Libri
di Gabriele Ferraresi 5 Luglio 2016

Da “Ciaone” a “Bacissimi”, tutte le parole orrende del nostro tempo

Nate su Twitter, le #ParoleOrrende adesso diventano magneti da frigo per Tic Edizioni. Ma la lingua italiana non ha colpe: la colpa è solo nostra

parole orrende magnetiche vincenzo ostuni TIC Edizioni - “La colonnina di mercurio”

 

“Ciaone, bacissimi!” argh… maledetti, maledetti, voi e le vostre parole orrende! Perché luogo comune vuole che l’italiano sia una lingua meravigliosa, e in quel luogo comune c’è molto di vero. Il problema però sono gli italiani.

Sì, il problema siamo noi, e il nostro uso della lingua, che a volte crea mostri: i mostri sono le parole orrende che l’editor, poeta e scrittore Vincenzo Ostuni – qui il suo sito – raccoglie da anni: su Twitter cercate l’hashtag #ParoleOrrende, ci sono tutte, e da poco le #ParoleOrrende sono diventate per TIC Edizioni anche magnetiche.

Un grande lavoro fatto insieme su Twitter, grazie al contributo di chi ha seguito Vincenzo nella sua ricerca del brutto che ora si è trasformato in paroline piccole piccole che si attaccano a ogni superficie metallica – come quella del frigo per esempio – e permettono di comporre così orrendi poemi cut-up, fastidiosissimi sì, ma anche molto divertenti.

 

parole orrende magnetiche vincenzo ostuni TIC Edizioni

 

A noi l’idea di Vincenzo Ostuni è piaciuta moltissimo, così lo abbiamo contattato per farci raccontare qualcosa di più su questa curiosa impresa editoriale, il cui ricavato andrà devoluto all’Accademia della Crusca.

Quali sono state le prime parole orrende che hai individuato?
È nato tutto durante una chiacchierata a Milano qualche anno fa – dove temo si generi il 99% delle parole orrende, ndr – quando abbiamo elencato le parole che ci facevano più ridere, che erano goffe, sgradevoli: per esempio il “piuttosto che” non utilizzato come avversativo, ma anche “insalatona”, “impattante”, “mutandine”, c’erano parole di tutti i tipi. E da lì è nata l’idea di fare un hashtag su Twitter, #ParoleOrrende che raccogliesse con l’aiuto di tutti questo genere di parole, che all’inizio erano solo singoli termini, poi sono arrivate le locuzioni, o i termini composti.

 

 

Le parole orrende sono in parte neologismi, frammenti di una lingua che cambia e prende nuove forme. Ma ce ne sono anche di storicamente orrende
Infatti, non sono solo neologismi: sono anche forme, anche parole che si usano da sempre, ma in contesti nuovi. Per esempio: molto nelle parole orrende ha a che fare con nuove forme di ipocrisia sociale, o di pseudocortesia, o mascheramento di rapporti di potere. Una parola orrenda che non è un neologismo per esempio è “sentiamoci”: da qualche tempo va di moda “sentiamoci” invece di dire “ti chiamo domani” “ci vediamo stasera”. Dire “sentiamoci” ha una doppia funzione: tiene nel vago i rapporti, evita la puntualità dell’impegno, e dall’altro lato di fatto è un modo apparentemente cortese ma in realtà prepotente di chiedere all’altra persona di contattarti. “Sentiamoci”: quindi chiamami tu. Ci sono tantissime forme di parole orrende.

 

parole orrende magnetiche vincenzo ostuni TIC Edizioni - “motorello”

 

Dovessi dire una delle mie preferite tra le parole orrende, direi “apericena”
L’apericena fa parte di quelle parole orrende che riguardano questioni di status. Ovvero: molto spesso parole che la piccola borghesia usa per attribuirsi un prestigio, o un’importanza, o un’apparenza superiore. L’apericena è un modo per chiamare un aperitivo rinforzato che è la forma di nutrimento di chi non ha i soldi per andare al ristorante. Termini apparentemente gradevoli – per quello che di fatto è uno spuntino, per quanto abbondante, di accompagnamento a un aperitivo – che sono un modo per darsi un prestigio in un momento di carenza collettiva, di difficoltà economiche. Apericena è abbastanza proverbiale. Poi c’è l’aperi- qualsiasi cosa.

Trovo sempre straordinario l’aperizumba, l’aperitivo al ritmo di zumba
Non c’è fine, il prefisso aperi- si può attaccare ovunque.

 

parole orrende magnetiche vincenzo ostuni TIC Edizioni

 

Vedo che tra le parole orrende c’è molto aziendalese: la “exit strategy”, l’implementare… l’aziendalese è orrendo, ma perché è orrendo?
Sì, l’aziendalese è una delle grandi fonti di parole orrende. Ma non sono solo brutte in sé, perché nell’ambito dell’azienda le parole orrende sono utilizzate come strumento di dominio. Sono un segnale di prevaricazione nei confronti di chi non le conosce o utilizza. Si fa a gara a chi utilizza più aziendalese tra manager, capi, vicecapi… l’aziendalese è centrale nella nascita delle parole orrende. E del resto, aziendalese e burocratese sono grandi fonti di orrori: briffare, feedback, monitorare, schedulare, spesso sono anglismi quelli che diventano parole orrende.

Ce n’è una tua preferita tra queste parole orrende? 
Il “piuttosto che” usato male. Un’altra che mi fa tanto ridere è “di cui uno macchiato”, quando qualcuno è al bar. Oppure “piacerissimo”, o “anche no”, mentre “paradossalmente” ha avuto una stagione in cui era molto popolare, con una diffusione pandemica. Per fortuna ora sembra finita.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

14,45 €

L'inverno d'Italia: Il fumetto di Davide Toffolo sui campi di concentramento italiani

Grazie a Coconino Press è uscita la nuova edizione di L’inverno d’Italia, il fumetto sulla vergognosa pagina della storia italiana: i campi d’internamento italiani in cui finirono migliaia di cittadini sloveni. Una storia poco conosciuta raccontata qui con le illustrazioni del bravissimo Davide Toffolo.
19,90 €

Chineasy, il libro per imparare il cinese

Vuoi imparare il cinese? Ci sono 200 simboli fondamentali con i quali si può capire all’incirca il 40% del cinese scritto, dai menu al ristorante, ai cartelli stradali, spot televisivi e scritte sui giornali. Per spiegare e memorizzare questi simboli c’è questo bel libro: Chineasy.
10,20 €

Il mare spiegato ai miei nipoti

Se anche a voi piace il mare e magari siete anche dei tipi scientifici o perlomeno curiosi, allora questo bel libretto può aiutarvi a conoscere meglio l'ecosistema del mare, i suoi segreti e la sua importanza. Scritto da Hubert Reeves e Yves Lancelot è un libro di divulgazione scientifica sul mare, che potete leggere con i vostri figli. Invece delle solite banalità fantasy. :-)
50,00 €

Il libro di cucina di Salvador Dalì

Nel 1973 il grande artista surrealista Salvador Dalì pubblicò un libro di cucina, intitolato Les Diners de Gala, il cui titolo è un abile gioco di parole che riguarda sia le cene di gala, sia quelle che lui e sua moglie Gala organizzavano per gli ospiti. E' un libro per un tipo di cucina opulenta. Al suo interno, 136 ricette divise in 12 capitoli, incluso quello sui cibi afrodisiaci.
25,00 €

Il libro di ricette italiane illustrato da Olimpia Zagnoli

Questo libro contiene 140 ricette di piatti italiani, scritte in francese e arricchite di tante belle illustrazioni di Olimpia Zagnoli. Con molto amore. Olimpia Zagnoli è un’illustratrice italiana diventata famosa negli Stati Uniti, dove ha avuto l’onore di illustrare le prestigiose pagine del New York Times e del New Yorker. Ha girato video musicali e firmato copertine di libri, ha lavorato per Taschen e non sembra volersi fermare più.  
15,30 €

Fumetto Paper girls vol.1

Il fumetto Paper Girls, il primo volume di 144 pagine è uscito il 25 agosto 2016 per BAO Publishing e si candida a essere il perfetto incontro tra Ghostbusters e Stranger Things. Paper Girls è infatti una serie scritta e disegnata da Brian K. Vaughan e Cliff Chiang, che va a collocarsi tra i Goonies, Stand By Me e la Guerra dei mondi, ma con una particolarità non da poco: stavolta le esploratrici in sella alle BMX sono tutte ragazze. Un Sacro Graal per tutti i retromaniaci amanti del vintage, che si candida a diventare un nuovo cult.
49,77 €

Before they pass away

Il libro del fotogrfo inglese Jimmy Nelson raccoglie le immagini delle popolazioni che stanno scomparendo dal pianeta. Non sono solo alcune specie di animali che si stanno estinguendo, ma anche diverse popolazioni di uomini e donne che vivono ai margini del mondo o in luoghi remoti, al limite della storia e dell'esistenza, con tradizioni, usanze e costumi bellissimi. Foto emozionanti, da pelle d'oca.
5,99 €

L'universo spiegato ai miei nipoti

Le risposte di un nonno astrofisico alle domande della nipotina raccolte in questo piccolo libretto. Hubert Reeves è un grande divulgatore e questo è un libro perfetto per cominciare a scoprire i misteri dell’Universo con i propri figli e nipoti.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >