Calcata, il paese delle case nella roccia che ha ispirato Hayao Miyazaki

Questa cittadina in provincia di Viterbo ha ispirato il famoso regista giapponese per gli esterni di alcuni suoi film

Viaggi
di Simone Stefanini facebook 11 marzo 2016 15:44
Calcata, il paese delle case nella roccia che ha ispirato Hayao Miyazaki

calkayta Flickr - © Claudio Califano

 

Calcata è un comune di nemmeno 1000 abitanti in provincia di Viterbo. Ha una particolarità che la rende unica nel mondo: il suo centro storico è arroccato su di una collina di tufo e le case sembrano uscire fuori direttamente dalla roccia.

Pensate che le tracce di presenza umana in questa zona risalgono ai tempi preistorici. Durante gli anni ’30, in pieno regime fascista venne emanata una legge che obbligava i calcatesi allo sgombero degli edifici ritenuti pericolanti. Oggi vive una nuova vita grazie agli artisti, pittori e scultori ma anche designer e grafici, che hanno aperto le loro botteghe e i loro studi proprio nel centro storico, grazie a un decreto degli anni ’90 che ha salvato il paese dall’abbattimento.

Ammiratela in questo video preso dal drone.

 

 

Se vi chiedete com’è che questo gioiello sia così poco conosciuto a livello nazionale, non so rispondervi. Io l’ho visto per la prima volta, e successivamente visitato, grazie al documentario sul Museo dello Studio Ghibli di Miyazaki.

 

totoro_mitaka_ghibli_museum__mitakashi_tokyo_japan_20070525 via - Uno scorcio del Museo Ghibli in Giappone

 

Il famoso regista giapponese ha visitato il paesino laziale nel 1990 e ne ha preso largo spunto per l’architettura stessa del museo e per gli esterni del suo film Laputa – Castello nel cielo (che abbiamo eletto come nostro film preferito tra i suoi capolavori).

La struttura stessa del castello ricorda da vicino quella del paesino della Tuscia.

 

Un bozzetto di Laputa – Castello nel cielo via - Un bozzetto di Laputa – Castello nel cielo

 

Questa è la trascrizione del suo viaggio in Italia, presa direttamente del documentario: Nel 1990, Hayao Miyazaki ha fatto un viaggio in Italia. La sua destinazione era ad un ora di distanza circa da Roma. Dopo averne visto le foto, Miyazaki ha voluto visitarla di persona. Questa è Calcata, una della misteriose città italiane che stanno sopra una collina. Secoli di costruzione e ricostruzione all’interno di questa piccola area hanno creato un’atmosfera di armonia. Lo senti appena passi attaversol’entrata fortificata. Le case sono costruite anche sulla strada, utilizzando ogni singolo centimetro. Le strade di Calcata sono un labirinto. Ogni diramazione nella strada sembra chiedere: da che parte vuoi andare? Takahata (l’alto socio dello Studio Ghibli, regista di La principessa splendente e La tomba delle lucciole) lo ha scoperto, gli spazi qui sono affascinanti e stupefacenti. Il labirinto degli spazi continua ad attirarti al suo interno. Il Ghibli Museum ricrea lastessa sensazione per i suoi ospiti. A Calcata, potresti trovarti improvvisamente sull’orlo di un burrone. Nel Ghibli Museum, se continui a vagare, potresti trovarti all’esterno. Ci sono così tante porte e scalinate. Cosa ci sarà dietro al prossimo angolo?

 

© Riccardo Granaroli via - © Riccardo Granaroli

 

Le strade, i vicoli e i cunicoli di questo paese sono talmente caratteristici che sembra di entrare dentro una fiaba.

 

11737885974_89aaa8b6d3_b via - Obliot

 

Qui sotto, alcuni fotogrammi del documentario sul Ghibli Museum che mostrano Hayao Miyazaki di qualche anno più giovane mentre visita il paese.

 

tumblr_lguumnV4qn1qzqcg3o1_1280 via - Hayao Miyazaki e gli still dal documentario, che mostrano Calcata e Civita di Bagnoregio

 

E come sempre ha ragione lui. Se non avete la possibilità di visitare il Ghibli Museum a Mitaka, almeno nel futuro prossimo, per Calcata non avete proprio scuse. Troverete un bel po’ di cittadini autoctoni che convivono a meraviglia con altrettanti stranieri che si sono stabiliti lì per la magia del luogo. Di certo un luogo più unico che raro, da riscoprire.

 

Schermata 2016-03-11 alle 15.03.38 via - © Antonio D’Agata

 

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)