Geek
di Mattia Nesto 20 Marzo 2020

Doom Eternal: i migliori massacri della nostra vita virtuale

Da oggi disponibile, il nuovo capitolo della serie di Doom è il miglior sparatutto di questa generazione. Figo come il concerto di metal a cui siamo stati costretti a rinunciare

Quando dopo aver utilizzato il rampino, aver sparato ad una cassa esplosiva maciullando un grupposcolo di demoni alla sinistra, atterri sulle rovine di un palazzo in fiamme crivellato di colpi e, all’improvviso, davanti a te appare un enorme demonio alto 50 metri che spara fuoco dalla bocca capisci di essere, finalmente, a casa. Doom Eternal si presenta così e capite bene che grazie ai sessanta fotogrammi al secondo si candida ad essere il miglior sparatutto di questa generazione. Poche balle.

 

Il titolo di Bethesda infatti non solo è un perfetto seguito del reboot di qualche anno fa ma si inserisce perfettamente nella serie dei Doom, innovando i meccanismi con qualche trovata interessante (e perfettamente integrata nel gameplay) senza stravolgere l’impostazione classica e cattiva così amata dai fan di tutto il mondo. Già perché in un mercato videoludico dove, a parte qualche luminosa eccezione, ormai i giochi si declinano più come specie di esperienze simulative, dove il gameplay sì c’è ma è quasi sempre sacrificato alla narrativa, Doom Eternal ribalta il tavolo e torna all’antico, torna all’origine. Infatti questo è un gioco che, se provato a difficoltà considerevole (ma già la normale è molto impegnativa), mette costantemente alle strette il giocatore.

Non ci sono concessioni per guardare il panorama o pensare tra sé: una rapida occhiata alla mappa di gioco, qualche considerazione sul posizionamento dei nemici e poi via, dentro l’azione, gomitata in faccia al primo scheletro-demonio che ci si para di fronte e poi via di mitragliatore. Detto così potrebbe apparire come un gioco in cui si spara e basta (ma insomma è Doom cos’altro mai si potrà fare?!) ma non è del tutto così. Grazie all’introduzione del rampino, per esempio, la mobilità è stata non soltanto migliorata ma anche accelerata in maniera esponenziale. Alle volte si hanno davvero le vertigini quando ci si sposta alla velocità della luce da un luogo sopraelevato all’altro, per poi buttarsi in una profonda voragine tra i palazzi di un pianeta Terra ormai distrutto dall’invasione demoniaca, per cercare di cacciare l’inferno.

Le esecuzioni dei nemici non sono soltanto spettacolari ma proprio brutali visto che la violenza, simulata, è il tratto identificativo di Doom da praticamente la notte dei tempi. C’è anche una colonna sonora tutta metal e hard-rock che  pompa nelle orecchie mentre, legione infernale dopo legione infernale, ci si fa larga nel mondo di gioco. Mondo di gioco che, dal punto di vista specificatamente tecnico, è una festa per gli occhi. I sessanta fotogrammi al secondo, durante la nostra prova su Xbox One X, sono stati sempre granitici e potersi muovere con quella libertà in combattimento è davvero una reale e concreta goduria.

 

Specie in giorni come questi, di arresti domiciliari auto-imposti, giocare a Doom Eternal è lo svago giusto al momento giusto: per una volta il nemico, virtuale, lo vediamo in faccia. E non ci sentiamo assolutamente in colpa se, invece di parlamentare, per una volta gli scarichiamo un caricatore in faccia. Ma occhio che alle nostre spalle c’è già un cacodemone pronto a farci la pelle.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >