Mario Adinolfi è stato bannato da Facebook per un mese, ma non chiamatela censura

Il commento indecente sulla vicenda di Dj Fabo è costato il silenzio social a Mario Adinolfi

Mario Adinolfi, il giornalista-politico-giocatore di poker (una citazione sempre bella da Wikipedia) è stato sospeso per un mese da Facebook dopo una valanga di segnalazioni, compresa la mia, che lo ha travolto dopo la pubblicazione di un post di commento alla vicenda intima di Dj Fabo (Fabiano Antonini), il 40enne che dopo un incidente stradale che l’ha reso tetraplegico e cieco, ha deciso di porre fine alle sue sofferenze in una clinica Svizzera, Stato in cui l’eutanasia è legale.

Una vicenda del tutto personale che, condivisibile o meno, riapre il dibattito sull’opportunità di una legge che regoli il fine vita, in modo che sia la persona a decidere sul destino del proprio corpo e non un cavillo burocratico, l’ospedale, i parenti o la chiesa.

A questo proposito, ieri Facebook è diventato un campo minato di commenti in cui ognuno diceva la propria sull’argomento, spesso a sproposito. Mario Adinolfi si è lasciato scappare l’occasione di tacere e di fare una figura signorile, in virtù dei suoi sani principi che lo obbligano volta per volta a condannare gli omosessuali, a caldeggiare la sottomissione della donna nei confronti dell’uomo, a offendere il meridione d’Italia e anche a farsi carico del peso di una posizione estrema nei confronti dell’eutanasia, all’indomani della morte di un essere umano.

Questo il post incriminato:

 adnkronos

Un post indecente che non mostra un minimo di empatia per la sofferenza di un essere umano, paragonato a un disabile nella camera a gas di un campo di concentramento e non a un malato terminale con un diritto di scelta. Stavolta Facebook si è attivato subito per bandire il leader del Popolo della Famiglia per un mese dal social, durante il quale non potrà scrivere o rispondere ai messaggi privati.

La moglie Silvia Pardolesi ha giudicato censurante il ban imposto dal social al marito, dimostrando che Dio li fa e poi l’accoppia. Evidentemente, entrambi credono che l’essere cattolici dia diritto a sparare ogni tipo di sentenza, fregandosene del tatto, della sensibilità nei confronti di una tragedia e affrontando la questione solo per creare polemica.

Una serie di commenti che perde di vista un fatto incontrovertibile: il silenzio è il dono più grande che ha a disposizione quello che sta per sparare una cazzata. Non c’è bisogno di usare ogni mezzo per dividere l’opinione pubblica e far parlare di sé. Pensiamo sia profondamente sbagliato tentare di mettersi nella testa di un essere umano che a causa di un incidente, si trova dal giorno alla notte costretto in un corpo che non funziona più, con la scienza medica che non offre soluzioni a riguardo se non quella di prolungare lo stato delle cose il più possibile.

Questa è una reale tragedia e ognuno deve avere il diritto di poterla affrontare come meglio crede, senza che  alcuni politici di dubbi valori vengano a fare la morale per prendere i like. L’offesa a un malato terminale è un gesto talmente grave da non sapere neanche commentarlo con un linguaggio consono. Sarebbe stato certamente più consono se la moglie di Adinolfi avesse chiesto scusa a nome del marito per il post osceno, prima di tutto a Fabiano Antonini, poi alla sua ragazza, alla famiglia e agli amici che si sono stretti a lui nella decisione più importante.

Per non farci mancare niente, in giornata di ieri è arrivato anche il commento di Matteo Salvini, che oggi parla di eutanasia come scelta libera e caldeggia una legge dopo essersi mostrato sempre contrario al fine vita e aver ostacolato ogni proposta di legge in merito. Il silenzio, in questi casi, è davvero sottovalutato.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >