento di 4 millimetri al secondo, l’edificio compiva una rotazione di 360°.

Nel documentario del 1995 “Il Girasole, A House near Verona” la figlia dell’architetto, Lidia Invernizzi, racconta la vita ai tempi in cui gli ingranaggi funzionavano, quando nel periodo della raccolta dei ciliegi tutta la famiglia si trasferiva in questa casa di vacanze futuriste, “Si muove come un orologio, con un movimento impercettibile. A volte può guardare la valle, a volte le colline e a volte i ciliegi. Tutto era così lento, come durante una passeggiata. Queste immagini nelle finestre erano il segreto degli spazi di casa. Alzando gli occhi dal mio libro vedevo ogni volta un quadro nuovo ritagliato nel paesaggio. Erano sempre vedute nuove e in una luce diversa, eppur non avevamo percepito nessun movimento. Questi quadri sono stati l’invenzione di papà”.

 

 

Gli amici del padre invece, dall’architetto e scenografo Ettore Fagiuoli a scultori, pittori ed ebanisti, avevano inventato il resto della casa. Ogni pezzo era unico, dai tessuti alle maniglie, dall’art decò al liberty, dalla piscina a forma triangolare al campo da tennis. E anche su questi ultimi, oggi, nonostante siano fuori dalle mura, sembrano essere calate giù le tapparelle. “Mio padre Angelo morì nel 1958, aveva settantaquattro anni”, racconta ancora Lidia Invernizzi nel documentario, “Un anno prima era morta mia madre. A entrambi si fermò improvvisamente il cuore. A entrambi, durante un soggiorno al Girasole”.

 

Un altro cinegiornale dell’Istituto Luce, questa volta datato 1964, annuncia, “Paese che vai, casa che trovi. A Noceto, nei pressi di Parma, abbiamo trovato una casa Girasole. Non ha fondamenta. Sta dritta su un piede solo. Una piccola centrale elettrica provvede a farla girare e non si paga nemmeno la bolletta perché la centrale è azionata dal vento”. Dopo le prime inquadrature che mostrano la casa, compare il suo ideatore, Bruno Ghirelli, un uomo in bianco e nero d’epoca. Capelli ben pettinati e sostenuti da brillantina, folti baffi, mani nelle tasche di una giacca troppo larga e risposte secche.

“Chi ha fatto il progetto di questa casa?”.
“L’ho fatto io”.
“Ma lei è ingegnere?”.
“No”.
“Allora lei è un inventore?”.
“Sì”.

Sull’elenco telefonico di Noceto c’è ancora un Ghirelli, “Mio padre era sì un inventore. Le pensava, le faceva, le svolgeva. Aveva inventato la sega mobile semovente Ghirelli, delle macchine che tagliavano la legna. Poi dei mulini, anche questi mobili, che producevano mangime per animali e infine un’officina meccanica mobile”. Cita a memoria il passaggio di un articolo uscito in quei giorni sul Daily Mirror, “La casa che segue il sole, antisismica, antireumatica, per girare le spalle al vicino scomodo”. Il signor Ghirelli, classe 1911, muore nel ’99. “Sentiamo molto la sua mancanza. Quello spirito lì che aveva lui, noi figli non l’abbiamo mai avuto”.

 

Schermata 2016-0La Casa Girasole di Noceto (PR), progettata da Bruno Ghirelli YouTube - La Casa Girasole di Noceto (PR), progettata da Bruno Ghirelli

 

La figlia di Angelo Invernizzi, Lidia, è morta nel 2014 all’età di novantasei anni. Villa Girasole è stata presa in custodia dalla Fondazione Cariverona. Raggiunti al telefono spiegano, “La signora ha sempre cercato di conservare Villa Girasole, ma il costo di manutenzione era molto alto. Le infiltrazioni di acqua che arrivano dalla collina han fatto sì che il terreno cedesse sotto il peso dei quindicimila quintali della villa. Attualmente abbiamo in progetto il restauro, di cui si occuperà l’architetto Mario Botta, ma stiamo cercando di raccogliere i fondi. Quando l’abbiamo presa in carico noi era chiusa al pubblico già da anni e poiché si erano verificati degli episodi di vandalismo, ci siamo occupati di trasferire e mettere al riparo tutti gli arredi”. Villa Girasole è dunque svuotata di persone e di cose, ma qualche testimonianza di passaggio rimane in tre commenti su Tripadvisor.

 

Marcoiseppi80, “Andavo a scuola elementare di fronte alla villa che adesso è un asilo, hanno un parco bellissimo dove tanti sposi venivano a farsi le foto”

Federica a., “L’ho visitata con la scuola tanti! Tanti anni fa… vorrei portate un giorno mia figlia a vederla dentro, non solo dalla strada come succede ora”

Silvia P., “Ho il ricordo di una bellissima serata, sulle terrazze della villa”

 

La casa Girasole di Noceto invece è visibile dalla via Emilia. Qualche anno dopo il servizio dell’Istituto Luce è stata smontata e ricostruita fuori dallo stabilimento Bormioli a Parma, talmente mobile da trasferirsi senza bisogno neanche dei suoi abitanti.

 

Casa rotante bargio La Stampa - La casa rotante di Barge, in provincia di Cuneo

 

Entrambe le case avevano elementi propri di macchine in movimento come rotaie ferroviarie, lamine metalliche tipiche delle imbarcazioni e il timone di una nave. Un faro alla sommità della torre di Villa Girasole avvistava il resto del paesaggio immobile. C’è però una casa che attualmente gira, si trova a Barge, in provincia di Cuneo. È opera di un idraulico in pensione che sogna anche l’eterno riposo movimentato, in una struttura semovente. Neanche il futurismo aveva immaginato una morte così veloce.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Virginia Mori

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Virginia Mori Nasce a Cattolica nel 1981. Vive e lavora a Pesaro. Si perfeziona in Illustrazione e Animazione all’Istituto Statale d’Arte di Urbino, esperienza formativa che contribuisce a costruire e consolidare il suo immaginario artistico e che le permette di muovere i primi passi nella realizzazione di corti di animazione tradizionale e nell’illustrazione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,32 €

Kit tie dye

Kit tie dye, utilizzabile con tessuti come il cotone e rayon. Perfetti per personalizzare qualsiasi capo, dalle tshirt, ai jeans, fino a borse e sciarpe. Caratteristiche: 12/10/8/18 coloranti 8 colori: rosso, arancione, giallo, verde, blu scuro, viola, marrone, nero  10 colori: rosso, arancione, giallo, verde, acido orange, blu navy, blu scuro, viola, marrone, nero  12 colori: viola profondo rosso, rosso, arancione, giallo, verde, arancione acido, blu navy, blu scuro, viola, viola, marrone, nero  18 colori versione: fucsia, rosso, arancione, giallo, acid orange, verde, blu scuro, blu chiaro, viola, blu, viola scuro, marrone, nero, corallo rosso, rosso vino, verde oliva, rosa, verde acqua, blu chiarissimo 40 bande di gomma 8 guanti usa e getta 1 tovaglia 1  manuale Prodotto spedito dalla Cina.Tempi di consegna: 20/30  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >