Natura
di Simone Stefanini 3 Agosto 2017

La temperatura percepita non esiste

Il termine è usato a sproposito dai media, per definire un calore superiore a quello che segna il termometro. Non è così in realtà

Mangiare frutta e verdura, bere molta acqua, non uscire nelle ore più calde vvox.it - Mangiare frutta e verdura, bere molta acqua, non uscire nelle ore più calde

 

È agosto, fa caldo e fuori c’è la febbre. Da dove scrivo, il termometro segna 37° e il condizionatore è al massimo, anche se non lo sopporto. Sui social è tutto un fiorire di foto di termometri delle auto, delle case, pure dei frigoriferi, tutto pur di far vedere che stiamo bollendo come sfortunate aragoste. In pochi fanno il mea culpa sul fatto che il cambiamento climatico sia uno dei sintomi del passaggio dell’uomo sul pianeta Terra, in pochi cercano di trovare soluzioni concrete al consumo di risorse e di energie non rinnovabili, oppure alla riduzione dell’inquinamento. 2 auto per famiglia e poi via, a lamentarci del caldo ad agosto. Va sempre così, non è certo la novità di quest’anno. Un argomento che si ripropone un po’ come i consigli di Studio Aperto: mangiare frutta e verdura, bere molta acqua, non uscire nelle ore più calde. Incredibile, vero?

Quest’anno però, sarà perché il caldo è davvero record, in molti tirano fuori a sproposito il termine “temperatura percepita”, che miracolosamente fa apparire 30 gradi come 50 e gli esseri umani come tizzoni ardenti.

 

 

L’Associazione Bernacca onlus chiarisce questo equivoco:

Il passaggio dalla temperatura reale a quella percepita (anche se quest’ultimo termine è comunque improprio) ha sicuramente senso fisico quando si riferisce al cosiddetto wind chill, cioè all’effetto di raffreddamento che il vento esercita sul corpo umano, per cui se vi trovate ad una temperatura (ad esempio) di -10°C, in corrispondenza di un vento che soffia a 15 nodi, è come se vi trovaste a -19°C in assenza di vento.  È il valore della temperatura reale, misurato con un vento che soffia ad una certa intensità, riportato ad una condizione ipotetica (ma nella pratica assolutamente possibile) di vento nullo. Ma nel caso dell’indice di calore, cosa vuol dire temperatura percepita? Per esempio, se la temperatura reale è pari a 33°C in corrispondenza di una umidità del 50%, vi raccontano che “la temperatura percepita è di 36°C”… ma in corrispondenza di quale ipotetico tasso di umidità? Questo non lo specifica nessuno! Forse lo zero per cento? Ma non esiste condizione di umidità nulla! E allora? Percepita sì, ma a quale umidità?”

La percezione della temperatura è soggettiva e non può essere in nessun modo generalizzata. Sarà diversa per il signore che legge un giornale sotto l’albero, rispetto all’operaio che fatica sotto il sole, al bambino che mangia il gelato, al nuotatore in mezzo al mare, all’anziano o alla donna incinta.

 

 

 

Ognuno, a secondo dell’età che ha, dell’attività che svolge e della propria resistenza al calore, percepisce un diverso tipo di temperatura, quindi meglio attenersi a quella che segna il termometro, invece di tirare numeri a caso. Pensate a chi d’estate indossa sempre i pantaloni lunghi e non suda mentre voi, praticamente in mutande, sembrate la fontana di Trevi. Pensate di percepire la stessa temperatura?

Anche il Capitano Paolo Sottocorona, in uno dei suoi approfondimenti, spiega:

“Il fenomeno nasce semplicemente dal fatto che il nostro corpo usa l’evaporazione (che sottrae calore, soffiando su una mano bagnata si sente più fresco, no? quella è l’evaporazione) dei liquidi presenti sulla pelle per raffreddarsi, qualora ce ne sia bisogno. Infatti la temperatura del nostro corpo ha limiti abbastanza stretti entro i quali può variare sia verso il basso che verso l’alto. Ma l’evaporazione avviene più e meglio se l’aria è secca, o poco umida: quindi il caldo secco si “sopporta meglio”, come usa dire, ed è vero, perché il nostro corpo ha maggiore facilità a difendersi. Ma se l’aria è più umida, allora l’evaporazione del sudore, che vi ricordo è il mezzo per raffreddare il corpo, avviene con più difficoltà, il calore non viene smaltito e si accumula. Come una macchina con il radiatore che non funziona. E questo, anche in funzione del tipo di attività fisica svolta, porta disagio, malessere, malore, colpo di calore (anche all’ombra, quindi) in sequenza crescente di gravità. Tutto qui. Senza voler fare morali, però sottolineerei che la “temperatura percepita” non diventa vera solo perché lo dicono tutti.”

Ricapitolando: la temperatura percepita esisterebbe, ma non è come la intendono i media. È un valore in assenza di vento o di umidità, situazioni che però sono solo teoriche. Dunque non fatevi prendere in giro dai molti che in tv o su internet parlano di temperatura percepita, sparando numeri allarmistici: non sono basati su alcuna verità generale.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >