Social Network
di Marco Villa 11 Gennaio 2017

Da Bitstrip alle catene, le peggiori mode di Facebook che ci siamo tolti dalle palle

Ho perso una scommessa e ho dovuto cambiare per 24 ore la mia foto profilo: l’ultima maledizione di Facebook

 

Ho perso una scommessa e ho dovuto cambiare per 24 ore la mia foto profilo. Alzi la mano chi, in questi giorni, non ha letto almeno una volta questo status su Facebook, condiviso da un contatto che non ha dato la risposta giusta a un indovinello e quindi ha pagato pegno in questo modo. L’indovinello è di quelli antipatici che fanno i bambini delle elementari con fare saccentello, ma non è questo il punto.

Il punto è che si tratta dell’ennesima moda passeggera di Facebook, di quella “cosa” che faranno tantissime persone per un tempo limitato. È in fondo il concetto stesso di virale, applicato non a un contenuto chiuso, ma a un meccanismo che richiede un piccolo sforzo in più di interazione. Sono piccole mode passeggere, che per fortuna svaniscono nell’arco di pochi giorni, ma che in quei giorni sanno essere talmente invasive da sembrare qualcosa di impossibile da eradicare.

 

 

Quella dell’indovinello è solo l’ultimo dei fenomeni momentanei di Facebook. Vi ricordate il periodo in cui tutti pubblicavano i fumetti di BitStrip? Per qualche giorno bacheche invase da strisce di fumetti con personaggi macrocefali che mettevano in scena momenti di vita quotidiana. Disegni brutti, per vignette brutte, perché ovviamente non era uno sceneggiatore Pixar a scriverle e realizzarle, ma Saverio, quel vostro compagno delle elementari che era dovuto andare a ripetizioni per capire l’utilizzo della lettera H.

 

 

Ricordiamoci poi di un altro grande momento della nostra vita social: il lancio di Periscope, il momento in cui il concetto di diretta live è stato sdoganato a tutti i comuni mortali. Provate a fare uno sforzo di memoria e vi verrà in mente quale fu il primo viralone legato a questa modalità: le dirette del frigo. Gente che in tutto il mondo apriva il proprio frigorifero e ne mostrava il contenuto. Una piccola moda che era in realtà una grande ammissione: non ho niente di interessante da dire o da mostrare, a parte la data di scadenza del latte parzialmente scremato.

 

 

Altro giro, altro video Dubsmash. Qui si sale un po’ di livello, perché comunque c’è un minimo di pensiero dietro l’app e il fenomeno. Il problema è che se Dubsmash lo usa la star di Hollywood ha un senso, idem se lo usa in generale un personaggio pubblico. Vedere tutti i propri contatti che rifanno la scena dello specchio di Taxi Driver, però, è un’altra cosa. E non dovrebbe essere difficile rendersene conto, ma anche in questo caso più del senso del contenuto, a vincere è la necessità di esserci, di infilarsi nel flusso.

Stesso discorso per Prisma, l’app che modifica le immagini secondo stili pittorici particolari oppure Masquerade, che offre filtri stile Snapchat a chi non ha voglia e forza di imparare il funzionamento del social network più insensato di sempre.

 

 

Tra le peggiori mode, però, ci sono quelle che non sono semplici divertimenti, ma puntano a un obiettivo più alto: la cultura. Poco importa che sia dimostrare la propria o buttarsi in una missione evangelizzatrice, l’importante è far capire che di solito non si partecipa a queste cosette, ma stavolta è tutto diverso. C’è il misurare la lunghezza, scusate l’ampiezza del proprio vocabolario, oppure il lanciare catene in cui si invitano amici a postare canzoni “così le bacheche si riempiono per una volta di buona musica”, oppure titoli di libri “così battiamo Fedez con un-buon-libro”.

Una storia lunga quanto Facebook, arrivata oggi in Italia all’indovinello del bimbo Gigi. Tranquilli: entro la settimana sparirà, la nuova moda passeggera è già all’orizzonte.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >