Society
di Simone Stefanini 14 Novembre 2018

A diventare poveri ci si mette un attimo

La nuova povertà è più subdola, perché ti dà l’illusione che non ti riguardi

Non vorrei mai scrivere sulla povertà, perché non so cosa sia la vera povertà, quella di quando ti manca da mangiare e la tua vita è in pericolo in ogni momento della tua esistenza. È una forma di rispetto paraculo che mi impedisce di paragonarmi ai bambini del terzo mondo, un po’ come quando da piccolo tua mamma ti dice di finire la roba nel piatto pensando a chi muore di fame e te non ci pensi davvero se no ti passa l’appetito. C’è un però? Sì. Il però è la soglia dell’acqua che un momento prima ce l’hai alle caviglie e il momento dopo è già alla gola.

Questa storia, come quasi tutte, nasce da un confronto: pubblico su Facebook uno status/lamentela su una giornata storta in cui è capitata una spesa improvvisa che mi ha rovinato l’umore e un contatto commenta: dovremmo parlare di più di questa nuova povertà. Sulle prime titubo, perché non sono un economista né un povero col bollino blu, però di acqua alla gola ne so qualcosa e magari due parole in fila riesco a metterle. Se bisogna cantare nei tempi bui allora bisogna cantare dei tempi bui, di chi era, di Brecht?  Comunque funziona anche se la citazione non è corretta.

Bene, la nuova povertà, la povertà indie, la povertà 2.0 non è in alcun modo assimilabile a quella vera, ma vive di terrori cosmici, quasi lovecraftiani, quando il bonifico non arriva in tempo, quando lo stipendio non basta, quando il lavoro inizia a mancare e neanche Jovanotti col suo immotivato ottimismo la prenderebbe a ridere. Non si parla solo di chi svolge mestieri creativi, quelli in cui quasi tutti si sono ritrovati almeno una volta a lavorare gratis o in nero sperando che quel contatto portasse un qualche beneficio futuro, ma di tutti i lavori della ex classe media, dipendenti o autonomi che siano.

Definiamo ex classe media: quella che vista da fuori non gli manca nulla ma poi gli basta un niente per affogare. Mettiamo coppia con figlio e casa in affitto. Un’auto e un motorino, le bollette in ordine, il cane con le crocchette, prima avevano Sky ora Netflix che costa meno, due smartphone, la spesa e tutto il resto. Due stipendi normali italian style, cioè che arrivano sì e no a 2800 euro al mese, sommati. Più no che sì. Ogni mese riescono a far quadrare i conti e tentano pure di risparmiare 100 o 200 euro finché non sopraggiunge l’orrore: la spesa imprevista. Non il tablet che si rompe e si deve comprare nuovo eh, quello può attendere. Si parla della macchina guasta, dell’apparecchio del dentista, dell’avvocato e di qualunque altra situazione inaspettata da risolvere in breve tempo, con un’iniezione di soldi notevole.

Mettiamo che la coppia da pubblicità che ho citato prima non abbia genitori ricchi che possano toglierla dai guai grazie al benessere raggiunto nei favolosi anni ’80: dove li trovano ‘sti soldi? Possono provare con un prestito bancario, ammesso che gli venga concesso, che abbiano regolare contratto etc., ma una volta estinto quel debito, inizia il nuovo debito mensile, che va a sommarsi alle spese di tutti i giorni. Il livello dell’acqua sale e la normalità, per qualche anno, diventa più ansiogena. Quell’ansia che non ti fa cambiare il lavoro che odi per paura di non trovarlo più e di rimanere sotto il proverbiale ponte, che ti abbassa drasticamente la qualità della vita, ti rende più incazzato del normale e tu come un domino, vai a inquinare anche la vita degli altri. Mettiamo due spese improvvise insieme: disastro.

Che sfiga eh? Ma capitano. E non ho ancora parlato dei funerali, che per far sparire un cadavere si spendono cifre inaudite, così come per entrare in possesso dell’eredità. Fortuna che l’esperienza è una tantum, ma si fa sentire. Calcolate che per ora ho parlato della situazione più rosea, quella in cui si può contare su due stipendi, ma mica tutti stanno in coppia, neanche da adulti, e lì le cose si complicano. Affitto mono/bilocale, lavoro da meno di 1500 €/mese, spese di cui sopra e in più, un po’ di vita sociale per sdoganarsi dal monolocale e dall’autoerotismo. La spesa imprevista è uno tsunami. Il cinema costa 8 euro, un concerto al palasport minimo 60 euro, l’aperitivo con gli amici, tre bevute, supera i 20 euro, la discoteca porta via un cinquantino a sera, la cena fuori ce n’è per tutti i gusti ma ricordati di finire tutto all’all you can eat cinese altrimenti paghi gli avanzi.

Pensate ora a quelle famiglie in cui lavora uno solo dei componenti, ai giovani-non più giovani che non riescono a trovare un lavoro stabile prima dei 30 anni e dopo i 30 anni sono considerati vecchi, ai licenziati di mezza età, ai separati coi figli a carico, alle donne che nel 2018 hanno ancora meno diritti degli uomini e vengono pagate di meno. A milioni di italiani che guadagnano meno di 1000 euro al mese e devono comunque campare in questa società. La faccio breve per non cadere nei patetismi: se non hai soldi per uscire, starai in casa. Se non hai soldi per la pay tv, guarderai quella normale. Se non hai soldi per la PlayStation 4, giocherai ai giochini per il cellulare, quelli gratis che lo imballano di virus. Se non hai soldi per la Jeep Renegade, continuerai a guidare la Panda a metano. Se non hai soldi per la palestra, pazienza, la panza va di moda. Se non hai soldi per fare le vacanze, starai a casa. Va pure bene, sono tutte rinunce fattibili, ma senza neanche la possibilità di sognare le rose, oltre al pane, mica si vive sereni.

Già immagino gli hater professionisti darmi del superficiale, perché parlo di cinema, videogiochi, palestra e non di soldi per mangiare o per la casa, senza che si siano soffermati neanche un momento a pensare a cosa li abbia resi cani rabbiosi che devono litigare su tutto, senza rendersi conto che il loro malessere è il mio e quando ci si ammala di questa povertà si diventa cattivi, si perde l’empatia, si cerca la svolta anche a costo di metterlo in quel posto al nostro vicino. Perché la povertà non tocca solo il conto in banca, ma anche l’umanità, la cultura, la voglia. Ci rende apatici e depressi, ci fa cercare i capri espiatori, ci fa votare quelli che declamano di averla abolita, la povertà.

Ma quella si propaga come l’influenza a dicembre: qualcuno la prende leggera, qualcuno pesante, qualche altro pensa di averla superata e invece la stronza ritorna. Hai voglia di farti gli anticorpi, con l’acqua alla gola, costantemente, vivi male. Ecco cos’è la nuova povertà. Senza strumenti culturali e psicologici, insieme a quelli economici, sarà impossibile venirne fuori, perché vivere in questo modo è una costante gara di resistenza in cui prima di essere eliminati, giocheremo sporco per far eliminare qualche altro povero cristo che come noi tira a campare.

EDIT: se pensate che vi abbia depresso oltre il consentito, sappiate che sono stato un signore e non ho neanche tirato fuori la parola pensione. Ops.

Immagine anteprima: Folla di Luca Barberini, via

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >