Cancellarsi da Facebook e non guardarsi indietro

Sicuri sicuri che stare su Facebook faccia bene al vostro equilibrio mentale? Sicuri sicuri sicuri?

 

Ma quanti siamo su Facebook? A giugno 2016 gli utenti attivi italiani erano circa 29 milioni, oggi saranno certamente di più.

Oltre la metà della popolazione quindi, neonati e centenari compresi. Per comodità facciamo che Facebook è diventato l’elenco del telefono cartaceo di una volta, ma ben più ricco, con utenti perfettamente profilati, anzi: autoprofilati. Un elenco dove da tempo è strano non esserci, il che va a confermare la saggezza e l’attualità di alcuni versi di Attilio Bertolucci. Risalgono al 1929, ma vanno bene, benissimo, anche per sloggarsi da una schermata blu: “Assenza, più acuta presenza“.

Ancor più strano, più che non esserci, è andarsene via. Cancellarsi da Facebook e piantarla una volta per tutte di indossare in quella parte della rete la maschera della religione del positivo, una maschera mai triste, mai depressa, incapace di esprimere gli alti e i bassi normalissimi, naturali, che abbiamo tutti, che ci sono nelle vite di chiunque. Tra i social media soprattutto Facebook, più che altre piattaforme, ha generato un’ossessione collettiva per il self marketing che non ha precedenti nella storia dell’umanità.

Ma non vi ammorbo oltre, visto che sarete arrivati qui ovviamente da Facebook e con l’attention span del cane di UP! quando crede di aver visto uno scoiattolo; vediamo un po’ di validi, validissimi motivi per cancellarsi da Facebook

I compagni delle medie che ti stalkerano
Superati i 30 anni gli amici delle scuole medie che aveva senso tenersi per tutta la vita ve li siete già tenuti stretti, e ci siete in contatto da una vita ormai. Gli altri, quelli che si rifanno vivi decenni dopo, spesso saranno solo fonte di atroci imbarazzi. Non deludetevi e non deludeteli: visualizzate, ma non rispondete.

I parenti che commentano i tuoi post, mettendoti in imbarazzo
Conseguenza indiretta dell’allargamento di Facebook a fasce d’età avanzate, i commenti dei parenti, soprattutto dei parenti più avanti con gli anni in certe conversazioni producono un effetto cut-up burroughsiano dove al posto di Tangeri e dell’Interzona ci sono sgrammaticati peana grillini, CIAO DA ZIA!, UN BACIONE MAMMA, e amenità riservate normalmente ad altre sfere della comunicazione.

Facebook ad usum Agenzia Matrimoniale
Siete accoppiate o accoppiati? Bravi, tenetevi stretta quella persona, sul serio, senza sarcasmo. Se però siete soli – o sole – Facebook può diventare terrificante, terrificante. Un catalogo di potenziali fidanzate e fidanzati in grado di generare ossessioni, speranze, desiderio, ma soprattutto dolorose, fragili illusioni. Nel dubbio, prima di cancellarsi: like acritico alle nuove foto profilo delle donne.

Lasciarsi su Facebook
Le relazioni di coppia a volte funzionano, a volte non funzionano, qualche volta – spesso – finiscono, qualche volta finiscono proprio male. Facebook in questo caso è un incubo, che ci ricorda tutto quello che vorremmo dimenticare per passare oltre. E passare oltre diventa impossibile. Risolvere il problema alla radice, cancellandosi, è un’opzione che ci sentiamo in definitiva di consigliare: “Eternal sunshine of the spotless mind / Each pray’r accepted, and each wish resign’d”.

Tutto il tempo perso
Facebook vive della nostra distrazione, e ci costruisce un fatturato che nel 2016 valeva di più della manovra finanziaria in Italia. Pensiamo a quanto cose potremmo fare in più se non fossimo su Facebook: probabilmente molte. Molti dei creativi che conosco – soprattutto giornalisti/autori/scrittori – senza Facebook oggi sarebbero prolifici quanto Georges Simenon. Invece non lo sono, ma vuoi mettere con quello status arguto e ficcante?

Il digital labor
Stavo iniziando questo periodo con “In fondo lavoriamo per Facebook“, ma è meglio togliere “In fondo“: noi lavoriamo per Facebook, passando del tempo sulla sua piattaforma, donandogli in buona sostanza la cosa più preziosa che possediamo, il tempo. Il digital labor, indagato da studiosi autorevoli come Antonio Casilli, non è una sciocchezza, anzi, ma potrebbe essere un buon motivo per dire ciao ciao a Mark. Almeno finché non inizia a pagarci per stare su Facebook, s’intende.

Le fake news e il clickbait
Basta, basta, basta.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >