Musica
di Simone Stefanini 20 Settembre 2017

Cos’è la Gaiola, l’isola napoletana protagonista del nuovo pezzo di Liberato

L’isola maledetta di Napoli si è trasformata in portafortuna nella nuova canzone di Liberato

 still da youtube

 

Un’isola maledetta che diventa un portafortuna, una storia antica che diventa protagonista di una delle canzoni del momento.

L’isoletta di Gaiola è un’isola di fronte a Posillipo, raggiungibile a nuoto dalla spiaggia sotto al Parco del Virgiliano. Si trova all’interno del Parco sommerso di Gaiola un’area marina protetta, proprietà della Regione Campania, che si estende dal borgo di Marechiaro alla baia di Trentaremi. Un paradiso a ingresso limitato: ci si accede rilasciando il documento all’ingresso e non più di 100 persone per volta. Un luogo amato dai napoletani, che da qualche giorno è sulla bocca di tutti gli appassionati di musica grazie a una canzone di Liberato.

https://www.instagram.com/p/BZOcbJtH1h_/

Per chi non fosse particolarmente immerso nelle cose di musica e hype, Liberato è un progetto video-musicale, che ad oggi conta tre video firmati da Francesco Lettieri e altrettanti pezzi prodotti da un team misterioso, tutti cantati in napoletano e riguardanti storie d’amore che finiscono più o meno male, ambientate nei quartieri partenopei. Non si sa chi sia Liberato: nell’unica esibizione dal vivo, al MI AMI Festival dello scorso maggio, si sono presentati in tanti sul palco, ma l’identità dell’autore e producer è ancora sconosciuta. Grazie a questo mistero, Liberato è diventato in pochi mesi un fenomeno di culto e il suo ultimo pezzo, uscito non per caso il giorno di San Gennaro, si intitola Gaiola portafortuna e sfata il mito dell’isola maledetta di Napoli.

 

#napoli #gaiola #endlesssummer #sun #sea #relax #goodbye

A post shared by Giosi Cipollaro (@djgiosicipollaro) on

 

Un tempo l’isoletta era attaccata alla costa, ma oggi è scollegata dalla terraferma. In epoca romana era una zona residenziale in cui vi erano costruite le ville più belle, mentre oggi la Gaiola è un complesso di due isolette collegate da un ponticello. La vista è semplicemente meravigliosa.

 

#gaiola#lasciarelibero#lovenapoli

A post shared by ¿?? ¿ (@vitale_x) on

 

A dispetto del titolo del pezzo dedicato all’isoletta, la Gaiola non è stata esattamente portafortuna, a causa di alcuni fatti storici che ne hanno decretato la nomea di isola maledetta. Nel XVII secolo infatti viveva lì un eremita chiamato Lo Stregone, che tirava a campare con l’elemosina data dai pescatori del luogo. Dopo la sua morte, nel 1874 Luigi de Negri costruì la villa che ancora si erge a destra del complesso. Le sfortune vere e proprie, però, arrivano nel ‘900.

 

 

In quella villa, negli anni ’20 morì il proprietario, lo svizzero Hans Braun, che fu ritrovato avvolto in un tappeto. La moglie poco tempo dopo annegò in mare e un altro inquilino della villa, il tedesco Otto Grunback morì d’infarto in casa. Un altro proprietario, Maurice-Yves Sandoz morì in un manicomio svizzero e il barone Paul Karl Langheim perse tutti i suoi averi a causa delle feste incredibili che organizzava alla Gaiola.

Tra i proprietari anche la famiglia Agnelli, di cui tutti conosciamo la sorte sfortunata di alcuni membri e Paul Getty, altro proprietario, ha subito il sequestro del nipote da parte della ‘Ndrangheta.

 

L’isola e il suo complesso, per quanto meravigliosi, si sono trasformati in una sinistra leggenda metropolitana, che mischia fatti realmente accaduti e superstizione. Vedremo se la canzone di Liberato contribuirà a sfatare il mito e farla diventare quella che è realmente, uno dei luoghi più belli di Napoli.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
48,00 €

Speaker bluetooth

Cosa rende un film davvero speciale, si sa, è l'atmosfera che si crea guardandolo. E allora cosa c'è di più speciale se non cogliere una citazione, una canzone, un suono che ci riporta ad attimi della nostra vita. Quello che ti occorre, per ampliare il tuo udito e immergerti nella visione, sono sicuramente delle ottime casse. E se il tuo gusto è, a tratti, retrò questo modello bluetooth in legno ti renderanno subito protagonista di una pellicola 70 CARATTERISTICHE Gamma di trasmissione senza fili: 10M Rapporto di rumore audio: Circa 80db Capacità della batteria: 1500mAh Built-in tensione: 3.7V Normale volume di riproduzione: 6-10hr Specifiche dell'altoparlante: ¢ 52 MILLIMETRI Potenza altoparlante: 4Ω/5W Risposta in frequenza: 90HZ-20KHZ Formato del prodotto: 155x92x76mm Peso: 600g Tensione di carica: 5V/500MA contiene micro cavo di ricarica USB Prodotto con spedizione extra-UE. Tempi di consegna: 30 gg lavorativi.  
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >