Libri
di Chiara Longo 18 Luglio 2016

La parodia oltre la parodia: Il Buio in Sala di Leo Ortolani

L’autore di Rat-Man e le sue recensioni a fumetti: un volume dedicato ai film che ha amato (o non molto amato…) sul grande schermo negli ultimi anni

libro recensioni film fumetti leo ortolani Un dettaglio della copertina di Buio in sala, di Leo Ortolani  Un dettaglio della copertina di Il buio in sala, di Leo Ortolani

 

Per chi segue Leo Ortolani, il volume Il buio in sala non è una novità: si tratta della raccolta delle sue recensioni di film a fumetti, già pubblicate su Come non detto, il suo blog, con l’aggiunta di 19 recensioni completamente inedite.

Si tratta per lo più di film sui supereroi, da cui Ortolani è partito la prima volta, con il film Marvel The Avengers. Scorrendo la lista dei film però si capisce come Leo Ortolani si confermi ancora una volta come un nerd a 360°, un nerd da amare, con un’intelligenza fuori dal comune – e lo sapevamo da decenni – e ferrato non solo in tema di supereroi che adora e conosce a menadito tanto da crearne uno suo: ma anche appassionato di fantascienza e di azione.

 

Lui lo conosciamo bene  Lui lo conosciamo bene

 

Rat-Man, il suo personaggio più noto, è un perfetto mix di tutte queste cose: con l’aggiunta dell’assurdo e dei tempi comici di Ortolani, il fumettista pisano – ma cresciuto a Parma – ha saputo creare una saga complessa e un intero mondo narrativo, una storia appassionante e un cast corale di personaggi indimenticabili. Inoltre Ortolani ci aveva mostrato la sua bravura sia con storie sulla lunga distanza come Venerdì 12, sia sui brevi sketch dell’esperienza del militare e della cumpa di amici nelle strisce inserite in Rat-Man collection.

Conoscevamo già la sua abilità con le parodie (ricordate Ratmax, 299+1, Il signore dei ratti?) e proprio lì si colloca la raccolta de Il buio in sala, a metà tra la recensione e la parodia, la storia e la freddura. Tutti espedienti narrativi di Ortolani che conoscevamo già, ma che la sua brillante comicità non ci fa stancare mai di leggere.

E quando ti ritrovi a leggere di gusto recensioni di film che non hai visto, capisci che le strisce di Ortolani vivono di vita propria al di là dell’originale.

 

Una pagina di Il Buio in Sala  Una pagina di Il Buio in Sala

 

 

Per definizione, per comprendere a pieno una parodia bisognerebbe conoscere il testo cui si rivolge. La finezza di Ortolani sta nel superare questo limite e nel caratterizzare le recensioni tanto da renderle micronarrazioni.

Per farlo, utilizza tanti punti di vista diversi: ritrae le sue reazioni alla visione del film (Gli Avengers), ne racconta la trama o si immagina gli sceneggiatori in fase di scrittura e i registi sul set.

Quando non sceglie la via diretta del racconto del film (Transformers 2), Ortolani racconta come potrebbero essere andate le cose dietro le quinte. Troviamo ancora altre cose tipiche della comicità di Ortolani: la ripetizione (Dai ard), la freddura (Jurassic love), che dimostrano come Ortolani sia abile sia nel raccontare che su poche vignette.

A volte gliene basta una sola per contenere tutto questo. La ripetizione inoltre, diventa essa stessa motore dell’azione, rendendo di fatto la comicità la storia stessa.

Una comicità di grana grossa, quella di Ortolani, che non è mai andato per il sottile su argomenti come sesso, transessuali, porno e micropeni, ma che poggia sempre sull’intelligenza del suo autore che riesce a rendere irresistibili anche le battute e le vignette al grado zero della comicità.

 

Una doppia pagina di Il Buio in Sala di Leo Ortolani  Una doppia pagina di Il Buio in Sala di Leo Ortolani

 

Il buio in sala si legge di gusto, sia per chi già conosce Ortolani e non vede l’ora di leggere cosa si sarà inventato, sia per chi  non conosce questo fumettista – in questo caso vi consigliamo di recuperare alla svelta.

Ortolani meritava questo bel tomo curato da Bao Publishing, e lo dimostrano anche le attestazioni di stima dei colleghi come Zero Calcare, Giacomo Bevilacqua e Roberto Recchioni che aprono il libro con tre tavole a lui dedicate.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,20 €

Il mare spiegato ai miei nipoti

Se anche a voi piace il mare e magari siete anche dei tipi scientifici o perlomeno curiosi, allora questo bel libretto può aiutarvi a conoscere meglio l'ecosistema del mare, i suoi segreti e la sua importanza. Scritto da Hubert Reeves e Yves Lancelot è un libro di divulgazione scientifica sul mare, che potete leggere con i vostri figli. Invece delle solite banalità fantasy. :-)
5,99 €

L'universo spiegato ai miei nipoti

Le risposte di un nonno astrofisico alle domande della nipotina raccolte in questo piccolo libretto. Hubert Reeves è un grande divulgatore e questo è un libro perfetto per cominciare a scoprire i misteri dell’Universo con i propri figli e nipoti.
14,45 €

L'inverno d'Italia: Il fumetto di Davide Toffolo sui campi di concentramento italiani

Grazie a Coconino Press è uscita la nuova edizione di L’inverno d’Italia, il fumetto sulla vergognosa pagina della storia italiana: i campi d’internamento italiani in cui finirono migliaia di cittadini sloveni. Una storia poco conosciuta raccontata qui con le illustrazioni del bravissimo Davide Toffolo.
11,57 €

Sad Animal Facts

Il mondo visto dal punto di vista degli animali è ricco di sfortunate verità, humor delizioso e malinconico. Un libretto con 150 disegni fatti a mano di animali, ciascuno accostato ad un fatto scientifico che lo riguarda e al suo pensiero a proposito. Si chiama Sad Animal Facts e l'autrice è l'americana Brooke Barker.  
10,47 €

Sticky monsters

John Kenn Mortensen è un artista danese con l’ossessione per i mostri dell’infanzia. In questo splendido, tenero e terrificante galleria disegna bestie pelose, demoni terribili e simpatici, incubi a prova di bambino su dei Post-it!
15,30 €

Fumetto Paper girls vol.1

Il fumetto Paper Girls, il primo volume di 144 pagine è uscito il 25 agosto 2016 per BAO Publishing e si candida a essere il perfetto incontro tra Ghostbusters e Stranger Things. Paper Girls è infatti una serie scritta e disegnata da Brian K. Vaughan e Cliff Chiang, che va a collocarsi tra i Goonies, Stand By Me e la Guerra dei mondi, ma con una particolarità non da poco: stavolta le esploratrici in sella alle BMX sono tutte ragazze. Un Sacro Graal per tutti i retromaniaci amanti del vintage, che si candida a diventare un nuovo cult.
85,00 €

Codex Seraphinianus

Volete provare quello che prova un bambino quando sfoglia un libro? Cioè, come ci si sente a guardare un libro e non capire proprio niente? Nel tentativo di farci provare qualcosa di simile, Luigi Serafini negli anni '70 scrisse e disegnò una specie di enciclopedia assurda, che illustra e racconta un mondo fantastico e decisamente impossibile, descritto per filo e per segno con un linguaggio inventato, caratteri incomprensibili che sembrano a prima vista un alfabeto cifrato, ma che in realtà son proprio segni a caso (come più tardi ha chiarito lo stesso autore). Un bel librone assurdo.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >