Libri
di Stefano Disastro 25 Gennaio 2018

Il nuovo libro di Massimo Bottura è bellissimo (e giusto)

Dalla straordinaria esperienza del Refettorio Ambrosiano, un libro che raccoglie 150 ricette di 50 chef internazionali contro lo spreco alimentare

Se Massimo Bottura non fosse il super chef che è, potrebbe benissimo fare lo scrittore (e le due cose non si escludono necessariamente a vicenda, anzi). L’avevo già pensato con ‘Vieni in Italia con me’, il primo bellissimo libro di Bottura uscito nel 2014 sempre per Phaidon. ‘Vieni in Italia con me’ era un vero e proprio romanzo autobiografico attraverso le ricette e la storia dell’Osteria Francescana, uno di quei libri talmente ben scritti e reali che ti catturano anche se sei distante anni luce dall’argomento trattato (l’esempio facile che si fa a riguardo è ‘Open’ di Agassi, sul mondo del tennis).

Questo ‘Il pane è oro’ non si smentisce, mantiene alto il livello del racconto in cui il cibo è il punto di partenza (e di arrivo). “Ingredienti straordinari per piatti straordinari” recita giustamente il sottotitolo, dove di straordinario c’è il progetto che è alla base del libro, ovvero quei Refettori che Bottura con la moglie stanno aprendo in tutto il mondo, attraverso la fondazione Food for Soul.  Questi Refettori sono delle mense speciali che utilizzano gli esuberi di cibo dei supermercati e di altri fornitori locali per offrire pasti sani e stagionali alle persone in difficoltà. Al momento sono attivi a Milano, Bologna, Modena, Rio de Janeiro e ne sta aprendo uno a Londra.

Facciamo un breve passo indietro per capire meglio di cosa stiamo parlando e perchè il tutto si lega a questo libro.

In occasione di Expo 2015 a Milano, il cui tema ricordiamolo era ‘Nutrire il Pianeta’, racconta Bottura che invece di esaudire tutte le richieste di semplici showcooking o presentazioni o altro che riceveva ogni giorno, “sognavo un  padiglione in cui i migliori cuochi del mondo potessero cucinare con gli avanzi dell’Expo per nutrire i più bisognosi”. Detto, fatto. Grazie all’appoggio della Caritas Ambrosiana, questo sogno diventa realtà. Dal 28 maggio 2015 apre il Refettorio Ambrosiano, in un teatro abbandonato in zona Greco a Milano, che servirà (e continua a servire) pasti a migliaia di bisognosi.

“Il pane è oro” è il risultato di quell’esperienza straordinaria, è quello che si potrebbe definire un libro corale: propone pasti di tre portate concepiti da oltre 50 tra più grandi chef del mondo (da Alain Ducasse a Carlo Cracco, da Davide Oldani a René Redzepi e Ferran Adrià), invitati personalmente da Bottura a cucinare al Refettorio di Milano durante i giorni di Expo 2015. Questi chef superstar hanno potuto dimostrare sul campo di essere capaci di trasformare gli ingredienti che quotidianamente arrivavano in un menu completo servito a un migliaio di persone al giorno. Niente male vero? A me solo a scriverlo mi vengono i brividi.

“Il pane è oro” raccoglie 150 ricette, la maggior parte delle quali sono davvero semplici, con ingredienti economici e alla portata di tutti. Come scrive Bottura

“Sono ricette che possono essere realizzate da chiunque, dunque, a un bassissimo costo. Non servono strumenti particolari. Serve soltanto tempo, energia e creatività. Queste ricette sono state scritte per persone reali e scritte per chi cucina a casa”

Un libro prezioso nella forma e nel contenuto quindi. Curatissimo nella scelta della carta riciclata per le pagine interne (che richiama la carta in cui il panettiere vi serve il pane) e nella sovracopertina in carta di riso, impreziosita da inchiostro oro per il titolo. Ed è un libro che fa del bene, come recita la 2° di copertina: “Questo libro è dedicato alla lotta contro lo spreco alimentare. Tutti i ricavati saranno donati a Food For Soul per creare e sostenere Refettori in tutto il mondo”.

Perchè, per usare ancora le parole di Bottura

“Quale sarà il ruolo degli chef per definire il futuro dell’alimentazione ? Oggi, è una responsabilità sociale più che mai. Gli chef non sono solo responsabili dei clienti che servono a tavola, ma anche della comunità attorno a loro – i contadini, i produttori, gli artigiani – e della generazione che seguirà le orme. Gli chef stanno diventando ambasciatori di cultura, influenti pensatori e importanti attivisti. Ma c’è qualcos’altro che noi chef possiamo fare per rendere questo mondo un posto migliore – un posto più buono. (…) Cucinare è anche trasformare. mettere insieme tanti piccoli pezzi e ammirarne l’armonia. La vera bellezza è essere coscienti del valore di qualcosa che sembra non averne affatto. Qualcosa di recuperato è qualcosa di guadagnato in fondo.

Davvero un bel libro, in tutti i sensi.

‘Il pane è oro’

di Massimo Bottura & Friends
424 pagine
Editore: L’Ippocampo

Compra | su Amazon

 

.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
19,90 €

Chineasy, il libro per imparare il cinese

Vuoi imparare il cinese? Ci sono 200 simboli fondamentali con i quali si può capire all’incirca il 40% del cinese scritto, dai menu al ristorante, ai cartelli stradali, spot televisivi e scritte sui giornali. Per spiegare e memorizzare questi simboli c’è questo bel libro: Chineasy.
31,30 €

In her kitchen

Noi tutti amiamo le nonne. Con il loro profumo di borotalco e naftalina, il grembiule sempre indosso come se fosse un’uniforme, lo sguardo eternamente dolce e affettuoso. Questo libro fotografico di Gabriele Galimberti ne racconta le cucine, i luoghi per definizione, delle nonne.
124,76 €

More than human

Gli animali sono più umani di noi? Forse. E’ questo il lavoro del fotografo londinese Tim Flach, che raccoglie in un volume tutti i suoi migliori scatti di animali che sembrano più umani degli esseri umani. Un librone pieno di grosse, bellissime e dettagliatissime foto che vi lasceranno senza parole.
11,57 €

Sad Animal Facts

Il mondo visto dal punto di vista degli animali è ricco di sfortunate verità, humor delizioso e malinconico. Un libretto con 150 disegni fatti a mano di animali, ciascuno accostato ad un fatto scientifico che lo riguarda e al suo pensiero a proposito. Si chiama Sad Animal Facts e l'autrice è l'americana Brooke Barker.  
21,16 €

Un anno al vetriolo. Los Angeles Police Department, 1953

Ottantacinque foto della polizia di L.A. del 1953 diventano racconti scritti da uno dei più grandi scrittori americani viventi, un po' duro e crudo, per fare un viaggio all'inferno nella città degli angeli.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
28,90 €

Al di là delle parole. Che cosa provano e pensano gli animali

Abituati ad anni ed anni a guardare documentari prima su Superquark e poi sui vari canali satellitari o su Netflix, quando si inizia a leggere Al di là delle parole di Carl Safina, libro appena uscito per Adelphi, si è convinti di sapere tutto sul mondo degli animali. E invece no, leggendo il libro si capisce come non sappiamo proprio niente.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >