Society
di Simone Stefanini 24 Febbraio 2016

Le 8 parole italiane che gli inglesi ci invidiano

Mentre noi ci affanniamo a riscrivere il nostro vocabolario, gli anglofoni ci invidiano le parole italiane

nallrooskks via

 

Nel nostro paese, sono 30 anni che facciamo di tutto per introdurre le parole inglesi nel lessico di uso comune, per poi coniugarle all’italiana, fino ad arrivare alle estreme conseguenze (il briffare di Nicole Minetti è rimasto un esempio lampante di disgusto semantico).

Quello che forse non sappiamo, invece, è che la nostra lingua è adorata dagli anglofoni, che ne amano la pronuncia, e che, a detta loro, è proprio divertente.

Non possiamo essere lucidi nel valutare la cosa perché siamo madrelingua italiana e per noi, finire tutte le parole con una vocale è una cosa normale. Niente a che vedere con le contrazioni linguistiche anglofone, con le elisioni e i troncamenti, né con le loro vocali mute.

Quindi ci sta che alcune parole più di altre, possano riempire la bocca di chi le usa senza conoscerne il significato. Nel sito Babbel.com sono indicate 8 che sono proprio irresistibili, a quanto pare.

 

1) Allora (traduzione: Then, So)

01_allora_v3 via

Noi la usiamo in un sacco di contesti, come congiunzione conclusiva, temporale ma ricopre anche un senso indeterminato nelle frasi interrogative. Non solo, ci iniziamo pure le frasi di quelle importanti, per attirare l’attenzione dell’interlocutore. Chiaro che gli inglesi poi vanno in confusione. Però il suono pronunciato delle o nel mezzo della parola lo adorano e allora è un gioioso caos.

 

2) Rocambolesco (traduzione: Fantastic, Adventurous)

02_rocambolesco_v1 via

È una parola che deriva dalla vita avventurosa del  personaggio francese di Rocambole, creato dallo scrittore Pierre Alexis Ponson du Terrail e si usa per indicare un’avventura fantastica, pericolosa, eccitante, emozionante, incredibile. Certo, pronunciata in italiano sembra uscire fuori dalla bocca di un tenore di lirica e per gli anglofoni è subito festa.

 

3) Chiacchierone/a (traduzione: Chatterbox)

03_chiacchierone_v2 via

Noi usiamo questo aggettivo per definire diverse tipologie di persona: chi non sa tenere un segreto, chi non la smette mai di parlare e chi afferma cose inesatte. Gli anglofoni amano il suono di questa parola e il fatto che l’avvicina all’altra parola, pettegolezzo e quindi, come conseguenza formale, il paparazzo degli anni 60, il tempo immaginario in cui gran parte degli stranieri crede di trovare l’Italia, cristallizzata in un film di Fellini.

 

4) Sfizio (traduzione: Whim)

04_sfizio via

Il sostantivo sfizio si riferisce al capriccio, al divertimento, al peccato. Per gli anglofoni, probabilmente l’accezione più intrigante è quella del fare shopping comprando sciocchezze durante i saldi, come da gif. La parola però li diverte assai, per via della lettera z e di come siamo soliti pronunciarla noi italiani.

 

5) Struggimento (traduzione: Misery)

05_struggimento_v1 via

La parola struggimento, nella sua accezione figurata, indica quello stato misto di ansia, pena e sofferenza, che consuma senza tregua. Chiaramente, è anche una delle parole preferite dal sottoscritto, e non certo per la sua pronuncia. Però nella descrizione che l’autore dà nel sito di Babbel, sembra parli di un sentimento di profonda tristezza. Non è così, è di più. Lo struggimento è quella tristezza che non finirà mai, che arriverà, appunto, a struggere il malcapitato come un pupazzo di neve al sole.

 

6) Dondolare (traduzione: To Rock, Swing)

06_dondolare_v1 via

Guarda come dondolo, diceva una canzone degli anni ’60 di Edoardo Vianello. E in effetti, l’atto di dondolare è di per sé onomatopeico, perché ricorda l’onda. Piace agli anglofoni questa parola rotonda, che si muove proprio come la sedia a dondolo. Un’altra parola onomatopeica che piace molto ma che non è in lista è sussurrare.

 

7) Mozzafiato (traduzione: Breathtaking)

07_mozzafiato_v1 via

Personalmente, ho sempre  amato anche il corrispettivo inglese della nostra mozzafiato, cioè breathtaking. L’emozione che ti impedisce di respirare, non è forse quella più forte di tutte? Ciò che più amano gli anglofoni di questa parola però è il verbo mozzare, che significa recidere, amputare, staccare con un colpo secco e deciso. Un’azione che letteralmente non si potrebbe fare con il fiato e che rende la parola poetica e insieme misteriosa.

 

8) Dietrologia (non c’è un corrispettivo in inglese)

08_dietrologia_v1 via

Una delle parole totem del decennio in corso, la dietrologia ovvero la tendenza ad assegnare a fatti della vita pubblica motivazioni segrete, complotti, cause diverse da quelle dichiarate. Praticamente la linea guida sulla quale si basano alcuni partiti politici del nostro paese. Oltre ad avere una pronuncia interessante, gli anglofoni ce la invidiano perché la loro lingua non fornisce un corrispettivo così immediato, a pronta presa. Forse non è nella loro cultura, fare così tanta dietrologia.

 

FONTE | Babbel

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >