Geek
di Mattia Nesto 8 Giugno 2021

Gli Stati Uniti allo zenzero di Craig Thompson

Lo zenzero, una pianta di origine asiatica ma già conosciuta dai nativi americani, diventa il filo conduttore per analizzare le “radici” più profonde della storia degli Stati Uniti nell’ultima opera di Craig Thompson pubblicata da Rizzoli Lizard, “Ginseng Roots Vol.2”

Quando abbiamo saputo che Rizzoli Lizard avrebbe pubblicato un nuovo libro di Craig Thompson l’hype è scattato in modo del tutto naturale. Per chi, come noi, ha letteralmente adorato ogni pagina di Blankets era abbastanza ovvio aspettarsi un nuovo capolavoro dall’autore statunitense. E possiamo dirvelo senza girarci troppo intorno, questo libro è un altro capolavoro. Ma non come ce lo saremmo aspettati. Infatti tanto è stato immediato e viscerale l’amore per l’opera precedente, tanto l’affetto nei confronti di questa è stato lento, per così dire, cerebrale.

Se in Blalkets la dominanza cromatica era il nero e l’azzurro qui abbiamo il rosso e il nero  Se in Blalkets la dominanza cromatica era il nero e l’azzurro qui abbiamo il rosso e il nero

Ginseng Roots è un’opera radicalmente differente da Blankets. Blankets, salutata, tra gli altri, dal Premio Strega Nicola Lagioia come uno “dei grandi capolavori della narrativa degli ultimi vent’anni”, era una sublime storia di formazione dell’autore protagonista del suo stesso racconto. Qui il set è più o meno lo stesso anche se il “nostro” protagonista è cresciuto rispetto all’opera precedente. Ma la vera differenza non è questa, se Blankets era una storia intima e personale, Ginseng Roots è una storia corale e (auto)biografica della complessità etnica e sociale di una buona fetta degli Stati Uniti d’America. Attraverso l’esplicazione, anche molto dettagliata, pagina dopo pagina della coltivazione del ginseng (per altro si imparano un sacco di cose su questa formidabile pianta) Thompson presenta persone e personaggi che hanno punteggiato la propria vita, ergendoli a icone della storia americana ma senza mai far perdere loro un briciolo di umanità.

Tantissimo testo in questo fumetto come potete vedere  Tantissimo testo in questo fumetto come potete vedere

Come si può evincere dalle nostre foto in Ginseng Roots la dominanza cromatica è rappresentato dal nero delle figure e, soprattutto, dal rosso delle piante del ginseng, che non punteggiano solo gli scenari dell’opera ma ne segnano anche l’ideologia e l’ispirazione. Con una narrativa che, costantemente, va avanti e indietro nel tempo la lettura rispetto a Blankets è certamente più ardua, con momenti più spezzati e tanto, tantissimo testo da leggere. All’inizio questa scelta ci aveva fatto se non storcere quantomeno alzare più di un sopracciglio (stile Carletto Ancelotti), solo dopo aver terminato la storia abbiamo compreso quanto tale scelta sia stata azzeccata.

Storia di un Paese, storia di una vita  Storia di un Paese, storia di una vita

Pagina dopo pagina abbiamo capito come Thompson invece di ripetere la formula di successo di Blankets sia andato ancora più in profondità nel suo metodo narrativo, occupandosi della storia del proprio Paese “tradotta” tramite la coltivazione della pianta del ginseng. Una pianta che viene dalla Cina ma che era già conosciuta dalle popolazioni autoctone dell’America. Così la storia dei due fratelli che lavorano i campi si mescola con la Storia con la “s” maiuscola degli Stati Uniti e la trama si apre a temi “politici” come l’immigrazione, la guerra del Vietnam e quella in Corea e la religione. Craig Thompson insomma, pur cambiando tutto, non sbaglia niente e ci fa innamorare di nuovo, con una qualità intrinseca dei disegni, tra l’altro, che migliora ancora rispetto a Blankets. Inutile dirvi che, se fossimo in voi, correremmo in fumetteria a pigliarne una copia. Anzi due, se volete bene a qualcuno e volete farle/gli un bel regalo.

Quanti autori oggigiorno sono così bravi nell’insegnare a fumetti?  Quanti autori oggigiorno sono così bravi nell’insegnare a fumetti?

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >