Geek
di Mattia Nesto 25 Maggio 2021

Kentaro Miura, l’eclissi di uno dei più grandi mangaka

La morte improvvisa dell’autore di Berserk è una perdita gravissima per il mondo dei fumetti e di tutta la cultura

Parlare di Kentako Miura nel momento nel quale tutto il mondo ha appreso la sua scomparsa a soli 54 anni è un esercizio doloroso e necessario, non solo il fumetto giapponese è più povero ma anche tutto l’universo della cultura mondiale perde un pezzo da Novanta. Miura, nel corso di quasi trent’anni di onorata carriera, non ha solamente realizzato uno dei manga più importanti della storia, Berserk, ma anche fondato uno stile, un’iconografia e un modo di intendere l’arte del fumetto unico nel suo genere.

Grazie al tratto iper curato dei suoi personaggi tremendi e iconici, Kentaro Miuro ha settato verso l’alto lo standard qualitativo dei manga ed ha posto le basi di un intero genere, il dark-fantasy: prima di Berserk nell’industria del fumetto giapponese non esistevano titoli appartenenti a questo genere. Sono proprio le storie con protagonista Gatsu a fondare l’epica di un medioevo fantastico e corrotto in cui le donne e gli uomini si mescolano, senza soluzione di continuità, con demoni e creature dell’oltretomba. Una commistione di orrore umano e terrore magico che tocca il suo con i capitoli dedicati all’eclisse. Se oggi, insomma, quando vediamo un film o quando proviamo un videogioco lo “riconosciamo” subito come dark-fantasy, molto probabilmente, lo dobbiamo a Miura.

Miura, sin dai primi albi, si è subito contraddistinto per il suo segno grafico, un tratto iper-realistico e iper-crudo che, anche davanti a creature e eserciti scaturiti dagli incubi più tremendi, non si scomponeva e descriveva tutto nei minimi dettagli. Questo grado di cura e attenzione per i particolari non solo portava ai cronici ritardi dell’opera (incidendo notevolmente sullo stress dell’autore) ma contribuiva al fascino che ogni singola tavola di Berserk emanava.

Anche nella trasposizione animata successiva (da noi arrivata in seconda serata su Italia1) la sensazione di maneggiare Berserk era a metà strada tra il proibito e il percorso di formazione. Al netto delle già citate creature mostruose, nel manga di Miura veniva descritto, sempre nei minimi dettagli, ogni tipo di nefandezza: dalla violenza sui bambini passando per il cannibalismo sino agli stupri e alle violenze discriminate di gruppo. Queste tinte fosche facevano erompere nella lettrici e nei lettori un altro sentimento: la sensazione di essere davanti a un’opera matura che, proprio per tale ragione, non poteva tacere su niente. Dopo anni e anni di battle-shonen ridanciani e iper colorati, il nero di Berserk ci pareva dovesse inghiottirci tutti quanti. E per questo ci piaceva e ci piacerà per sempre.

Del resto, pochi personaggi sono tanto iconici quanto Gastu. Il protagonista di Berserk è la quintessenza del guerriero totale, non perché ha sempre in mente la battaglia, quanto perchè sono letteralmente la violenza e la morte ad averlo fatto nascere. Nonostante non sia piatto, Gatsu è un personaggio tutto di un pezzo, possente quasi quanto il temibile spadone che solo una mano “sovraumana” come la sua può maneggiare. Ed è qui il segreto, se Gatsu fosse stato inserito in un altro contesto non avrebbe funzionato,  schiacciato nell’apparente bidimensionalità che solamente Miura saprà trasfomare nella psciche di una persona “normale”.

Piangere la dipartita di Miura, causata per altro dal troppo lavoro e da una vita dedita solo a esso, è sacrosanto. Se dovessimo rispondere alla domanda “Chi è stato Kentaro Miura?” sicuramente potremmo rispondere partendo dalle sue influenze, per poi approdare ai suoi tratti distintivi e peculiari. Go Nagai certo ma anche la Guerra dei Cent’anni, Le acqueforti di Rembrandt, la Commedia di Doré e quindi l’Apocalisse di San Giovanni, la ferocia illuminata di Solimano il Magnifico, le follie dei kaiju tradizionali rivisitati, i demoni dell’inferno cristiano, le parti nere dell’epica di Odino e dei suoi figli e la visione illuminata di Hieronymus Bosch, senza dimenticare le meravigliose armature tardo-medioevali che, ancora oggi, guardiamo assorti al Castello Sforzesco di Milano. E se adesso non siete corsi in fumetteria a reperire il primo albo di Berserk che la spada di Gatsu vi colga! Miura non è stato un autore, ma un giro dello spazio dell’arte in una vignetta, in una scena, in un’azione di battaglia.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >