Si deve per forza ridere di tutto? Ascesa e declino del politicamente scorretto

politicamente scorretto yuki.la - Pepe the Frog in versione nazista

 

La cultura del meme, del sarcasmo oltre ogni livello, ogni tanto deborda e ci porta ad alcune riflessioni sulla sua utilità. Il caso del fumettista Labadessa, che ha scritto sul suo profilo personale di Facebook (seguito da più di 20mila persone) un post che apparentemente simula una fantasia di stupro, si è preso una shitstorm, ha cancellato il post e poi si è scusato asserendo che lui non stuprerebbe mai, quindi sono stati i lettori ad aver frainteso, la dice lunga sullo stato di salute del politicamente scorretto.

Chi ha vissuto il passaggio di consegne tra l’era analogica e quella digitale, sa bene che il politicamente scorretto in passato è stato un mezzo culturale per combattere la censura, il pensiero bigotto, per scardinare i paletti imposti dalla società, grazie a una forte componente culturale dei fruitori e degli autori, che portava il mezzo a essere rivoluzionario. Riviste come Il Male, Cuore, fumetti come RanXerox o Zanardi, trasmissioni televisive come Avanzi o Tunnel, negli anni pre social hanno fornito una valvola di sfogo e un mezzo di comunicazione assai potente per poter veicolare idee diverse da quelle della morale comune.

Coi social, lo sapete anche voi com’è andata: le pagine di meme hanno più fan di quelle delle rockstar e l’asticella del politicamente scorretto si alza ogni volta di più. Purtroppo, la base culturale per la comprensione del testo o dell’immagine a volte latita, e ci troviamo a fronteggiare un esercito di (non solo) giovanissimi, fieri di difendere il loro diritto a ridere di stupro, guerra, disabilità, razzismo, omosessualità, violenza, asserendo che niente è intoccabile e chi pensa il contrario è da ritenersi censore, inquisitore, moderno Torquemada.

Potremmo essere d’accordo solo a un patto: che si abbia una base culturale ed emotiva tale da capire ed empatizzare con le vittime di stupro, con le persone bullizzate perché omosessuali o di etnia diversa, con le persone affette da disabilità, con chi rischia la vita sotto i bombardamenti o beve l’acqua marrone del fiume perché non ha altro. Sembra un discorso ciellino? Forse, ma oggi più che mai risulta doveroso chiarire che senza informazione, senza cultura, senza fatti concreti a supporto delle prime due, il diritto a ridere di tutto potrebbe non essere così inalienabile.

È evidente che i meme abbiano aiutato (e continuino ad aiutare, vedi articolo del Financial Times) l’ascesa negli Stati Uniti dell’alt-right, la destra alternativa al conservatorismo, che promuove la supremazia bianca, il maschilismo, l’islamofobia e il populismo di destra. Quell’iperbole che per anni è stata al servizio delle istanze progressiste, svuotata dei suoi contenuti, è diventata una pericolosa arma antisociale e anticulturale.

Il Re è nudo: il disegno di una rana nazista che dice battute o una foto dell’olocausto con una frase satirica sotto, svuotate dell’empatia per una tragedia, tornano ad essere messaggi razzisti proprio come sembrano. Riderne e condividerli, porta gli utenti a essere attivisti che fanno propaganda politica senza neanche rendersene conto.

La storia di Labadessa è un pretesto, sia chiaro, ma se non si capisce come tirare il freno, è inutile guidare una Porsche.

politicamente scorretto  La celebre Troll Face

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >