Society
di Marco Villa 2 Agosto 2017

Un’altra grande giornata per l’analfabetismo funzionale in Italia

Se non avete mai visto all’opera l’analfabetismo funzionale, ecco a voi un esempio lampante

 Foto di Brendan Church

 

Tradate, provincia di Varese. Come riportato dal sito VareseNews, nel corso del consiglio comunale del 31 luglio si decide di eliminare la consuetudine di far suonare in aula l’inno italiano prima di ogni seduta. La decisione viene presa dalla nuova giunta, insediatasi dopo la vittoria di Dario Galli nelle ultime elezioni amministrative. Dario Galli fa parte della Lega Nord e quindi la decisione di smettere di suonare l’inno va inserita in quel filone ideologico e politico anti-italiano che caratterizzava la Lega fino a qualche anno fa, prima che Matteo Salvini la trasformasse in un partito xenofobo di destra, senza più velleità secessioniste. Un fatto curioso, certo, ma non tanto quanto accaduto sul profilo Facebook di VareseNews.

In seguito alla condivisione dell’articolo, infatti, arrivano i commenti, la maggior parte dei quali dimostra come i lettori non abbiano capito nulla. In particolare, la maggior parte dei commenti folli si divide in due tipologie.

La prima:

Commenti che danno per scontato che la giunta di Tradate sia di sinistra. Certo, fa ridere pensare al PD di oggi e avvicinarlo a “Bella ciao” o all'”Internazionale”, ma queste sono ancora le conseguenze della crociata anti-comunista portata avanti in maniera anacronistica da Berlusconi per 20 anni.

La seconda tipologia, invece, è molto più recente:

Ed eccoli gli immigrati, che fanno il loro trionfale ingresso in questa galleria dell’incredulità. Sorvoliamo sul fatto che si parli di inno musulmano come se l’Islam fosse una nazione, ma di nuovo il punto ritorna quello: la convinzione che la giunta sia a guida PD e quindi prona agli interessi degli immigrati. A sorpresa, però, non appare il nome di Laura Boldrini.

Per fortuna, non tutti i commentatori hanno compiuto la scelta di leggere solo il titolo e non approfondire, partono così un po’ di chiarimenti, che vengono però accolti in modo del tutto irrazionale.

Anche di fronte all’evidenza dei fatti, nessuno ammette di aver sbagliato o di non aver letto l’articolo: tutto viene fatto rientrare nella propria narrazione del paese, quella che vede un’Italia ormai condannata a una deriva “comunista” o “africana”. “Danno tutti i numeri”, “È un paese di pagliacci” sono le più classiche esternazioni di qualunquismo, che si dimostra così immune anche alla realtà, alla dimostrazione dell’insensatezza delle basi del discorso. Del resto è argomento di qualche giorno fa: è inutile provare a spiegare a chi condivide una bufala che si tratta di informazioni sbagliate, perché l’unico risultato è l’arrocco sulle proprie posizioni, pur di non ammettere l’errore.

Il titolo di questo pezzo parla però di analfabetismo funzionale, termine che torna spesso nei discorsi negli ultimi anni e fenomeno che riguarda direttamente gli italiani. Per analfabeta funzionale si intende una persona in grado di leggere, guardare o ascoltare un testo, senza però essere in grado di capirlo. Ovvero: leggono e decodificano le parole, ma non comprendono il significato di quello che hanno appena letto. I numeri legati al fenomeno sono talmente differenti a seconda della fonte che non ha molto senso riportarli, ha invece molta più importanza riportare alcuni commenti che dimostrano in maniera lampante non solo l’esistenza, ma anche il proliferare dell’analfabetismo funzionale.

A un certo punto, infatti, VareseNews ritiene necessario invitare i lettori a leggere l’articolo prima di commentare. Quello che succede dopo lo sapete già, vero?

Game, set, match: ti dimostro che stai sbagliando, ma tu non riesci a capirlo. In questo caso si parla di un fatto minimo, ma l’atteggiamento è lo stesso quando si affrontano i vaccini o qualsiasi altro tema. Cavalcare questo tipo di atteggiamento è facilissimo, così come trasformare questa indignazione a senso unico in voti: maggiore è la semplicità del messaggio, minore è lo sforzo da compiere per portare elettori dalla propria parte. L’abbiamo visto succedere già all’estero, prima con Brexit, poi con la vittoria di Trump: le elezioni politiche in Italia sono tra meno di un anno, evitare che tutto questo si ripeta anche da noi è probabilmente una speranza vana.

p.s. per chiudere con meno amarezza, ci concediamo questa chicca:

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >