Sulla De Filippi a Sanremo, Repubblica ha sbagliato tutto quello che poteva sbagliare

Un disastro in cui Repubblica si è fidata del settimanale di Alfonso Signorini per una notizia poi smentita

 

Il nostro tempo è segnato dal neologismo post verità, diventato famoso per essere stata la parola del 2016 di Oxford Dictionaries,  citata poi nel discorso post referendario di Matteo Renzi e da Beppe Grillo, nel contesto opposto.

In soldoni, è l’effetto secondo cui l’opinione  pubblica viene attirata più da un titolo strillato, anche se falso, che da un titolo vero.

Spesso si dà per scontato che ci si rivolga a una news politica, volta a far passare l’una o l’altra versione della verità. Non sempre è così, la notizia può avere anche come tema la cultura pop, l’attualità, il costume.

È il caso evidente del sito di Repubblica, che in un articolo sul Festival di Sanremo ormai prossimo e un giorno prima della conferenza stampa ufficiale, si lancia in questo titolo:

 

 repubblica

 

Come vedete, il titolone strilla: Sanremo, Maria De Filippi al Festival: “Ha firmato, ci sarà”, facendo leva sulla fiducia dei suoi lettori, che interpreteranno quel virgolettato come proveniente da una fonte ufficiale.

Giusto sotto, in piccolo, nella descrizione, tutto diventa il contrario di tutto. Si legge infatti che il virgolettato è stato preso da un presunto scoop del settimanale Chi, diretto da Alfonso Signorini, presto smentita da Rai e da Maria.

Una breve ricostruzione dell’accaduto potrebbe essere questa: La Repubblica non ha fatto un adeguato fact checking (il controllo della fonte) sull’articolo di Chi, che dava per sicura la partecipazione di Maria a Sanremo, secondo una ricostruzione piuttosto arbitraria dei fatti. Una volta pubblicata la notizia da parte di Repubblica, vista la risonanza che ha quel gigante editoriale, sono arrivate le sonore smentite sia dell’interessata che della Rai. Ecco le parole di Maria De Filippi  in replica alla falsa news di Chi, riportate direttamente dall’articolo di Repubblica:

“Alfonso Signorini è sicuramente un grande direttore di giornale perché riesce, attribuendomi una conversazione immaginaria tra me e Carlo Conti peraltro mai avvenuta è tantomeno mai dichiarata al giornalista di Chi, ad anticipare un ipotetico sì alla mia presenza a Sanremo. Domani ci sarà la conferenza stampa e se sarò presente al Festival sarò presente lì e le conversazioni non saranno più immaginarie ma reali”

La notizia però appare così su Facebook. Ho lasciato anche il mio personale commento per chiarezza:

 

Su Facebook, che è lo strumento principe per quanto riguarda le condivisioni di notizie in rete, la notizia si legge come indubitabilmente vera. “Ha firmato, ci sarà”. Ecco come appare su Google se cerchiamo notizie in merito. Quella di Repubblica è la notizia che appare nel riquadro a destra. Stavolta niente virgolettato, solo il titolo che parla da solo: Sanremo, Maria De Filippi ha firmato il contratto: sarà all’Ariston con Carlo… 

Ora, non sta a noi confutare se Maria De Filippi sia davvero in procinto di co-presentare, di accompagnare per la conduzione in una sola serata o per fare un’ospitata da Carlo Conti a Sanremo, ma per saperne di più basta leggere il titolo dell’ANSA, che tratta questo balletto di smentite in ben altro modo:

 ansa

 

Domani ci sarà la conferenza stampa ufficiale e magari la notizia di punta potrebbe proprio essere la partecipazione di Maria a Sanremo. Nel dubbio però, c’è chi gioca con le funzioni di condivisione e di editing degli articoli per creare un effetto che è tutto il contrario della verità.

Repubblica infatti, dopo aver saputo dai diretti interessati della balla scritta da Chi,  ha preferito lasciare intatto il titolo che è il contrario dell’articolo.

Conclusione: noi vi proponiamo tutta la ricostruzione e se uno ha un po’ di voglia e tempo può fare la stessa cosa, ma l’utente medio che apre alle 17:00 articolo di Repubblica si trova di fronte a una cosa senza senso, un pezzo con un titolo che dice una cosa e un articolo che lo smentisce per tutto il tempo.

Vista l’importanza di La Repubblica, ci aspettiamo che dia il buon esempio su argomenti come la post verità, che spesso si prende la briga di criticare ad altri quotidiani.

È ufficiale cosa, di preciso? facebook - È ufficiale cosa, di preciso?

 

Per non essere da meno, anche il Corriere della Sera ha dato per certo l’articolo smentito di Chi, dando la notizia falsa.

 corriere

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >