Cancellarsi da Facebook e non guardarsi indietro

Sicuri sicuri che stare su Facebook faccia bene al vostro equilibrio mentale? Sicuri sicuri sicuri?

 

Ma quanti siamo su Facebook? A giugno 2016 gli utenti attivi italiani erano circa 29 milioni, oggi saranno certamente di più.

Oltre la metà della popolazione quindi, neonati e centenari compresi. Per comodità facciamo che Facebook è diventato l’elenco del telefono cartaceo di una volta, ma ben più ricco, con utenti perfettamente profilati, anzi: autoprofilati. Un elenco dove da tempo è strano non esserci, il che va a confermare la saggezza e l’attualità di alcuni versi di Attilio Bertolucci. Risalgono al 1929, ma vanno bene, benissimo, anche per sloggarsi da una schermata blu: “Assenza, più acuta presenza“.

Ancor più strano, più che non esserci, è andarsene via. Cancellarsi da Facebook e piantarla una volta per tutte di indossare in quella parte della rete la maschera della religione del positivo, una maschera mai triste, mai depressa, incapace di esprimere gli alti e i bassi normalissimi, naturali, che abbiamo tutti, che ci sono nelle vite di chiunque. Tra i social media soprattutto Facebook, più che altre piattaforme, ha generato un’ossessione collettiva per il self marketing che non ha precedenti nella storia dell’umanità.

Ma non vi ammorbo oltre, visto che sarete arrivati qui ovviamente da Facebook e con l’attention span del cane di UP! quando crede di aver visto uno scoiattolo; vediamo un po’ di validi, validissimi motivi per cancellarsi da Facebook

I compagni delle medie che ti stalkerano
Superati i 30 anni gli amici delle scuole medie che aveva senso tenersi per tutta la vita ve li siete già tenuti stretti, e ci siete in contatto da una vita ormai. Gli altri, quelli che si rifanno vivi decenni dopo, spesso saranno solo fonte di atroci imbarazzi. Non deludetevi e non deludeteli: visualizzate, ma non rispondete.

I parenti che commentano i tuoi post, mettendoti in imbarazzo
Conseguenza indiretta dell’allargamento di Facebook a fasce d’età avanzate, i commenti dei parenti, soprattutto dei parenti più avanti con gli anni in certe conversazioni producono un effetto cut-up burroughsiano dove al posto di Tangeri e dell’Interzona ci sono sgrammaticati peana grillini, CIAO DA ZIA!, UN BACIONE MAMMA, e amenità riservate normalmente ad altre sfere della comunicazione.

Facebook ad usum Agenzia Matrimoniale
Siete accoppiate o accoppiati? Bravi, tenetevi stretta quella persona, sul serio, senza sarcasmo. Se però siete soli – o sole – Facebook può diventare terrificante, terrificante. Un catalogo di potenziali fidanzate e fidanzati in grado di generare ossessioni, speranze, desiderio, ma soprattutto dolorose, fragili illusioni. Nel dubbio, prima di cancellarsi: like acritico alle nuove foto profilo delle donne.

Lasciarsi su Facebook
Le relazioni di coppia a volte funzionano, a volte non funzionano, qualche volta – spesso – finiscono, qualche volta finiscono proprio male. Facebook in questo caso è un incubo, che ci ricorda tutto quello che vorremmo dimenticare per passare oltre. E passare oltre diventa impossibile. Risolvere il problema alla radice, cancellandosi, è un’opzione che ci sentiamo in definitiva di consigliare: “Eternal sunshine of the spotless mind / Each pray’r accepted, and each wish resign’d”.

Tutto il tempo perso
Facebook vive della nostra distrazione, e ci costruisce un fatturato che nel 2016 valeva di più della manovra finanziaria in Italia. Pensiamo a quanto cose potremmo fare in più se non fossimo su Facebook: probabilmente molte. Molti dei creativi che conosco – soprattutto giornalisti/autori/scrittori – senza Facebook oggi sarebbero prolifici quanto Georges Simenon. Invece non lo sono, ma vuoi mettere con quello status arguto e ficcante?

Il digital labor
Stavo iniziando questo periodo con “In fondo lavoriamo per Facebook“, ma è meglio togliere “In fondo“: noi lavoriamo per Facebook, passando del tempo sulla sua piattaforma, donandogli in buona sostanza la cosa più preziosa che possediamo, il tempo. Il digital labor, indagato da studiosi autorevoli come Antonio Casilli, non è una sciocchezza, anzi, ma potrebbe essere un buon motivo per dire ciao ciao a Mark. Almeno finché non inizia a pagarci per stare su Facebook, s’intende.

Le fake news e il clickbait
Basta, basta, basta.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >