Geek
di Mattia Nesto 1 Febbraio 2019

Sono passati vent’anni ma Silent Hill fa ancora paura

Abbiamo giocato di nuovo al titolo Konami e ce la siamo fatta sotto come la prima volta

Una città sepolta da una fitta coltre di nebbia. Un padre disperato, orfano di sua figlia persa chissà dove. E quelle voci, anzi quei versi, a metà strada tra un animale feroce e un incubo partorito dalla nostra mente, che ad ogni angolo, strada o vicolo incessantemente trapassano le nostre orecchie. Raramente un videogioco, specie all’alba del 1999, era stato in grado di dare una serie di sensazioni così forti e disturbanti come Silent Hill (il cui titolo originale, Sairento Hiru, è uno dei più belli della storia videoludica recente). A vent’anni dall’uscita di questo titolo noi di Dailybest siamo tornati in quella cittadina statunitense per capire come mai, assieme al suo “gemello diverso” Resident Evil/Biohazzard, Silent Hill sia rimasto tatuato indelebile nella nostra mente.

Senza ombra di dubbio uno dei motivi di successo, anche artistico, di Silent Hill, è stato sfruttare appieno tutti i limiti del motore grafico della Playstation 1 che, già nel ’99, dava i primi segnali di inquietante “vecchiaia”. Già perché la famosa nebbia di SH è stata una geniale scelta operata dal team di designer capitanato da Keiichiro Toyama: come fare a rendere una città infestata da mostri di ogni forma e dimensione quando l’engine non permette una tale follia creativa? Semplice: si copre tutto di un manto di nebbia spesso e impenetrabile, di modo che il motore grafico abbia tutto il tempo di computare i propri mostri, sempre pronti a ghermirci senza farsi vedere.

Già la vista. SH ha offerto ai videogiocatori di vent’anni fa (anche nel suo, splendido, secondo capitolo) alcune tra le vedute più spaventose della storia del gaming odierno, con in più un’aggiunta. Se infatti Resident Evil (di cui in questi giorni Capcom ha rilasciato quella mina assoluta di remake che non ci fa dormire la notte) ha da sempre puntato sull’immaginario zombie e sulle aberrazioni biologiche di una multinazionale, SH, in modo forse più raffinato, è connaturato invece da un continuo rimando introspettivo, psicologico e letterario: le creature della cittadina sono infatti a metà strada tra i demoni del subconscio e le citazioni di Lovecraft.

Il protagonista, Harry Mason, passa senza soluzione di continuità da uno stato di veglia nella dimensione normale, ad una specie di “ipnosi” che lo trascina in una dimensione demoniaca, dove, neanche a farlo apposta, SH raggiunge i vertici assoluti in fatto di brividi. Harry, che ricordiamo ha perso, misteriosamente, sua figlia nei primi attimi di gioco, infatti troverà via via sempre più indizi, tra cui foto, disegni e porzioni di diario, che paiono apparentemente appartenere Cheryl o a una bambina che le assomiglia in maniera inquietante.Inquietante, questa è la parola chiave di SH. Infatti questo è un gioco che al contrario di Resident Evil, il “paese della cuccagna” degli amanti dei jump-scare, ti attanaglia nel profondo, con scene talmente da incubo che ancora adesso ci fanno sprofondare in un baratro di profonda inquietudine e insicurezza Ma non tanto perché le creature sono mostruose no, c’è qualcosa di più. E quel qualcosa in più è che le creature di SH sono, letteralmente, il risultato della celebre acquaforte El sueño de la razón produce monstruos di Francisco Goyal’horror di Silent Hill è proprio dentro di noi (e siamo certi che se Goya lo avesse provato se ne sarebbe innamorato!).

Così come, anni e anni dopo, se ne sono innamorati quei due pezzi da novanta di Guillermo del Toro e Hideo Kojima i quali tra il 2012 e il 2014 hanno iniziato a lavorare a P.T., quel formidabile teaser interattivo (di fatto una delle più belle demo della Storia) che sarebbe stato il giusto, anzi giustissimo prodromo a Silent Hills, il reboot firmato giustappunto Kojima – Del Toro. Purtroppo, anche a causa dei noti scazzi durante la realizzazione di Metal Gear V – The Phantom Pain (qui Sabaku si triggera come nelle migliori delle occasioni), Kojima se ne è andato sbattendo la porta e aprendo uno studio di produzione tutto suo, il Kojima Productions alle prese con Death Stranding su cui, praticamente ogni giorno ci lambicchiamo il cervello.

Tuttavia certo è che Silent Hill non solo è stato una pietra miliare nella storia videoludica ma anche una delle più grandi opere horror mai concepite. Quindi se stasera, magari complice il maltempo, rientrerete in casa un pelino prima sarà meglio guardarsi intorno con più attenzione: proprio là, nell’angolo più buio della vostra coscienza, un mostro perverso potrebbe aspettarvi.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >