Ambiente
di Giulio Pons 25 Giugno 2020

A Marina di Ravenna c’è un centro di ricerca sperimentale che lotta per la salvaguardia dell’Adriatico

Salvare gli animali è un lavoro. Simone d’Acunto ci racconta l’esperienza dei ragazzi di CESTHA, un centro di ricerca che collabora coi pescatori per proteggere l’ecosistema.

Si chiama CESTHA, acronimo che sta per Centro Sperimentale per la Tutela degli Habitat ed è una organizzazione no profit che si occupa di studi ambientali e salvaguardia delle specie a rischio, promuovendo una gestione sostenibile del mare, perché come disse Gandhi “Ci sono abbastanza risorse per soddisfare i bisogni di ogni uomo, ma non l’avidità di ogni uomo“. Questo gruppo di studiosi di biologia, ricercatori e appassionati di mare, salvano squali, tartarughe, razze, seppie, scorfani, aragoste, li curano e li rimettono in mare. Sembrano un po’ dei supereroi dell’Adriatico, pronti a convincere un pescatore che quei pesci siano troppo piccoli da vendere o poco buoni da mangiare e che sia meglio restituirli alla natura.

Abbiamo raggiunto Simone D’Acunto, direttore del centro di ricerca, per farci raccontare il loro lavoro.

Quanti siete in CESTHA e come siete finanziati?

In CESTHA lavorano 5 ricercatori fissi, più alcuni collaboratori occasionali a seconda dei progetti, in certi periodi eravamo in 9. Siamo finanziati attraverso l’esecuzione di progetti di ricerca e tutela ambientale che “agganciamo” ai fondi locali fino a quelli europei. Siamo un’associazione di professionisti (nel senso che è la nostra professione) e non ci avvaliamo di volontari. Non ci piace sfruttare la manodopera gratis solo perché le tartarughe piacciono a tutti.

E’ un lavoro a tempo pieno? Come è una vostra giornata di lavoro?

Sì! E’ un lavoro a tempo strapieno, vedi a che ora ti rispondo al PC! (ndr ride) Il bello è che non esiste una giornata uguale all’altra, una giornata standard varia dalle mansioni ordinarie del centro per chi è di turno in sede, che comprende alimentazione, cura e somministrazione delle terapie agli animali, alla nottata a bordo dei pescherecci per chi è impegnato su qualche progetto in mare.

Ci racconti un caso di salvataggio che vi ha particolarmente emozionato?

Te ne racconto due. Il trigone viola che abbiamo battezzato Sole, che era stato stupidamente preso a bastonate in spiaggia da un turista la scorsa estate e che siamo riusciti a salvare da condizioni critiche, ci sono voluti sei mesi di lunghe terapie e poi la tartaruga marina a cui abbiamo dato il nome Gaia Speed. Siamo riusciti a salvarla e guarirla da una gravissima polmonite questo inverno. Entrambe hanno avuto bisogno di lunghe cure e molteplici terapie, che vuol dire entrare nelle vasche a volte anche due volte al giorno. Le emozioni più grandi arrivano quando gli animali cominciano a stare meglio e iniziano a mangiare da soli, che è sempre un segno di ripresa e poi quando li rilasci nel loro ambiente naturale e li vedi scomparire dalla vista. Allora tutti gli sforzi, i sacrifici, i vestiti bagnati vengono ripagati. Sole è stata rilasciata a Gennaio, Gaia verrà rilasciata a fine estate probabilmente.

Il delicato momento della liberazione di Sole Cestha - Il delicato momento della liberazione di Sole

Quali sono le specie più colpite?

Tutte sono colpite purtroppo. Le tecniche di pesca sono tante e ognuna ha un bersaglio preciso, ma anche una specie bycatch differente, cioè una specie che viene catturata accidentalmente. In generale, però, possiamo dire che gli squali sono gli animali marini che se la passano peggio di tutti, sia perché sono oggetto di pesca mirata perché ce li mangiamo (palombo, spinarolo, smeriglio, verdesca, squalo volpe ecc), sia perché i pescatori sportivi spesso ne vanno a caccia come trofeo, ma soprattutto perché sono specie che si riproducono molto tardi, per cui spesso uccidiamo squali che non si sono ancora riprodotti, ergo, stiamo intaccando lo stock.

Dal vostro ruolo di osservatori, avete notato miglioramenti nell’ambiente marino con la pausa forzata delle attività durante la quarantena?

I miglioramenti probabilmente si vedranno tra alcuni mesi e forse l’anno prossimo. Comunque è sicuramente vero che arrestare il prelievo di animali generi degli effetti positivi sulle prossime generazioni, probabilmente gli animali hanno potuto riprodursi in pace in questi mesi.

Quali sono i comportamenti da seguire al mare per non inquinare e rispettare l’ambiente?

Guardare e non toccare è la regola di base. Vale per i bambini in spiaggia col retino e per i subacquei che si immergono. Poi raccogliere i rifiuti abbandonati, plastica compresa, aiuta sempre oltre a essere un gesto di civiltà, sia che ci si trovi al mare che in città. Il mare, infatti, inizia proprio nei tombini delle nostre città.

Per salvaguardare il mare bisogna collaborare con i pescatori Cestha - Per salvaguardare il mare bisogna collaborare con i pescatori

So che collaborate coi pescatori, ma vi capita mai di salvare animali contro la volontà dei pescatori?

Sì, capita (ndr Simone ride di gusto). Soprattutto quando si è imbarcati. il rapporto di fiducia che si crea è bilaterale tra il ricercatore il pescatore, siamo davvero bravi in questo e quindi si sa anche quanto si può osare a bordo. Per osare intendo buttare in mare di nascosto qualcosa che il pescatore avrebbe tenuto, consapevoli che anche se visti si riceve solo una flebile lamentela. Poi alle volte gli si compra anche qualche animale di pregio, si legga astici adulti, in modo da non intaccare il reddito della sua giornata e salvare comunque l’animale.

Per l’ambiente è più problematica la pesca o l’inquinamento?

Bella domanda. In realtà spesso le due cose viaggiano parallele e ognuna delle due agisce su un aspetto diverso della vita marina. Forse gli effetti della pesca si vedono in archi temporali più brevi, l’inquinamento alle volte è più subdolo e gli effetti si palesano solo quando è troppo tardi.

Non mangiamo gli squali Cestha - Non mangiamo gli squali

Una curiosità: siete vegetariani voi che salvate i pesci?

No, non occorre essere vegetariani per difendere l’ambiente. Crediamo che il giusto modo di fare le cose sia il compromesso e quindi ricerchiamo l’equilibrio tra l’attività di pesca e la sostenibilità. Ci potremmo definire consumatori consapevoli, nessuno di noi mangia e compra carne di squalo al supermercato, tutti mangiamo le cozze selvatiche di Marina di Ravenna e qualcuno mangia i cosiddetti pesci dimenticati, che sono sostenibili e non sovra sfruttati, come ad esempio i cefali che sono buonissimi!

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

9,23 €

Lampada luna 3D

Lascia entrare la luna nella tua camera. Questa bellissima lampada ti accompagnerà durante tutta la notte con una luce lunare. Fiorando la sua superficie, inoltre, sarà possibile modificare il suo colore. CARATTERISTICHE: Materiale: PLA Sorgente di luce: LED Tempo di ricarica: 2-4 ore Tempo di funzionamento: 8-10 ore Alimentazione: USB DC:5V /1A   Prodotto spedito dalla Cina. Tempi di consegna: 20/30 gg.    
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,90 €

Al di là delle parole. Che cosa provano e pensano gli animali

Abituati ad anni ed anni a guardare documentari prima su Superquark e poi sui vari canali satellitari o su Netflix, quando si inizia a leggere Al di là delle parole di Carl Safina, libro appena uscito per Adelphi, si è convinti di sapere tutto sul mondo degli animali. E invece no, leggendo il libro si capisce come non sappiamo proprio niente.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >