Ambiente
di Giulio Pons 25 Giugno 2020

A Marina di Ravenna c’è un centro di ricerca sperimentale che lotta per la salvaguardia dell’Adriatico

Salvare gli animali è un lavoro. Simone d’Acunto ci racconta l’esperienza dei ragazzi di CESTHA, un centro di ricerca che collabora coi pescatori per proteggere l’ecosistema.

Si chiama CESTHA, acronimo che sta per Centro Sperimentale per la Tutela degli Habitat ed è una organizzazione no profit che si occupa di studi ambientali e salvaguardia delle specie a rischio, promuovendo una gestione sostenibile del mare, perché come disse Gandhi “Ci sono abbastanza risorse per soddisfare i bisogni di ogni uomo, ma non l’avidità di ogni uomo“. Questo gruppo di studiosi di biologia, ricercatori e appassionati di mare, salvano squali, tartarughe, razze, seppie, scorfani, aragoste, li curano e li rimettono in mare. Sembrano un po’ dei supereroi dell’Adriatico, pronti a convincere un pescatore che quei pesci siano troppo piccoli da vendere o poco buoni da mangiare e che sia meglio restituirli alla natura.

Abbiamo raggiunto Simone D’Acunto, direttore del centro di ricerca, per farci raccontare il loro lavoro.

Quanti siete in CESTHA e come siete finanziati?

In CESTHA lavorano 5 ricercatori fissi, più alcuni collaboratori occasionali a seconda dei progetti, in certi periodi eravamo in 9. Siamo finanziati attraverso l’esecuzione di progetti di ricerca e tutela ambientale che “agganciamo” ai fondi locali fino a quelli europei. Siamo un’associazione di professionisti (nel senso che è la nostra professione) e non ci avvaliamo di volontari. Non ci piace sfruttare la manodopera gratis solo perché le tartarughe piacciono a tutti.

E’ un lavoro a tempo pieno? Come è una vostra giornata di lavoro?

Sì! E’ un lavoro a tempo strapieno, vedi a che ora ti rispondo al PC! (ndr ride) Il bello è che non esiste una giornata uguale all’altra, una giornata standard varia dalle mansioni ordinarie del centro per chi è di turno in sede, che comprende alimentazione, cura e somministrazione delle terapie agli animali, alla nottata a bordo dei pescherecci per chi è impegnato su qualche progetto in mare.

Ci racconti un caso di salvataggio che vi ha particolarmente emozionato?

Te ne racconto due. Il trigone viola che abbiamo battezzato Sole, che era stato stupidamente preso a bastonate in spiaggia da un turista la scorsa estate e che siamo riusciti a salvare da condizioni critiche, ci sono voluti sei mesi di lunghe terapie e poi la tartaruga marina a cui abbiamo dato il nome Gaia Speed. Siamo riusciti a salvarla e guarirla da una gravissima polmonite questo inverno. Entrambe hanno avuto bisogno di lunghe cure e molteplici terapie, che vuol dire entrare nelle vasche a volte anche due volte al giorno. Le emozioni più grandi arrivano quando gli animali cominciano a stare meglio e iniziano a mangiare da soli, che è sempre un segno di ripresa e poi quando li rilasci nel loro ambiente naturale e li vedi scomparire dalla vista. Allora tutti gli sforzi, i sacrifici, i vestiti bagnati vengono ripagati. Sole è stata rilasciata a Gennaio, Gaia verrà rilasciata a fine estate probabilmente.

Il delicato momento della liberazione di Sole Cestha - Il delicato momento della liberazione di Sole

Quali sono le specie più colpite?

Tutte sono colpite purtroppo. Le tecniche di pesca sono tante e ognuna ha un bersaglio preciso, ma anche una specie bycatch differente, cioè una specie che viene catturata accidentalmente. In generale, però, possiamo dire che gli squali sono gli animali marini che se la passano peggio di tutti, sia perché sono oggetto di pesca mirata perché ce li mangiamo (palombo, spinarolo, smeriglio, verdesca, squalo volpe ecc), sia perché i pescatori sportivi spesso ne vanno a caccia come trofeo, ma soprattutto perché sono specie che si riproducono molto tardi, per cui spesso uccidiamo squali che non si sono ancora riprodotti, ergo, stiamo intaccando lo stock.

Dal vostro ruolo di osservatori, avete notato miglioramenti nell’ambiente marino con la pausa forzata delle attività durante la quarantena?

I miglioramenti probabilmente si vedranno tra alcuni mesi e forse l’anno prossimo. Comunque è sicuramente vero che arrestare il prelievo di animali generi degli effetti positivi sulle prossime generazioni, probabilmente gli animali hanno potuto riprodursi in pace in questi mesi.

Quali sono i comportamenti da seguire al mare per non inquinare e rispettare l’ambiente?

Guardare e non toccare è la regola di base. Vale per i bambini in spiaggia col retino e per i subacquei che si immergono. Poi raccogliere i rifiuti abbandonati, plastica compresa, aiuta sempre oltre a essere un gesto di civiltà, sia che ci si trovi al mare che in città. Il mare, infatti, inizia proprio nei tombini delle nostre città.

Per salvaguardare il mare bisogna collaborare con i pescatori Cestha - Per salvaguardare il mare bisogna collaborare con i pescatori

So che collaborate coi pescatori, ma vi capita mai di salvare animali contro la volontà dei pescatori?

Sì, capita (ndr Simone ride di gusto). Soprattutto quando si è imbarcati. il rapporto di fiducia che si crea è bilaterale tra il ricercatore il pescatore, siamo davvero bravi in questo e quindi si sa anche quanto si può osare a bordo. Per osare intendo buttare in mare di nascosto qualcosa che il pescatore avrebbe tenuto, consapevoli che anche se visti si riceve solo una flebile lamentela. Poi alle volte gli si compra anche qualche animale di pregio, si legga astici adulti, in modo da non intaccare il reddito della sua giornata e salvare comunque l’animale.

Per l’ambiente è più problematica la pesca o l’inquinamento?

Bella domanda. In realtà spesso le due cose viaggiano parallele e ognuna delle due agisce su un aspetto diverso della vita marina. Forse gli effetti della pesca si vedono in archi temporali più brevi, l’inquinamento alle volte è più subdolo e gli effetti si palesano solo quando è troppo tardi.

Non mangiamo gli squali Cestha - Non mangiamo gli squali

Una curiosità: siete vegetariani voi che salvate i pesci?

No, non occorre essere vegetariani per difendere l’ambiente. Crediamo che il giusto modo di fare le cose sia il compromesso e quindi ricerchiamo l’equilibrio tra l’attività di pesca e la sostenibilità. Ci potremmo definire consumatori consapevoli, nessuno di noi mangia e compra carne di squalo al supermercato, tutti mangiamo le cozze selvatiche di Marina di Ravenna e qualcuno mangia i cosiddetti pesci dimenticati, che sono sostenibili e non sovra sfruttati, come ad esempio i cefali che sono buonissimi!

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,90 €

Al di là delle parole. Che cosa provano e pensano gli animali

Abituati ad anni ed anni a guardare documentari prima su Superquark e poi sui vari canali satellitari o su Netflix, quando si inizia a leggere Al di là delle parole di Carl Safina, libro appena uscito per Adelphi, si è convinti di sapere tutto sul mondo degli animali. E invece no, leggendo il libro si capisce come non sappiamo proprio niente.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >