Society
di Dailybest 16 Gennaio 2014

16 Persone odiose da incontrare in Metropolitana (illustrate dai cani)

Chiunque viaggi abitualmente in metropolitana e forse anche coloro che la hanno presa almeno una volta nella vita, avranno avuto modo di incontrare alcuni degli stereotipi che rendono un incubo anche il più breve spostamento da una fermata all’altra. In questo post una carrellata delle peggiori persone che si possano incontrare all’interno di un vagone con la gentile partecipazione dei cani, che ci regalano la loro personale interpretazione di chi mai vorremmo avere vicino in metropolitana. (nota: i cani qui presenti sono attori professionisti, non tentate di imitarli a casa, anzi in metro).

1. L’UOMO MEGAFONO (phone version)

Urlatore-telefonico

Sia maledetto il giorno in cui agli ingegneri Telecom è venuta la brillante idea di installare ripetitori anche sottoterra. Il solo fatto che però ci sia linea, non vuol dire che si abbia il diritto di trasformare una conversazione in un discorso alla Nazione. L’Uomo Megafono è probabilmente uno degli incubi più ricorrenti di chi viaggia in metropolitana.

2. L’UOMO MEGAFONO (freestyle version)

Urlatore-colloquiale

Nei rari casi in cui non è al telefono o la linea non sia presente, l’Uomo Megafono non si scoraggia, perché solitamente è accompagnata da uno o più amici ascoltatori a cui deve necessariamente rivolgersi con un tono di voce che sorpassa la soglia di decibel di una curva gremita di tifosi dopo un gol. Spesso la sua voce si ode anche in superficie.

3. L’OSTRUZIONISTA

Il-moviolista

L’ostruzionista è quella persona la cui velocità di salita o discesa su un vagone, così come la sua capacità di lasciare spazio a chi deve scendere/salire è talmente bassa da creare ingorghi inestricabili. Restano spesso immobili di fronte alle porte, non di rado costringendo a voli acrobatici per scavalcarli.

4. Il RUGBISTA

Il-corridore-cieco

Il rugbista è un pericolo costante. Lo vedi correre su scale mobili al contrario prendendo a spallate chiunque si ponga sulla sua strada. Noncurante delle persone, che abbatte puntualmente, il suo unico scopo è  arrivare alla meta (la porta del vagone) nel minor tempo possibile.

5. IL GUARDONE DA SPIAGGIA

Guardone-da-spiaggia

Seduto con l’aria svagata e distratta, indossando un paio di occhiali da sole, il guardone da spiaggia scruta le forme di qualsiasi donna all’interno del vagone. Qualcuno un giorno dovrebbe dirgli che il solo fatto di indossare occhiali scuri non lo rende invisibili e si vede benissimo che il suo sguardo è stampato sul corpo.

6. IL GUARDONE DISINVOLTO

Guardone-invisibile

 

A differenza del guardone da spiaggia, il guardone disinvolto non ha bisogno di alcun travestimento. Noncurante di qualsiasi rispetto, semplicemente fissa apertamente ogni donna gli si pari di fronte. Non di rado si aggira in comitiva, creando gruppi di guardoni estremamente inquietanti.

7. L’AFFAMATO COMPULSIVO

 L-affamato-compulsivo

La metropolitana vi sembra forse una cucina? E se anche lo fosse, davvero mangereste in questa maniera, spargendo pezzi di cibo ovunque, strusciandoli addosso alla gente e pulendovi le mani sulle maniglie? No, ma l’affamato compulsivo se ne frega e trasforma il suo viaggio in metro in una sorta di baccanale gastronomico.

8. L’AFFAMATO PUZZOSO

L-affamato-puzzolente

Simile all’affamato compulsivo ma estremamente più pericoloso. Solitamente armato di cibo da fastfood o portapranzo con cibo etnico, l’affamato puzzoso diffonde nell’aria odori devastanti, spesso a rischio nausea, al confine con lo stordimento olfattivo. Si vocifera di alcune persone scese col treno in corsa per sfuggire alla puzza.

9. L’ULTRACORPO

L-affettuoso

Non voglio il tuo fiato maleodorante sul mio collo. Non voglio la tua forfora sui miei vestiti. Non voglio le tue ascelle sulla mia testa. Non voglio le tue mani oleose sopra le mie. Non voglio i tuoi starnuti sulla mia faccia. Non voglio le tue infradito maleodoranti a contatto con le mie. Ultracorpo, per favore, stai lontano da me.

10. I SALIVATORI

Coppia-in-amore

Guardatevi attorno per un solo istante: vi sembra di essere soli? Vi sembra di essere in un posto romantico? Vi sembra di essere in una camera da letto? No, è una dannata metropolitana. D’accordo darsi baci e carezze, potrebbe anche piacere, ma i salivatori vanno oltre le prove di affetto, trasformandosi in un gomitolo di corpi al limite del pornografico, intrecciando le lingue con fare da giocoliere anche nei vagoni più affollati. Troppo, piantatela.

11. IL PERFORMER

Il-Performer

Il performer rappresenta una categoria molta ampia e variegata di persone convinte che un vagone metropolitano sia un palco su cui esibirsi. Cantanti svagati, chitarristi scordati, filarmonicisti, rapper, suonatori di pentole. Se volete fare nobile e apprezzabile musica da strada, esiste, appunto, la strada. Questa è una metropolitana da cui non vediamo l’ora di scendere. E comunque… tanto non vi si sente per colpa dell’Uomo Megafono.

12. L’ACROBATA

L-acrobata

Ambizione dell’acrobata è portare la metropolitana verso nuovi orizzonti, trasformandola in una sorta di trapezio / otto volante. Compie evoluzioni appeso alle sbarre, mette i piedi sui sedili, si appende alle maniglie simulando Juri Chechi. Uno spettacolo fastidioso e insostenibile per chi è in attesa della propria fermata come dell’approdo in paradiso.

13. LO SPAPARANZATO 

L-occupatore

Lo Spaparanzato ha un estremo bisogno di comunicare al mondo la sua esistenza. Solitamente a gambe e braccia spalancate, in piedi o seduto, occupa tutto lo spazio che può, costringendo spesso le persone circostanti in uno spazio vitale al limite della sopravvivenza.

14. IL NARCOLETTICO 

Il-drogato-di-sonno

Molto simile allo Spaparanzato, ma estremamente più fastidioso. Hai sonno? Anche io. Vuoi fare un pisolino? Nessun problema. Il fatto è che non dovresti addormentarti e cadere addosso a me usandomi come cuscino o pensando che quattro sedili vuoti siano il tuo materasso.

15. IL COMPRESSORE

Il-flautelento-silenzioso

Uno dei più pericolosi personaggi da incontrare. Figura solitamente dall’aspetto rassicurante, talvolta elegante, sempre insospettabile. Si aggira anonimo tra i vagoni con lo sguardo nel vuoto, fin quando rilascia silenziosamente gas intestinale al limite dell’attacco terroristico, diffondendo puzze abominevoli e svanendo poi nel nulla, lasciando i passeggeri in preda al panico. Se pianificate di viaggiare in metropolitana, per favore evitate i fagioli nelle ore precedenti al vostro viaggio. Per favore.

16. L’APPOGGIATORE

appoggiatore

Terrore di ogni donna sul pianeta, l’Appoggiatore è una piaga dei viaggi (femminili, ma non solo) in metropolitana. La sua caratteristica è di essere insospettabile: di qualsiasi età, di qualsiasi ceto sociale, di qualsiasi aspetto fisico. La sua unica ambizione è… appoggiarsi. Sentire un seno sul suo gomito lo rende estasiato. Sentire una parte qualsiasi di un corpo femminile vicina al suo pube lo esalta nel profondo. Preferisce abitualmente le metropolitane intasate, dove maschera le sue azioni, calibrate al millimetro, con la pressione della folla.

 
FONTE | buzzfeed.com

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >