Geek
di Mattia Nesto 8 Ottobre 2021

Chernobylite: uno sparatutto radioattivo

Abbiamo provato l’fps ambientato nei dintorni del reattore nucleare. Un’esperienza non perfetta ma dal forte (e macabro) fascino.

Chernobylite, almeno per me, ha rappresentato un vero e proprio rovello. Già perché questo fps con fortissimi elementi gestionali e una robusta impostazione story-driven da un lato mi ha tenuto incollato allo schermo per oltre dieci ore (circa tredici per completare la storia principale più giusto un paio per sbloccare qualche contenuto extra) e dall’altro, più di una volta, mi ha fatto dubitare del mio buon gusto. Già perché la “creatura” di The Farm 51 e pubblicata da All in! Games SA ambientata in un ipotetico futuro alternativo nei dintorni del reattore nucleare di Černobyl è da un lato estremamente intrigante e dall’altro limitata e limitante. Ma cerchiamo di fare chiarezza in questo intrigo radioattivo.

Prima di addentrarmi nella recensione una premessa è d’obbligo. Come ci hanno consigliato i publisher (che gentilmente ci hanno concesso il codice di gioco per console molto prima del lancio) abbiamo provato il titolo su Xbox One X, ovvero nella modalità “old-gen”: infatti la patch per le nuove console arriverà più avanti e il consiglio è quello di non provare questo titolo su Ps5 e XBox One X per non rimanere delusi. Detto questo Chernobylite presenta, almeno per me, due punti di forza, molto evidenti e uno di debolezza, altrettanto importante. Partiamo subito dalle “dolenti note”: lo shooting. Ecco, il sistema di gameplay, in quello che è a conti fatti anche e soprattutto uno stealth-fps, è abbastanza deficitario, con una responsività molto limitata degli effetti del rinculo delle armi e delle collisioni tra corpi nemici e propri proiettili che lasciano molto a desiderare. Al netto dei vari avversari che vi troverete di fronte (spoiler: non saranno, ovviamente, solo umani) ben presto mi sono trovato a preferire un approccio stealth, onde proprio evitare un gunplay per me insufficiente.

Chissà cosa ci aspetta in questa casa…  Chissà cosa ci aspetta in questa casa…

Invece, quasi in maniera inaspettata, le parti che funzionano meglio di Chernobylite sono, l’ottimo, sistema gestionale della propria base, che non soltanto si può organizzare e personalizzare ma che anche presenta un meccanismo molto intuitivo di missioni giornaliere che si possono affidare ai propri compagni (con tanto di arruolamento di singoli individui con caratteristiche specifiche per compiere determinate missioni) oppure completare in proprio. Questo regala al giocatore una varietà davvero ampia di approcci e di stili di gioco, per esempio ho tentato di “ruolare” per così dire il protagonista come un uomo rotto dal destino, che ha perso la compagna nel disastro nucleare e che quindi governa la propria banda di ex-soldati, balordi e rinnegati con il pugno di ferro: questo significa poche razioni di cibo, turni sfiancanti e tanta disciplina con il risultato di uomini assetati di sangue ma anche validissimi in combattimento.

Bisogna sempre stare attenti al livello di radiazioni  Bisogna sempre stare attenti al livello di radiazioni

Ma se proprio dovessi assegnare la palma dell’aspetto che più ho apprezzato di Chernobylite (al netto di una direzione artistica valida nel ricreare l’atmosfera del disastro nucleare e con una storia principale non così tanto banale) è sicuramente la componente survivor, quel misto di attenzione per le zone con maggiori radiazioni (testimoniate dall’eterno contatore giger , il nostro più fedele “compagno” di esplorazione), recupero di risorse e scoperta di luoghi segreti, mi ha davvero appagato.

Cazzimma in salsa bieolorussa ne abbiamo?  Cazzimma in salsa bieolorussa ne abbiamo?

Certo le mappe di gioco non sono il trionfo di varietà di biomi e ambienti ma sono perfettamente aderenti all’ambientazione. Insomma Chernobylite, nonostante qualche inciampo e attendendo la prova sulle console di nuova generazione, è uno dei titoli più interessanti sul fronte survivor del momento. Occhio solo alle radiazioni: essendo a Černobyl  non le sottovaluterei troppo!

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >