Natura
di Sandro Giorello 18 Aprile 2016

In Svezia si sono mangiati E.T. allo spiedo durante una grigliata

Immagini forti, certo non adatte a tutte le età

et-spiego flickr.com - Exploring the Animal Turn

 

Le immagini che vedrete in quest’articolo non sono adatte a tutte le età, soprattutto per chi, da piccolo, ha sempre sognato di volare nel cielo con la propria bicicletta e un alieno nel cestino davanti. Qui vedete il nostro caro E.T, infilzato allo spiedo come se fosse un kebab, mentre viene fatto roteare durante un barbecue al parco.

Per prima cosa state tranquilli, non è il vero E.T.: secondo fonti ufficiali è tornato al suo pianeta ormai quasi quarant’anni fa, sta bene e ha messo su famiglia. Seconda cosa: non è nemmeno carne, è glutine. È una provocazione di un gruppo di studiosi del Pufendorf Institute di Lund, in Svezia, che nel 2014 ha organizzato un simposio dal titolo Exploring the Animal Turn. 

 

animalisti-et flickr.com - Exploring the Animal Turn

 

Non si tratta di un gruppo di animalisti estremisti, quanto più di un gruppo di professori che vogliono analizzare il ruolo che ha assunto il cibo nella vita delle persone. Si dichiarano distanti sia dai vegani che odiano con tutto il cuore le famiglie durante il tradizionale pranzo di natale, sia dai carnivori che credono ancora che la carne sia l’unico modo per creare una situazione conviviale e piacevole.

 

simposio flickr.com - Exploring the Animal Turn

 

Il loro intento è analizzare il ruolo metaforico, religioso, e sopratutto, culturale che può avere oggi un’alimentazione a base di carne nella nella società moderna. Così scrivono sul loro blog:

Che cosa si prova a mangiare un alieno? Come possiamo amare e provare tenerezza per una specie non umana e, al tempo stesso, accettare il massacro industrializzato di tutte le altre? Come si soddisfano le esigente di tutti quei mangiatori di carne che credono che il rito conviviale debba essere a base di carne e grigliate? Che responsabilità abbiamo se mangiamo invece un essere di fantasia?

Se vi interessa l’argomento, qui potete scaricare il libro pubblicato dopo il simposio.

 

FONTE |  dangerousminds.net

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione  completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >