Natura
di Gabriele Ferraresi 17 Maggio 2016

La commovente storia del cucciolo di bisonte soppresso e le lezioni della natura

Quando le buone intenzioni si scontrano con millenni di evoluzione

Il cucciolo di bisonte soppresso, nel bagagliaio del suv  Il cucciolo di bisonte soppresso, nel bagagliaio del suv

 

Ha commosso il mondo, la vicenda del cucciolo di bisonte soppresso che alcuni turisti avevano caricato a bordo della propria auto vedendolo infreddolito nel parco di Yellowstone, e che poi è stato eliminato perché rifiutato dal branco. È una storia triste, che però ci insegna molto a proposito di quanto sia giusto interferire con la natura, e soprattutto con la fauna nel proprio ambiente.

 

 

Ricapitoliamo i fatti, per chi non li conoscesse. Siamo nel Parco dello Yellowstone, negli Stati Uniti, e Npr riassume la vicenda così.

Ci sono dei ragazzi in giro nel parco, è una gita: a un certo punto un papà e suo figlio vedono questo cucciolo di bisonte infreddolito, e in questo periodo le temperature in quello che è il più antico parco naturale degli Stati Uniti sono ancora piuttosto rigide, spesso intorno – e sotto – allo zero.

Ma è la natura. È triste per i nostri parametri “umani” vedere un animale soffrire nel proprio ambiente naturale: forse perché in questo periodo storico più che in altri tendiamo ad attribuire agli animali caratteristiche che normalmente sarebbe assennato dare solo agli esseri umani. Anche perché quel bisonte in teoria è solo l’ultimo nato, di altri milioni di piccoli bisonti nati al freddo, cresciuti tranquillamente al freddo, e poi chissà come, morti: ma raramente di freddo.

Però scatta qualcosa nel papà e nel figlio: devono salvare il bisonte. Pessima idea: decidono di caricarlo in auto, sul loro suv, ed è lì che viene scattata l’immagine che vedete nel tweet qui sopra. I due a quel punto cercano un ranger del parco, per consegnargli il cucciolo, ma il danno ormai è già fatto.

Il finale della storia? Un cucciolo di bisonte soppresso, perché rifiutato dal branco.

Sarebbe forse morto comunque? Impossibile saperlo. Il resto lo racconta un comunicato sul sito del Parco YellowstoneLa settimana scorsa nel Parco Nazionale dello Yellowstone alcuni visitatori hanno caricato un cucciolo di bisonte nel loro veicolo e lo hanno trasportato in un’area di sosta, a causa della loro malintesa preoccupazione per le condizioni dell’animale. In termini di sicurezza umana è stata un’attività pericolosa, visto che gli animali adulti sono molto protettivi nei confronti dei piccoli, e potrebbero comportarsi in maniera aggressiva per difenderli. Inoltre, l’intervento umano può portare le madri a rifiutare i cuccioli. In questo caso i ranger hanno provato ripetutamente a riunire il piccolo bisonte al resto del branco. Ma i loro sforzi non hanno avuto successo. Il cucciolo di bisonte è stato in seguito soppresso, in quanto abbandonato dal suo branco causava situazioni di pericolo avvicinandosi alle auto e alle persone lungo la strada“.

Sempre il Parco di Yellowstone ha poi precisato su Facebook ancora meglio le ragioni della soppressione dell’animale, in particolare in uno dei commenti, aggiungendo che “la mission del National Park Service non è quella di salvare animali: il nostro obiettivo è quello di sostenere i processi ecologici dello Yellowstone (…) non è raro che i bisonti e in particolare le giovani madri vedano morire o abbandonino i loro cuccioli. Questi animali normalmente muoiono di fame o predati da altri animali del parco“.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >