Society
di Simone Stefanini 11 Luglio 2018

500 anni fa c’è stato il più grande rave della storia: la piaga del ballo di Strasburgo

Il rave fu in realtà un’epidemia tremenda che condusse alla morte decine di persone che non la smettevano di ballare giorno e notte

Pensate davvero di essere i più matti della storia, voi che vi fate anche 24 ore sotto cassa nei rave abusivi nelle industrie abbandonate o nei parchi raggiungibili solo grazie a Bear Grylls? Pivelli, questa notizia cambierà del tutto la vostra percezione in materia di proibito.

Nel 1518, precisamente 500 anni fa, a Strasburgo accadde qualcosa di veramente strano. Come riporta un articolo del Guardian, 400 persone si sono messe a ballare in strada dal nulla per giorni e giorni, finché decine di partecipanti al rave improvvisato sono morti. Colpa del luglio nel Nord della Francia, quell’anno molto caldo, ma anche  delle autorità del tempo che, non sapendo come risolvere la questione, consigliarono a tutti di continuare a ballare, chiamando addirittura suonatori di tamburello e cornamusa per facilitare la danza.

 

La prima a ballare fu Frau Troffea, una donna che dal nulla iniziò a  dimenarsi ritmicamente per le strade della città, senza mangiare né bere per ore e ore. Fu seguita da molti abitanti della città che diedero vita a un flash mob tanto incredibile quanto pericoloso.

La prima settimana pare fossero 30 persone, dopo un mese (esatto, il ballo durò un mese) finirono per essere 400. Di questi ballerini, si narra che morissero anche 15 al giorno, senza che gli altri smettessero di danzare.

Quale fu la ragione di questa isteria collettiva? Probabilmente l’ergotismo, ossia l’intossicazione da ergot, un parassita delle graminacee che si trova nei cibi e provoca allucinazioni simili a quelle dell’LSD. Si può dunque affermare scientificamente che tutti i partecipanti al rave tardo medievale fossero tutti in trip.

 

 

Nel Medioevo ci sono stati un bel po’ di casi di isteria di massa sfociati nella danza. Dalla fine del Medioevo in poi, più nulla (tranne i rave veri e propri, ma quelli sono organizzati).

Ridiamo e scherziamo ma in realtà la piaga del ballo di Strasburgo è stata a tutti gli effetti una tragedia, che ancora oggi nasconde u grande mistero: una volta portati i danzatori folli davanti al Santuario dedicato a San Vito, i loro piedi insanguinati furono messi dentro scarpe rosse e i sofferenti  radunati attorno a una statua del Santo. Nelle settimane successive quasi tutti i danzatori smisero di ballare e l’epidemia giunse alla fine. Questa fu l’ultima piaga della danza in Europa. Ancora oggi San Vito è invocato dai fedeli per proteggerli dall’epilessia e dalla corea, una malattia nervosa che dà movimenti incontrollati del corpo e che per questo viene chiamata Ballo di San Vito.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >