Cambiare la foto del profilo serve davvero a cambiare il mondo?

La risposta potrebbe non piacervi

Zuckerberg vs Putin  Zuckerberg e Putin la pensano un po’ diversamente sui diritti LGBT

 

A parole siamo tutti attivisti, ma in un modo molto particolare: siamo comodamente seduti sul divano di casa, con una connessione a internet, seguiamo gli hashtag più caldi e cambiamo la foto del profilo Facebook applicando i filtri di questa e quella bandiera – che si tratti di diritti LGBT o sostegno alle vittime del terrorismo. Scendiamo poco in piazza e l’idea di dormire all’addiaccio per difendere un parco occupato non ci sfiora neppure l’anticamera del cervello. Siamo diventati troppo molli? Forse sì, ma non tutto è perduto.

Secondo gli scienziati, l’attivismo da fannulloni – detto “slacktivism” – non ha solo aspetti negativi. Uno studio della University of Pennsylvania ha analizzato diversi movimenti di protesta, tra cui gli eventi di Occupy (Stati Uniti, 2011), Indignados (Spagna, 2012) e Gezi Park (Turchia, 2013), distinguendo chi partecipava attivamente da chi partecipava virtualmente in base alle informazioni di posizione geografica dedotte dai tweet.

Per farla breve, sui social network è possibile identificare due tipologie di partecipanti a una protesta: un nucleo ristretto di manifestanti che twittano e postano direttamente dai luoghi caldi e una “periferia critica” di milioni sostenitori a distanza che servono da vera e propria cassa di risonanza per la manifestazione. Spesso sono proprio i “fannulloni” a suscitare l’attenzione per un evento di protesta da parte di pubblico e media a livello internazionale.

Nel caso di Gezi Park, per esempio, i ricercatori della University of Pennsylvania hanno costruito uno schema a forma di spirale per mappare la posizione dei twittatori, il numero di tweet e la direzione dei retweet: il nucleo di persone presenti alla manifestazione (in viola scuro, vedi schema sotto) ha prodotto molti contenuti che sono stati ripresi dalla periferia (in viola chiaro, ai bracci della spirale) e condivisi ai confini del network. Il risultato? I fannulloni sono i primi attivisti per numero di tweet prodotti, ma senza lo zoccolo duro dei manifestanti scesi in piazza la protesta sarebbe stata un flop.

 

Periferia Critica PLoS ONE - Uno schema a spirale del volume di tweet generati dalle proteste in Turchia. Al centro della spirale ci sono i manifestanti presenti all’evento, sui bracci le persone che hanno sostenuto l’evento su Twitter

 

In effetti, abbiamo visto che il ruolo dei social network durante e dopo la strage di Parigi ha seguito uno schema simile. La notte degli attentati, l’hashtag #PorteOuverte veniva utilizzato su Twitter nel tentativo di indicare abitazioni sicure per la cittadinanza in fuga. Il Safety Check e il filtro della bandiera francese, invece, sono entrati in azione subito dopo su Facebook per informarci sulle condizioni degli amici a Parigi e per farci esprimere sostegno ai francesi.

Sandra González-Bailón, analista esperta di social network e autrice dello studio, ha fatto alcune considerazioni importanti sul ruolo della periferia critica – soprattutto alla luce dell’interesse nei contenuti online da parte di governi, aziende e brand. “Se vuoi che il tuo prodotto diventi virale o che la tua protesta cresca, hai bisogno di un nucleo influente e della periferia che faccia loro eco. Gli utenti periferici non sono slacktivist. Sono la quintessenza per capire perché i prodotti diventino virali o le proteste diventino grandi.

Per farla breve: possiamo cambiare il mondo solo con i social network? No. Un famoso articolo apparso sul The New Yorker nel 2010 sosteneva che “la rivoluzione non sarà twittata.” Dal giorno di quelle considerazioni sono trascorsi più di cinque anni, le cose sono cambiate e i social network non sono più nemmeno gli stessi.

Facebook e Twitter hanno cambiato il nostro modo di avvicinarci agli eventi globali, ma allo stesso tempo hanno creato una distanza incolmabile tra noi e i luoghi in cui accadono le cose. Non possiamo permetterci il lusso di fondare la nostra opinione scorrendo solo una serie di post o tweet, soprattutto se parlano di fatti che conosciamo poco o nulla. La realtà è molto più scomoda del nostro divano.

FONTE | Vox

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >