Libri
di Gabriele Ferraresi 5 Luglio 2016

Da “Ciaone” a “Bacissimi”, tutte le parole orrende del nostro tempo

Nate su Twitter, le #ParoleOrrende adesso diventano magneti da frigo per Tic Edizioni. Ma la lingua italiana non ha colpe: la colpa è solo nostra

parole orrende magnetiche vincenzo ostuni TIC Edizioni - “La colonnina di mercurio”

 

“Ciaone, bacissimi!” argh… maledetti, maledetti, voi e le vostre parole orrende! Perché luogo comune vuole che l’italiano sia una lingua meravigliosa, e in quel luogo comune c’è molto di vero. Il problema però sono gli italiani.

Sì, il problema siamo noi, e il nostro uso della lingua, che a volte crea mostri: i mostri sono le parole orrende che l’editor, poeta e scrittore Vincenzo Ostuni – qui il suo sito – raccoglie da anni: su Twitter cercate l’hashtag #ParoleOrrende, ci sono tutte, e da poco le #ParoleOrrende sono diventate per TIC Edizioni anche magnetiche.

Un grande lavoro fatto insieme su Twitter, grazie al contributo di chi ha seguito Vincenzo nella sua ricerca del brutto che ora si è trasformato in paroline piccole piccole che si attaccano a ogni superficie metallica – come quella del frigo per esempio – e permettono di comporre così orrendi poemi cut-up, fastidiosissimi sì, ma anche molto divertenti.

 

parole orrende magnetiche vincenzo ostuni TIC Edizioni

 

A noi l’idea di Vincenzo Ostuni è piaciuta moltissimo, così lo abbiamo contattato per farci raccontare qualcosa di più su questa curiosa impresa editoriale, il cui ricavato andrà devoluto all’Accademia della Crusca.

Quali sono state le prime parole orrende che hai individuato?
È nato tutto durante una chiacchierata a Milano qualche anno fa – dove temo si generi il 99% delle parole orrende, ndr – quando abbiamo elencato le parole che ci facevano più ridere, che erano goffe, sgradevoli: per esempio il “piuttosto che” non utilizzato come avversativo, ma anche “insalatona”, “impattante”, “mutandine”, c’erano parole di tutti i tipi. E da lì è nata l’idea di fare un hashtag su Twitter, #ParoleOrrende che raccogliesse con l’aiuto di tutti questo genere di parole, che all’inizio erano solo singoli termini, poi sono arrivate le locuzioni, o i termini composti.

 

 

Le parole orrende sono in parte neologismi, frammenti di una lingua che cambia e prende nuove forme. Ma ce ne sono anche di storicamente orrende
Infatti, non sono solo neologismi: sono anche forme, anche parole che si usano da sempre, ma in contesti nuovi. Per esempio: molto nelle parole orrende ha a che fare con nuove forme di ipocrisia sociale, o di pseudocortesia, o mascheramento di rapporti di potere. Una parola orrenda che non è un neologismo per esempio è “sentiamoci”: da qualche tempo va di moda “sentiamoci” invece di dire “ti chiamo domani” “ci vediamo stasera”. Dire “sentiamoci” ha una doppia funzione: tiene nel vago i rapporti, evita la puntualità dell’impegno, e dall’altro lato di fatto è un modo apparentemente cortese ma in realtà prepotente di chiedere all’altra persona di contattarti. “Sentiamoci”: quindi chiamami tu. Ci sono tantissime forme di parole orrende.

 

parole orrende magnetiche vincenzo ostuni TIC Edizioni - “motorello”

 

Dovessi dire una delle mie preferite tra le parole orrende, direi “apericena”
L’apericena fa parte di quelle parole orrende che riguardano questioni di status. Ovvero: molto spesso parole che la piccola borghesia usa per attribuirsi un prestigio, o un’importanza, o un’apparenza superiore. L’apericena è un modo per chiamare un aperitivo rinforzato che è la forma di nutrimento di chi non ha i soldi per andare al ristorante. Termini apparentemente gradevoli – per quello che di fatto è uno spuntino, per quanto abbondante, di accompagnamento a un aperitivo – che sono un modo per darsi un prestigio in un momento di carenza collettiva, di difficoltà economiche. Apericena è abbastanza proverbiale. Poi c’è l’aperi- qualsiasi cosa.

Trovo sempre straordinario l’aperizumba, l’aperitivo al ritmo di zumba
Non c’è fine, il prefisso aperi- si può attaccare ovunque.

 

parole orrende magnetiche vincenzo ostuni TIC Edizioni

 

Vedo che tra le parole orrende c’è molto aziendalese: la “exit strategy”, l’implementare… l’aziendalese è orrendo, ma perché è orrendo?
Sì, l’aziendalese è una delle grandi fonti di parole orrende. Ma non sono solo brutte in sé, perché nell’ambito dell’azienda le parole orrende sono utilizzate come strumento di dominio. Sono un segnale di prevaricazione nei confronti di chi non le conosce o utilizza. Si fa a gara a chi utilizza più aziendalese tra manager, capi, vicecapi… l’aziendalese è centrale nella nascita delle parole orrende. E del resto, aziendalese e burocratese sono grandi fonti di orrori: briffare, feedback, monitorare, schedulare, spesso sono anglismi quelli che diventano parole orrende.

Ce n’è una tua preferita tra queste parole orrende? 
Il “piuttosto che” usato male. Un’altra che mi fa tanto ridere è “di cui uno macchiato”, quando qualcuno è al bar. Oppure “piacerissimo”, o “anche no”, mentre “paradossalmente” ha avuto una stagione in cui era molto popolare, con una diffusione pandemica. Per fortuna ora sembra finita.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,47 €

Sticky monsters

John Kenn Mortensen è un artista danese con l’ossessione per i mostri dell’infanzia. In questo splendido, tenero e terrificante galleria disegna bestie pelose, demoni terribili e simpatici, incubi a prova di bambino su dei Post-it!
5,99 €

L'universo spiegato ai miei nipoti

Le risposte di un nonno astrofisico alle domande della nipotina raccolte in questo piccolo libretto. Hubert Reeves è un grande divulgatore e questo è un libro perfetto per cominciare a scoprire i misteri dell’Universo con i propri figli e nipoti.
49,77 €

Before they pass away

Il libro del fotogrfo inglese Jimmy Nelson raccoglie le immagini delle popolazioni che stanno scomparendo dal pianeta. Non sono solo alcune specie di animali che si stanno estinguendo, ma anche diverse popolazioni di uomini e donne che vivono ai margini del mondo o in luoghi remoti, al limite della storia e dell'esistenza, con tradizioni, usanze e costumi bellissimi. Foto emozionanti, da pelle d'oca.
124,76 €

More than human

Gli animali sono più umani di noi? Forse. E’ questo il lavoro del fotografo londinese Tim Flach, che raccoglie in un volume tutti i suoi migliori scatti di animali che sembrano più umani degli esseri umani. Un librone pieno di grosse, bellissime e dettagliatissime foto che vi lasceranno senza parole.
21,16 €

Un anno al vetriolo. Los Angeles Police Department, 1953

Ottantacinque foto della polizia di L.A. del 1953 diventano racconti scritti da uno dei più grandi scrittori americani viventi, un po' duro e crudo, per fare un viaggio all'inferno nella città degli angeli.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
28,90 €

Al di là delle parole. Che cosa provano e pensano gli animali

Abituati ad anni ed anni a guardare documentari prima su Superquark e poi sui vari canali satellitari o su Netflix, quando si inizia a leggere Al di là delle parole di Carl Safina, libro appena uscito per Adelphi, si è convinti di sapere tutto sul mondo degli animali. E invece no, leggendo il libro si capisce come non sappiamo proprio niente.
11,57 €

Sad Animal Facts

Il mondo visto dal punto di vista degli animali è ricco di sfortunate verità, humor delizioso e malinconico. Un libretto con 150 disegni fatti a mano di animali, ciascuno accostato ad un fatto scientifico che lo riguarda e al suo pensiero a proposito. Si chiama Sad Animal Facts e l'autrice è l'americana Brooke Barker.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >