Cambiare la foto del profilo serve davvero a cambiare il mondo?

La risposta potrebbe non piacervi

Zuckerberg vs Putin  Zuckerberg e Putin la pensano un po’ diversamente sui diritti LGBT

 

A parole siamo tutti attivisti, ma in un modo molto particolare: siamo comodamente seduti sul divano di casa, con una connessione a internet, seguiamo gli hashtag più caldi e cambiamo la foto del profilo Facebook applicando i filtri di questa e quella bandiera – che si tratti di diritti LGBT o sostegno alle vittime del terrorismo. Scendiamo poco in piazza e l’idea di dormire all’addiaccio per difendere un parco occupato non ci sfiora neppure l’anticamera del cervello. Siamo diventati troppo molli? Forse sì, ma non tutto è perduto.

Secondo gli scienziati, l’attivismo da fannulloni – detto “slacktivism” – non ha solo aspetti negativi. Uno studio della University of Pennsylvania ha analizzato diversi movimenti di protesta, tra cui gli eventi di Occupy (Stati Uniti, 2011), Indignados (Spagna, 2012) e Gezi Park (Turchia, 2013), distinguendo chi partecipava attivamente da chi partecipava virtualmente in base alle informazioni di posizione geografica dedotte dai tweet.

Per farla breve, sui social network è possibile identificare due tipologie di partecipanti a una protesta: un nucleo ristretto di manifestanti che twittano e postano direttamente dai luoghi caldi e una “periferia critica” di milioni sostenitori a distanza che servono da vera e propria cassa di risonanza per la manifestazione. Spesso sono proprio i “fannulloni” a suscitare l’attenzione per un evento di protesta da parte di pubblico e media a livello internazionale.

Nel caso di Gezi Park, per esempio, i ricercatori della University of Pennsylvania hanno costruito uno schema a forma di spirale per mappare la posizione dei twittatori, il numero di tweet e la direzione dei retweet: il nucleo di persone presenti alla manifestazione (in viola scuro, vedi schema sotto) ha prodotto molti contenuti che sono stati ripresi dalla periferia (in viola chiaro, ai bracci della spirale) e condivisi ai confini del network. Il risultato? I fannulloni sono i primi attivisti per numero di tweet prodotti, ma senza lo zoccolo duro dei manifestanti scesi in piazza la protesta sarebbe stata un flop.

 

Periferia Critica PLoS ONE - Uno schema a spirale del volume di tweet generati dalle proteste in Turchia. Al centro della spirale ci sono i manifestanti presenti all’evento, sui bracci le persone che hanno sostenuto l’evento su Twitter

 

In effetti, abbiamo visto che il ruolo dei social network durante e dopo la strage di Parigi ha seguito uno schema simile. La notte degli attentati, l’hashtag #PorteOuverte veniva utilizzato su Twitter nel tentativo di indicare abitazioni sicure per la cittadinanza in fuga. Il Safety Check e il filtro della bandiera francese, invece, sono entrati in azione subito dopo su Facebook per informarci sulle condizioni degli amici a Parigi e per farci esprimere sostegno ai francesi.

Sandra González-Bailón, analista esperta di social network e autrice dello studio, ha fatto alcune considerazioni importanti sul ruolo della periferia critica – soprattutto alla luce dell’interesse nei contenuti online da parte di governi, aziende e brand. “Se vuoi che il tuo prodotto diventi virale o che la tua protesta cresca, hai bisogno di un nucleo influente e della periferia che faccia loro eco. Gli utenti periferici non sono slacktivist. Sono la quintessenza per capire perché i prodotti diventino virali o le proteste diventino grandi.

Per farla breve: possiamo cambiare il mondo solo con i social network? No. Un famoso articolo apparso sul The New Yorker nel 2010 sosteneva che “la rivoluzione non sarà twittata.” Dal giorno di quelle considerazioni sono trascorsi più di cinque anni, le cose sono cambiate e i social network non sono più nemmeno gli stessi.

Facebook e Twitter hanno cambiato il nostro modo di avvicinarci agli eventi globali, ma allo stesso tempo hanno creato una distanza incolmabile tra noi e i luoghi in cui accadono le cose. Non possiamo permetterci il lusso di fondare la nostra opinione scorrendo solo una serie di post o tweet, soprattutto se parlano di fatti che conosciamo poco o nulla. La realtà è molto più scomoda del nostro divano.

FONTE | Vox

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >