Social Network
di Marco Villa 11 Gennaio 2017

Da Bitstrip alle catene, le peggiori mode di Facebook che ci siamo tolti dalle palle

Ho perso una scommessa e ho dovuto cambiare per 24 ore la mia foto profilo: l’ultima maledizione di Facebook

 

Ho perso una scommessa e ho dovuto cambiare per 24 ore la mia foto profilo. Alzi la mano chi, in questi giorni, non ha letto almeno una volta questo status su Facebook, condiviso da un contatto che non ha dato la risposta giusta a un indovinello e quindi ha pagato pegno in questo modo. L’indovinello è di quelli antipatici che fanno i bambini delle elementari con fare saccentello, ma non è questo il punto.

Il punto è che si tratta dell’ennesima moda passeggera di Facebook, di quella “cosa” che faranno tantissime persone per un tempo limitato. È in fondo il concetto stesso di virale, applicato non a un contenuto chiuso, ma a un meccanismo che richiede un piccolo sforzo in più di interazione. Sono piccole mode passeggere, che per fortuna svaniscono nell’arco di pochi giorni, ma che in quei giorni sanno essere talmente invasive da sembrare qualcosa di impossibile da eradicare.

 

 

Quella dell’indovinello è solo l’ultimo dei fenomeni momentanei di Facebook. Vi ricordate il periodo in cui tutti pubblicavano i fumetti di BitStrip? Per qualche giorno bacheche invase da strisce di fumetti con personaggi macrocefali che mettevano in scena momenti di vita quotidiana. Disegni brutti, per vignette brutte, perché ovviamente non era uno sceneggiatore Pixar a scriverle e realizzarle, ma Saverio, quel vostro compagno delle elementari che era dovuto andare a ripetizioni per capire l’utilizzo della lettera H.

 

 

Ricordiamoci poi di un altro grande momento della nostra vita social: il lancio di Periscope, il momento in cui il concetto di diretta live è stato sdoganato a tutti i comuni mortali. Provate a fare uno sforzo di memoria e vi verrà in mente quale fu il primo viralone legato a questa modalità: le dirette del frigo. Gente che in tutto il mondo apriva il proprio frigorifero e ne mostrava il contenuto. Una piccola moda che era in realtà una grande ammissione: non ho niente di interessante da dire o da mostrare, a parte la data di scadenza del latte parzialmente scremato.

 

 

Altro giro, altro video Dubsmash. Qui si sale un po’ di livello, perché comunque c’è un minimo di pensiero dietro l’app e il fenomeno. Il problema è che se Dubsmash lo usa la star di Hollywood ha un senso, idem se lo usa in generale un personaggio pubblico. Vedere tutti i propri contatti che rifanno la scena dello specchio di Taxi Driver, però, è un’altra cosa. E non dovrebbe essere difficile rendersene conto, ma anche in questo caso più del senso del contenuto, a vincere è la necessità di esserci, di infilarsi nel flusso.

Stesso discorso per Prisma, l’app che modifica le immagini secondo stili pittorici particolari oppure Masquerade, che offre filtri stile Snapchat a chi non ha voglia e forza di imparare il funzionamento del social network più insensato di sempre.

 

 

Tra le peggiori mode, però, ci sono quelle che non sono semplici divertimenti, ma puntano a un obiettivo più alto: la cultura. Poco importa che sia dimostrare la propria o buttarsi in una missione evangelizzatrice, l’importante è far capire che di solito non si partecipa a queste cosette, ma stavolta è tutto diverso. C’è il misurare la lunghezza, scusate l’ampiezza del proprio vocabolario, oppure il lanciare catene in cui si invitano amici a postare canzoni “così le bacheche si riempiono per una volta di buona musica”, oppure titoli di libri “così battiamo Fedez con un-buon-libro”.

Una storia lunga quanto Facebook, arrivata oggi in Italia all’indovinello del bimbo Gigi. Tranquilli: entro la settimana sparirà, la nuova moda passeggera è già all’orizzonte.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >