La raccolta fondi per comprare Twitter e bannare Trump

Visto che cacciare Trump dalla Casa Bianca è complicato, meglio provare a mandarlo via Twitter

Social Network
di Marco Villa facebook 24 agosto 2017 14:11
La raccolta fondi per comprare Twitter e bannare Trump

A mali estremi, estremi rimedi: se non puoi nemmeno lontanamente immaginare di resistere altri tre anni e tre mesi per aspettare le elezioni e provare a evitare la rielezione di Donald Trump alla Casa Bianca, puoi sempre provare a cacciarlo da quella è la sua seconda casa. Non stiamo parlando della Trump Tower a New York, ma di Twitter, il social network preferito dal 45esimo Presidente degli Stati Uniti, quello su cui ama condividere messaggi che vanno dalla non-condanna dei nazisti di Charlottesville a minacce nucleari contro la Corea del Nord.

Certo, bannare Trump da Twitter non è cosa facile, anche perché Twitter non si sogna minimamente di chiudergli l’account. Per aggirare questo ostacolo c’è una sola soluzione a disposizione: comprare Twitter e poi chiudere l’account a Trump. È questa l’idea che è venuta a Valerie Plame Wilson, ex agente CIA sotto copertura che ha lanciato una raccolta fondi per ottenere il controllo del social network.

Per motivare la sua azione, Plame Wilson dice che si tratta di una mossa necessaria, per evitare che un tweet di troppo possa scatenare uno scontro diplomatico. Ecco allora spiegata la campagna di crowdfunding su GoFundMe. Per uno scopo così ambizioso, ovviamente, i soldi da raccogliere sono tantissimi, per l’esattezza un miliardo di dollari. Al momento sono arrivate donazione per circa 40mila dollari, ma è evidente che si tratta di numeri che hanno poco senso: quello che conta è la provocazione, che attacca sia la presidenza Trump, sia il ruolo dei social network nel dibattito politico contemporaneo.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)