Guida alle faccine di Facebook: come usare le reaction senza far incazzare nessuno

I cuoricini faranno scoppiare più coppie dell’Erasmus

 via

 

Ieri su Facebook hanno tenuto banco due argomenti. Sul primo stendiamo un velo petaloso, il secondo invece rappresenta una novità epocale per tutti gli utenti del social network per eccellenza: il like, moderno metro di autostima, di successo e di fallimento, si è scisso come Gizmo coi Gremlins, per diventare 6 reazioni differenti.

Oltre al classico e canonico like, il cui potere appare ridimensionato, entrano in gioco il cuore, la faccia che ride tantissimo, quella che manifesta stuporone, quella che piange e quella incazzata nera. Se volete saperne di più sul loro funzionamento oggettivo, vi rimandiamo all’articolo di ieri. Oggi parliamo di quello soggettivo. Cioè di come sarebbe appropriato utilizzare le Facebook Reaction senza far danni.

 

facebook-reactions-animation via

 

1) Fino a 2 giorni fa, contava solo il Like

 via

Fino all’altro ieri, il like era tutto. Le foto si postavano per farne incetta, ci si avviavano conversazioni private e tresche segretissime. Gli artisti capivano se erano seguiti, quanto e più dei loro colleghi, le band trovavano posti in cui suonare e i giovani blogger si sentivano arrivati. Questa scissione ridimensiona il pollice in su, che diventa un “Uhm, sì, ok.”. Praticamente il corrispettivo dello smile classico, che ormai si usa solo per troncare una conversazione senza passare da stronzi.  “Hai visto? Ho vinto i campionati di tiro al piccione!” – “:)”. Fine della storia.

 

2) Col cuoricino finiranno più storie che durante l’Erasmus

Il Love, mettetelo solo in situazioni protette, tipo: la prima foto del bambino dei vostri amici, il disco della band che più vi piace, il film o la serie tv che attendevate da anni. Robe così. Non vi azzardate ad apporlo alle foto di un fondoschiena femminile o di un manzo con gli addominali bene in vista. Lì si va subito a litigare. “Cioè, se quella meretrice è una tua amica, non potevi mettere il like? Dovevi per fora umiliarmi mettendo il cuoricino?”Le coppie scoppieranno come fabbriche di fuochi d’artificio abusive. Occhio.

 

3) La risatona usala per ridere, non per prendere per il culo

gif-anime-simpson_nelson via

Se uno dei vostri contatti è particolarmente simpatico, al posto del like è d’uopo usare la risatona, che significa “Zio m’hai fatto piegare”. Già sappiamo però che legioni d’incivili la useranno per schernire le disavventure quotidiane dei meno fortunati, un po’ come fa Nelson da più di 20 anni nei Simpson. “Stamattina me ne sono capitate di tutti i colori: mi hanno rubato in casa, il gatto è morto d’infarto e quando sono arrivati i carabinieri mi hanno trovato una canna in tasca”. Ecco, sotto questo status la faccetta “ha ha” non è proprio il caso, se non volete litigare tra amici.

 

4) Il Wow è un jolly che può ritorcersi contro di te

Cassie-Oh-Wow-Insult-Gif-On-Skins via

“Domani mi sposo” scritto dall’impenitente amico latin lover si merita un Wow di approvazione stupita. Il la foto di nudo artistico, meglio di no. Tutti i cambiamenti di status positivi, tipo nuovo lavoro entusiasmante, nuova relazione d’amore puro, nuova casa fotonica valgono tutte un Wow. Le loro controparti negative, tipo licenziamento, divorzio o sfratto, meglio parlarne privatamente o al limite lasciare impressa un’emoji più triste, altrimenti uno potrebbe rispondere “Wow un cazzo” e farvici rimanere male.

 

5) Ci sono vari livelli di notizia triste e non tutte necessitano l’emoticon

54a78a9754dec_-_cryinggifs_01_1 via

Fermo restando il fatto che se la vostra ex si mette insieme a uno, e voi accogliete la notizia con la faccina triste siete i più sfigati che abbiano mai calcato il suolo terrestre, non tutte le notizie tristi sono uguali. La scomparsa di uno famoso può essere accolta con la lacrimuccia, anzi è auspicabile, giacché i like sotto la morte di David Bowie suonavano sinistri. Se invece qualcuno che conosci usa il mezzo Facebook per annunciare un lutto personale o un fatto spiacevole nella vita reale, meglio lasciare un commento composto oppure contattare la persona in privato, piuttosto che utilizzare un cartone animato che piange.

 

6) Se non ti piace una notizia, ignorala invece di incazzarti

giphy-65 via

Questa dovrebbe essere la legge quadro dei rapporti interpersonali su Facebook. Se non ti piace, non ti curar di loro ma guarda e passa. E invece imbastiamo rivoluzioni, creiamo battaglie, minacciamo di morte sconosciuti solo perché non la pensano come noi. Oltre alla stupidità di tale comportamento, ricordatevi che ogni reazione conta come un like, un’approvazione. Quindi se Salvini scrive “Basta mediorientali in Medio oriente, ruspa!” e voi invece siete intelligenti, non commentate. Se riempirete il suo Facebook di “Grrr” farete il suo gioco.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >