Geek
di Mattia Nesto 3 Maggio 2021

Returnal: corri, salta, spara e muori. E poi ricomincia

Nell’esclusiva per PS5 firmata dai ragazzi di Housemarque morire è facile, ma è ancora più semplice divertirsi.

Non soltanto siamo da soli su un pianeta sperduto, sconosciuto e battuto da una pioggia incessante,  ma inquietanti figure, animali e vegetali, si stagliano davanti a noi pronte per festeggiare sui nostri resti. Returnal, la nuova esclusiva firmata dal team di Housemarque è un titolo sfidante e “cattivo”, dove dovrete prepararvi a una morte dietro l’altra. Ma non perché siete delle solenni “pippe”, tutt’altro, la morte, la sconfitta e il “re-try” sono proprio l’elemento specifico di questo gameplay.

Selene, protagonista dell’avventura, è un’esploratrice dello spazio che si trova su Atropo incaricata di conoscere il più possibile su questo corpo celeste. Atropo, si presenta non soltanto come una Terra poco ospitale ma anche contrassegnata dai colossali vestigia di una civiltà passata. Sin dalle primissime ore di gioco potremo notare enormi statue di esseri antropomorfi dotati di corna che per qualche ragione hanno trovato la rovina proprio su questo pianeta. Ma i misteri non finiscono qui.

I vecchi abitanti di Atropo?  I vecchi abitanti di Atropo?

Una volta che moriremo, e, fidatevi, capiterà spesso, invece di ricominciare classicamente dall’ultimo salvataggio o checkpoint, ricominceremo dall’inizio, esattamente dall’inizio della nostra avventura. Sì, esatto, nonostante l’aspetto da shooter in terza persona classica, Returnal possiede uno spirito da perfetto rogue like, quei giochi cattivissimi in cui non ci sono salvataggi. Lo vogliamo ribadire perché in questi giorni è montata una polemica mica da ridere: troppo gamer che magari non hanno a disposizione molte ore da passare davanti alla consolle saranno spesso immobilizzati nella loro progressione. Ma Selene continuerà sempre a chiedersi il perché di tale loop che sta alla base delle nostre come delle sue riflessione creando un perfetto binomio tra gioco e giocatore.

Selene, dal canto suo, anche grazie ai sessanta fotogrammi “di ferro”, potrà schivare con dovizia i proiettili laser che i nemici le tireranno addosso e grazie a una serie lunga, anzi lunghissima di potenziamenti, nuove armi e level-up (tutte perfettamente contestualizzate all’interno della narrativa di gioco) si potrà far del gran male ai nostri avversari attravero un combat-system tutt’altro che banale. Inoltre, attraverso l’uso dei dorsali del DualSense (per altro iper-stimolato nel ricreare, ad esempio, la pioggia battente) potrete, a seconda della pressione degli stessi, optare per un tipo di fuoco primario o secondario, con notevoli differenze. Ecco che il rogue like di cui vi parlavamo prima si contamina con elementi da style-action.

Caratterizzato da un’art-design di tutto rispetto, bellissimo da vedere e molto suggestivo, Returnal è un titolo rapido e frenetico, in cui i nemici, creature animali, piante carnivore o “altri” (lo ribadiamo, non vogliamo svelarvi troppo) non vi lasceranno mai tregua. Se è vero che si inizierà sempre dall’inizio, la nostra Selene non sarà sempre uguale a se stessa. Se abbiamo trovato una pistola potenziata o una carabina a frammentazione, una volta morti non imbracceremo subito quest’arma ma la potremo trovare poco distante dal punto “di rinascita” in un misterioso sarcofago-contenitore. Ecco che Returnal, con le sue vibrazioni di horror-cosmico aggiunge un layer di stratificazione a un gameplay raffinato e ricco, sostenuto da una narrativa intrigante e che spinge il lettore a volerne saperne di più.

Returnal, per tutta questa serie di considerazioni, non soltanto è un titolo che vi consigliamo e che vi terrà letteralmente incollati davanti al vostro schermo, ma è anche un gioco che raggiunge uno dei vertici del genere di appartenenza che potremmo definire come rogue lite, ovvero un rogue like “spurio” (un uroboro ferale, un Miðgarðsormr , un serpente che si morde la coda o qualsivoglia simbolo dell’infinito). E poi la narrativa è appunto stimolante, il doppiaggio italiano molto ispirato (il gioco inizierà nella lingua con la quale è impostata la vostra console) e il gameplay competitivo e frenetico. Ecco perché abbiamo intitolato questo pezzo “Corri, salta e spara“, proprio come uno dei migliori podcast videoludici in circolazione: perché in Returnal morire è facile, ma è ancora più semplice divertirsi.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >