La copertina dell'album "Purple Rain" di Prince
Musica
di Raffaele Portofino 24 Giugno 2020

In Minnesota vogliono rimpiazzare la statua di Cristoforo Colombo con quella di Prince

“Non ci sentiamo rappresentati da Colombo, vogliamo rendere onore a Prince”

In questi ultimi tempi, dopo l’omicidio di George Floyd da parte della polizia e dopo le rivolte da esso innescate, c’è stata una gran discussione sull’opportunità o meno di rimuovere le statue che raffigurano personaggi storici controversi, promotori di schiavitù o di genocidi in nome della supremazia del proprio popolo sugli altri.

A questo proposito, un gruppo di cittadini nel Minnesota ha lanciato una petizione con l’obiettivo di rimuovere una statua di Cristoforo Colombo nella capitale dello stato, San Paul. Al suo posto, vorrebbero costruire una statua in onore del più grande artista di Minneapolis, Prince Roger Nelson.

“In tutta la nazione, i governi delle città stanno scegliendo di rimuovere le statue dei suprematisti bianchi, i proprietari di schiavi e coloro che hanno minacciato il sostentamento dei neri. Qui in Minnesota, le comunità stanno spingendo la richiesta di far cadere il monumento di Stato a Cristoforo Colombo, un uomo che ha assassinato, violentato e ridotto in schiavitù i popoli neri e nativi nelle Americhe “, recita la petizione.

“Noi non crediamo che Colombo rappresenti i valori che portano i cittadini del Minnesota. Piuttosto che glorificare un uomo che voleva estinguere i popoli neri e nativi, dovremmo onorare i membri della nostra comunità, nella cui leadership troviamo fonte d’ispirazione”

In paroloni: Prince ci rappresenta, Cristoforo Colombo no.

Ironia della sorte, la petizione è stata effettivamente avviata nel 2017, prima dell’uccisione di George Floyd a Minneapolis e dei disordini razziali a livello nazionale. Tuttavia, negli ultimi giorni, la petizione ha assunto una nuova vita, con quasi 10.000 firme fino ad oggi.

Naturalmente, a differenza di Colombo, Prince era originario del Minnesota, e nel suo Stato visse e lavorò tutta la vita. Le sue ceneri risiedono ancora nella sua ex casa e studio, Paisley Park a Chanhassen, MN. Mentre Colombo per alcuni sembra essere stato un maniaco del genocidio, che torturava e mutilava migliaia (se non centinaia di migliaia) di indiani indigeni, Prince era un convinto sostenitore della giustizia sociale, ha combattuto per la libertà creativa e artistica, rispettando e promuovendo anche le musiciste di colore. Negli anni, ha usato anche la sua musica per il sociale e per combattere le ingiustizie. Baltimore, una delle sue ultime canzoni, parla proprio dell’omicidio di un cittadino di colore da parte della polizia.

Incredibilmente, Prince non ha ancora una statua nel suo stato d’origine, ma Colombo ce l’ha. Se vi interessa cambiare la Storia e il suo lascito, firmate qui.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >