Social Network
di Marco Villa 1 Agosto 2017

“Servono donazioni di sangue”: su Facebook si scatenano i peggiori commenti

Secondo il quarto teorema di Zuckerberg, su Facebook qualsiasi argomento può tirare fuori il peggio delle persone

 Foto di Jesse Stevenson

 

Secondo il quarto teorema di Zuckerberg, su Facebook qualsiasi argomento può tirare fuori il peggio delle persone. Si tratta ormai di un comportamento assimilabile a una legge di natura, a cui dobbiamo in qualche modo fare il callo, perché difficilmente ne usciremo. Uno può anche accettare che succeda quando si trattano argomenti politici o che abbiano una qualche attinenza con quella sfera. Fa un po’ più impressione quando ci si allontana e si arriva in altri campi. Alcune situazioni, poi, dovrebbero essere immuni, ma qui arriva il quarto teorema di Zuckerberg: non esistono zone franche.

La dimostrazione – l’ennesima – è arrivata oggi con una condivisione sulla pagina ufficiale di ANSA. L’agenzia ha rilanciato un pezzo presente sul proprio sito, dedicato alla carenza di scorte di sangue, in cui si invita la popolazione ad andare a donare. Un argomento importante, lontano da ogni tipo di presa di posizione politica e soprattutto da sempre caratterizzato da una sola possibile lettura: donare il sangue è un atto positivo, che non si presta in alcun modo a polemiche o crociate.

E invece, come segnalato dalla benemerita pagina “Adotta anche tu un analfabeta funzionale”, non c’è stata nessuna pietà.

Si parte con il grande classico: l’invettiva contro il potere

Sono cinque, ma ce ne sono molti di più: è l’effetto-kasta, ovvero quel riflesso condizionato per cui ogni argomento va sempre a toccare il tasto privilegi&sprechi della politica. Un po’ come accadeva anni fa con Berlusconi: potevi parlare di farina integrale o della fotosintesi clorofilliana, ma potevi stare sicuro che uno dei primi dieci commenti conteneva la parola Berlusconi. Oggi è lo stesso, ma il bersaglio si è allargato a tutta la classe politica. Se pensate che tirare in mezzo la Lorenzin e i politici criminali parlando di donazioni di sangue sia assurdo, sappiate che è solo l’inizio.

 

Il passo successivo è quello del commentatore che si rivolge ai politici per chiedere conto di dove finiscono i soldi delle sue tasse. Tradotto: dovreste usare quei soldi per comprare il sangue. Esatto: comprare.

 

Ci spostiamo ora nel gruppo dei donatori, ma dei donatori pentiti: secondo quanto racconta questa commentatrice, anni fa i medici le vietarono di donare il proprio sangue alla madre, preferendo sottoporla a un’autotrasfusione. La commentatrice si risentì talmente tanto da voler negare il prezioso fluido al resto degli italiani.

 

Questo commentatore, invece, parla di un altro caso clamoroso: dopo aver donato il sangue e aver convinto alcuni parenti a fare la stessa cosa in vista di un’operazione all’anca del suocero, si è visto “scippare” il sangue per alcuni interventi chirurgici urgenti e anche in questo caso al parente è stata fatta un’autotrasfusione. Il nostro commentatore, però, fa un ulteriore passo avanti rispetto all’indignata precedente: pretende che chi riceve sangue donato si attivi in prima persona per restituire al sistema la stessa quantità di fluido ricevuta.

 

Un metodo di gestione delle scorte ematiche da grande amministratore, dotato di estrema lungimiranza. La stessa che caratterizza questa commentatrice, che parla di tecnologie con la classica consapevolezza e conoscenza dell’argomento di chi ha ottenuto un dottorato di ricerca presso l’università della vita.

 

Tranquilli, siamo quasi arrivati in fondo e ci sembrava giusto chiudere con due grandi classici, un po’ come fanno le band in chiusura di concerto. Il primo è il commento complottista che tira in mezzo le grandi case farmaceutiche.

 

Ma eccoci al gran finale: la tirata anti-immigrati, portata avanti con proprietà di linguaggio e capacità di argomentare in lingua italiana di livello bassissimo. Non è ironia: evidentemente il giorno in cui hanno spiegato l’acca aveva la morbillo. Ovviamente perché non si era vaccinato.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >