Geek
di Mattia Nesto 3 Maggio 2021

Returnal: corri, salta, spara e muori. E poi ricomincia

Nell’esclusiva per PS5 firmata dai ragazzi di Housemarque morire è facile, ma è ancora più semplice divertirsi.

Non soltanto siamo da soli su un pianeta sperduto, sconosciuto e battuto da una pioggia incessante,  ma inquietanti figure, animali e vegetali, si stagliano davanti a noi pronte per festeggiare sui nostri resti. Returnal, la nuova esclusiva firmata dal team di Housemarque è un titolo sfidante e “cattivo”, dove dovrete prepararvi a una morte dietro l’altra. Ma non perché siete delle solenni “pippe”, tutt’altro, la morte, la sconfitta e il “re-try” sono proprio l’elemento specifico di questo gameplay.

Selene, protagonista dell’avventura, è un’esploratrice dello spazio che si trova su Atropo incaricata di conoscere il più possibile su questo corpo celeste. Atropo, si presenta non soltanto come una Terra poco ospitale ma anche contrassegnata dai colossali vestigia di una civiltà passata. Sin dalle primissime ore di gioco potremo notare enormi statue di esseri antropomorfi dotati di corna che per qualche ragione hanno trovato la rovina proprio su questo pianeta. Ma i misteri non finiscono qui.

I vecchi abitanti di Atropo?  I vecchi abitanti di Atropo?

Una volta che moriremo, e, fidatevi, capiterà spesso, invece di ricominciare classicamente dall’ultimo salvataggio o checkpoint, ricominceremo dall’inizio, esattamente dall’inizio della nostra avventura. Sì, esatto, nonostante l’aspetto da shooter in terza persona classica, Returnal possiede uno spirito da perfetto rogue like, quei giochi cattivissimi in cui non ci sono salvataggi. Lo vogliamo ribadire perché in questi giorni è montata una polemica mica da ridere: troppo gamer che magari non hanno a disposizione molte ore da passare davanti alla consolle saranno spesso immobilizzati nella loro progressione. Ma Selene continuerà sempre a chiedersi il perché di tale loop che sta alla base delle nostre come delle sue riflessione creando un perfetto binomio tra gioco e giocatore.

Selene, dal canto suo, anche grazie ai sessanta fotogrammi “di ferro”, potrà schivare con dovizia i proiettili laser che i nemici le tireranno addosso e grazie a una serie lunga, anzi lunghissima di potenziamenti, nuove armi e level-up (tutte perfettamente contestualizzate all’interno della narrativa di gioco) si potrà far del gran male ai nostri avversari attravero un combat-system tutt’altro che banale. Inoltre, attraverso l’uso dei dorsali del DualSense (per altro iper-stimolato nel ricreare, ad esempio, la pioggia battente) potrete, a seconda della pressione degli stessi, optare per un tipo di fuoco primario o secondario, con notevoli differenze. Ecco che il rogue like di cui vi parlavamo prima si contamina con elementi da style-action.

Caratterizzato da un’art-design di tutto rispetto, bellissimo da vedere e molto suggestivo, Returnal è un titolo rapido e frenetico, in cui i nemici, creature animali, piante carnivore o “altri” (lo ribadiamo, non vogliamo svelarvi troppo) non vi lasceranno mai tregua. Se è vero che si inizierà sempre dall’inizio, la nostra Selene non sarà sempre uguale a se stessa. Se abbiamo trovato una pistola potenziata o una carabina a frammentazione, una volta morti non imbracceremo subito quest’arma ma la potremo trovare poco distante dal punto “di rinascita” in un misterioso sarcofago-contenitore. Ecco che Returnal, con le sue vibrazioni di horror-cosmico aggiunge un layer di stratificazione a un gameplay raffinato e ricco, sostenuto da una narrativa intrigante e che spinge il lettore a volerne saperne di più.

Returnal, per tutta questa serie di considerazioni, non soltanto è un titolo che vi consigliamo e che vi terrà letteralmente incollati davanti al vostro schermo, ma è anche un gioco che raggiunge uno dei vertici del genere di appartenenza che potremmo definire come rogue lite, ovvero un rogue like “spurio” (un uroboro ferale, un Miðgarðsormr , un serpente che si morde la coda o qualsivoglia simbolo dell’infinito). E poi la narrativa è appunto stimolante, il doppiaggio italiano molto ispirato (il gioco inizierà nella lingua con la quale è impostata la vostra console) e il gameplay competitivo e frenetico. Ecco perché abbiamo intitolato questo pezzo “Corri, salta e spara“, proprio come uno dei migliori podcast videoludici in circolazione: perché in Returnal morire è facile, ma è ancora più semplice divertirsi.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >