Society
di Dailybest 16 Gennaio 2014

16 Persone odiose da incontrare in Metropolitana (illustrate dai cani)

Chiunque viaggi abitualmente in metropolitana e forse anche coloro che la hanno presa almeno una volta nella vita, avranno avuto modo di incontrare alcuni degli stereotipi che rendono un incubo anche il più breve spostamento da una fermata all’altra. In questo post una carrellata delle peggiori persone che si possano incontrare all’interno di un vagone con la gentile partecipazione dei cani, che ci regalano la loro personale interpretazione di chi mai vorremmo avere vicino in metropolitana. (nota: i cani qui presenti sono attori professionisti, non tentate di imitarli a casa, anzi in metro).

1. L’UOMO MEGAFONO (phone version)

Urlatore-telefonico

Sia maledetto il giorno in cui agli ingegneri Telecom è venuta la brillante idea di installare ripetitori anche sottoterra. Il solo fatto che però ci sia linea, non vuol dire che si abbia il diritto di trasformare una conversazione in un discorso alla Nazione. L’Uomo Megafono è probabilmente uno degli incubi più ricorrenti di chi viaggia in metropolitana.

2. L’UOMO MEGAFONO (freestyle version)

Urlatore-colloquiale

Nei rari casi in cui non è al telefono o la linea non sia presente, l’Uomo Megafono non si scoraggia, perché solitamente è accompagnata da uno o più amici ascoltatori a cui deve necessariamente rivolgersi con un tono di voce che sorpassa la soglia di decibel di una curva gremita di tifosi dopo un gol. Spesso la sua voce si ode anche in superficie.

3. L’OSTRUZIONISTA

Il-moviolista

L’ostruzionista è quella persona la cui velocità di salita o discesa su un vagone, così come la sua capacità di lasciare spazio a chi deve scendere/salire è talmente bassa da creare ingorghi inestricabili. Restano spesso immobili di fronte alle porte, non di rado costringendo a voli acrobatici per scavalcarli.

4. Il RUGBISTA

Il-corridore-cieco

Il rugbista è un pericolo costante. Lo vedi correre su scale mobili al contrario prendendo a spallate chiunque si ponga sulla sua strada. Noncurante delle persone, che abbatte puntualmente, il suo unico scopo è  arrivare alla meta (la porta del vagone) nel minor tempo possibile.

5. IL GUARDONE DA SPIAGGIA

Guardone-da-spiaggia

Seduto con l’aria svagata e distratta, indossando un paio di occhiali da sole, il guardone da spiaggia scruta le forme di qualsiasi donna all’interno del vagone. Qualcuno un giorno dovrebbe dirgli che il solo fatto di indossare occhiali scuri non lo rende invisibili e si vede benissimo che il suo sguardo è stampato sul corpo.

6. IL GUARDONE DISINVOLTO

Guardone-invisibile

 

A differenza del guardone da spiaggia, il guardone disinvolto non ha bisogno di alcun travestimento. Noncurante di qualsiasi rispetto, semplicemente fissa apertamente ogni donna gli si pari di fronte. Non di rado si aggira in comitiva, creando gruppi di guardoni estremamente inquietanti.

7. L’AFFAMATO COMPULSIVO

 L-affamato-compulsivo

La metropolitana vi sembra forse una cucina? E se anche lo fosse, davvero mangereste in questa maniera, spargendo pezzi di cibo ovunque, strusciandoli addosso alla gente e pulendovi le mani sulle maniglie? No, ma l’affamato compulsivo se ne frega e trasforma il suo viaggio in metro in una sorta di baccanale gastronomico.

8. L’AFFAMATO PUZZOSO

L-affamato-puzzolente

Simile all’affamato compulsivo ma estremamente più pericoloso. Solitamente armato di cibo da fastfood o portapranzo con cibo etnico, l’affamato puzzoso diffonde nell’aria odori devastanti, spesso a rischio nausea, al confine con lo stordimento olfattivo. Si vocifera di alcune persone scese col treno in corsa per sfuggire alla puzza.

9. L’ULTRACORPO

L-affettuoso

Non voglio il tuo fiato maleodorante sul mio collo. Non voglio la tua forfora sui miei vestiti. Non voglio le tue ascelle sulla mia testa. Non voglio le tue mani oleose sopra le mie. Non voglio i tuoi starnuti sulla mia faccia. Non voglio le tue infradito maleodoranti a contatto con le mie. Ultracorpo, per favore, stai lontano da me.

10. I SALIVATORI

Coppia-in-amore

Guardatevi attorno per un solo istante: vi sembra di essere soli? Vi sembra di essere in un posto romantico? Vi sembra di essere in una camera da letto? No, è una dannata metropolitana. D’accordo darsi baci e carezze, potrebbe anche piacere, ma i salivatori vanno oltre le prove di affetto, trasformandosi in un gomitolo di corpi al limite del pornografico, intrecciando le lingue con fare da giocoliere anche nei vagoni più affollati. Troppo, piantatela.

11. IL PERFORMER

Il-Performer

Il performer rappresenta una categoria molta ampia e variegata di persone convinte che un vagone metropolitano sia un palco su cui esibirsi. Cantanti svagati, chitarristi scordati, filarmonicisti, rapper, suonatori di pentole. Se volete fare nobile e apprezzabile musica da strada, esiste, appunto, la strada. Questa è una metropolitana da cui non vediamo l’ora di scendere. E comunque… tanto non vi si sente per colpa dell’Uomo Megafono.

12. L’ACROBATA

L-acrobata

Ambizione dell’acrobata è portare la metropolitana verso nuovi orizzonti, trasformandola in una sorta di trapezio / otto volante. Compie evoluzioni appeso alle sbarre, mette i piedi sui sedili, si appende alle maniglie simulando Juri Chechi. Uno spettacolo fastidioso e insostenibile per chi è in attesa della propria fermata come dell’approdo in paradiso.

13. LO SPAPARANZATO 

L-occupatore

Lo Spaparanzato ha un estremo bisogno di comunicare al mondo la sua esistenza. Solitamente a gambe e braccia spalancate, in piedi o seduto, occupa tutto lo spazio che può, costringendo spesso le persone circostanti in uno spazio vitale al limite della sopravvivenza.

14. IL NARCOLETTICO 

Il-drogato-di-sonno

Molto simile allo Spaparanzato, ma estremamente più fastidioso. Hai sonno? Anche io. Vuoi fare un pisolino? Nessun problema. Il fatto è che non dovresti addormentarti e cadere addosso a me usandomi come cuscino o pensando che quattro sedili vuoti siano il tuo materasso.

15. IL COMPRESSORE

Il-flautelento-silenzioso

Uno dei più pericolosi personaggi da incontrare. Figura solitamente dall’aspetto rassicurante, talvolta elegante, sempre insospettabile. Si aggira anonimo tra i vagoni con lo sguardo nel vuoto, fin quando rilascia silenziosamente gas intestinale al limite dell’attacco terroristico, diffondendo puzze abominevoli e svanendo poi nel nulla, lasciando i passeggeri in preda al panico. Se pianificate di viaggiare in metropolitana, per favore evitate i fagioli nelle ore precedenti al vostro viaggio. Per favore.

16. L’APPOGGIATORE

appoggiatore

Terrore di ogni donna sul pianeta, l’Appoggiatore è una piaga dei viaggi (femminili, ma non solo) in metropolitana. La sua caratteristica è di essere insospettabile: di qualsiasi età, di qualsiasi ceto sociale, di qualsiasi aspetto fisico. La sua unica ambizione è… appoggiarsi. Sentire un seno sul suo gomito lo rende estasiato. Sentire una parte qualsiasi di un corpo femminile vicina al suo pube lo esalta nel profondo. Preferisce abitualmente le metropolitane intasate, dove maschera le sue azioni, calibrate al millimetro, con la pressione della folla.

 
FONTE | buzzfeed.com

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >