Society
di Marco Villa 2 Agosto 2017

Un’altra grande giornata per l’analfabetismo funzionale in Italia

Se non avete mai visto all’opera l’analfabetismo funzionale, ecco a voi un esempio lampante

 Foto di Brendan Church

 

Tradate, provincia di Varese. Come riportato dal sito VareseNews, nel corso del consiglio comunale del 31 luglio si decide di eliminare la consuetudine di far suonare in aula l’inno italiano prima di ogni seduta. La decisione viene presa dalla nuova giunta, insediatasi dopo la vittoria di Dario Galli nelle ultime elezioni amministrative. Dario Galli fa parte della Lega Nord e quindi la decisione di smettere di suonare l’inno va inserita in quel filone ideologico e politico anti-italiano che caratterizzava la Lega fino a qualche anno fa, prima che Matteo Salvini la trasformasse in un partito xenofobo di destra, senza più velleità secessioniste. Un fatto curioso, certo, ma non tanto quanto accaduto sul profilo Facebook di VareseNews.

In seguito alla condivisione dell’articolo, infatti, arrivano i commenti, la maggior parte dei quali dimostra come i lettori non abbiano capito nulla. In particolare, la maggior parte dei commenti folli si divide in due tipologie.

La prima:

Commenti che danno per scontato che la giunta di Tradate sia di sinistra. Certo, fa ridere pensare al PD di oggi e avvicinarlo a “Bella ciao” o all'”Internazionale”, ma queste sono ancora le conseguenze della crociata anti-comunista portata avanti in maniera anacronistica da Berlusconi per 20 anni.

La seconda tipologia, invece, è molto più recente:

Ed eccoli gli immigrati, che fanno il loro trionfale ingresso in questa galleria dell’incredulità. Sorvoliamo sul fatto che si parli di inno musulmano come se l’Islam fosse una nazione, ma di nuovo il punto ritorna quello: la convinzione che la giunta sia a guida PD e quindi prona agli interessi degli immigrati. A sorpresa, però, non appare il nome di Laura Boldrini.

Per fortuna, non tutti i commentatori hanno compiuto la scelta di leggere solo il titolo e non approfondire, partono così un po’ di chiarimenti, che vengono però accolti in modo del tutto irrazionale.

Anche di fronte all’evidenza dei fatti, nessuno ammette di aver sbagliato o di non aver letto l’articolo: tutto viene fatto rientrare nella propria narrazione del paese, quella che vede un’Italia ormai condannata a una deriva “comunista” o “africana”. “Danno tutti i numeri”, “È un paese di pagliacci” sono le più classiche esternazioni di qualunquismo, che si dimostra così immune anche alla realtà, alla dimostrazione dell’insensatezza delle basi del discorso. Del resto è argomento di qualche giorno fa: è inutile provare a spiegare a chi condivide una bufala che si tratta di informazioni sbagliate, perché l’unico risultato è l’arrocco sulle proprie posizioni, pur di non ammettere l’errore.

Il titolo di questo pezzo parla però di analfabetismo funzionale, termine che torna spesso nei discorsi negli ultimi anni e fenomeno che riguarda direttamente gli italiani. Per analfabeta funzionale si intende una persona in grado di leggere, guardare o ascoltare un testo, senza però essere in grado di capirlo. Ovvero: leggono e decodificano le parole, ma non comprendono il significato di quello che hanno appena letto. I numeri legati al fenomeno sono talmente differenti a seconda della fonte che non ha molto senso riportarli, ha invece molta più importanza riportare alcuni commenti che dimostrano in maniera lampante non solo l’esistenza, ma anche il proliferare dell’analfabetismo funzionale.

A un certo punto, infatti, VareseNews ritiene necessario invitare i lettori a leggere l’articolo prima di commentare. Quello che succede dopo lo sapete già, vero?

Game, set, match: ti dimostro che stai sbagliando, ma tu non riesci a capirlo. In questo caso si parla di un fatto minimo, ma l’atteggiamento è lo stesso quando si affrontano i vaccini o qualsiasi altro tema. Cavalcare questo tipo di atteggiamento è facilissimo, così come trasformare questa indignazione a senso unico in voti: maggiore è la semplicità del messaggio, minore è lo sforzo da compiere per portare elettori dalla propria parte. L’abbiamo visto succedere già all’estero, prima con Brexit, poi con la vittoria di Trump: le elezioni politiche in Italia sono tra meno di un anno, evitare che tutto questo si ripeta anche da noi è probabilmente una speranza vana.

p.s. per chiudere con meno amarezza, ci concediamo questa chicca:

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >