Social Network
di Marco Villa 1 Agosto 2017

“Servono donazioni di sangue”: su Facebook si scatenano i peggiori commenti

Secondo il quarto teorema di Zuckerberg, su Facebook qualsiasi argomento può tirare fuori il peggio delle persone

 Foto di Jesse Stevenson

 

Secondo il quarto teorema di Zuckerberg, su Facebook qualsiasi argomento può tirare fuori il peggio delle persone. Si tratta ormai di un comportamento assimilabile a una legge di natura, a cui dobbiamo in qualche modo fare il callo, perché difficilmente ne usciremo. Uno può anche accettare che succeda quando si trattano argomenti politici o che abbiano una qualche attinenza con quella sfera. Fa un po’ più impressione quando ci si allontana e si arriva in altri campi. Alcune situazioni, poi, dovrebbero essere immuni, ma qui arriva il quarto teorema di Zuckerberg: non esistono zone franche.

La dimostrazione – l’ennesima – è arrivata oggi con una condivisione sulla pagina ufficiale di ANSA. L’agenzia ha rilanciato un pezzo presente sul proprio sito, dedicato alla carenza di scorte di sangue, in cui si invita la popolazione ad andare a donare. Un argomento importante, lontano da ogni tipo di presa di posizione politica e soprattutto da sempre caratterizzato da una sola possibile lettura: donare il sangue è un atto positivo, che non si presta in alcun modo a polemiche o crociate.

E invece, come segnalato dalla benemerita pagina “Adotta anche tu un analfabeta funzionale”, non c’è stata nessuna pietà.

Si parte con il grande classico: l’invettiva contro il potere

Sono cinque, ma ce ne sono molti di più: è l’effetto-kasta, ovvero quel riflesso condizionato per cui ogni argomento va sempre a toccare il tasto privilegi&sprechi della politica. Un po’ come accadeva anni fa con Berlusconi: potevi parlare di farina integrale o della fotosintesi clorofilliana, ma potevi stare sicuro che uno dei primi dieci commenti conteneva la parola Berlusconi. Oggi è lo stesso, ma il bersaglio si è allargato a tutta la classe politica. Se pensate che tirare in mezzo la Lorenzin e i politici criminali parlando di donazioni di sangue sia assurdo, sappiate che è solo l’inizio.

 

Il passo successivo è quello del commentatore che si rivolge ai politici per chiedere conto di dove finiscono i soldi delle sue tasse. Tradotto: dovreste usare quei soldi per comprare il sangue. Esatto: comprare.

 

Ci spostiamo ora nel gruppo dei donatori, ma dei donatori pentiti: secondo quanto racconta questa commentatrice, anni fa i medici le vietarono di donare il proprio sangue alla madre, preferendo sottoporla a un’autotrasfusione. La commentatrice si risentì talmente tanto da voler negare il prezioso fluido al resto degli italiani.

 

Questo commentatore, invece, parla di un altro caso clamoroso: dopo aver donato il sangue e aver convinto alcuni parenti a fare la stessa cosa in vista di un’operazione all’anca del suocero, si è visto “scippare” il sangue per alcuni interventi chirurgici urgenti e anche in questo caso al parente è stata fatta un’autotrasfusione. Il nostro commentatore, però, fa un ulteriore passo avanti rispetto all’indignata precedente: pretende che chi riceve sangue donato si attivi in prima persona per restituire al sistema la stessa quantità di fluido ricevuta.

 

Un metodo di gestione delle scorte ematiche da grande amministratore, dotato di estrema lungimiranza. La stessa che caratterizza questa commentatrice, che parla di tecnologie con la classica consapevolezza e conoscenza dell’argomento di chi ha ottenuto un dottorato di ricerca presso l’università della vita.

 

Tranquilli, siamo quasi arrivati in fondo e ci sembrava giusto chiudere con due grandi classici, un po’ come fanno le band in chiusura di concerto. Il primo è il commento complottista che tira in mezzo le grandi case farmaceutiche.

 

Ma eccoci al gran finale: la tirata anti-immigrati, portata avanti con proprietà di linguaggio e capacità di argomentare in lingua italiana di livello bassissimo. Non è ironia: evidentemente il giorno in cui hanno spiegato l’acca aveva la morbillo. Ovviamente perché non si era vaccinato.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >