Society
di Simone Stefanini 11 Febbraio 2015

Cosa direbbe davvero Dio alla famiglia Anania (quella dei 16 figli a Sanremo)?

Dio diventa un meme per dissociarsi dal pensiero del signor Anania.

Ieri sera, la maggior parte degli italiani stava guardando Sanremo, col pretesto di ascoltarne le canzoni, ma in realtà per capire come tira il vento. Perché il Festival è esattamente lo specchio del paese reale e anche ieri ce ne siamo accorti un bel po’. Il Sanremo di Carlo Conti è partito in stile talent, facendoci conoscere i cantanti dietro le quinte, per poi proseguire come vuole la tradizione di mamma Rai, con gli eccessi ed i fronzoli programmati. Lontano anni luce da quello impegnato e un po’ sonnolento di Fazio, che sembrava adatto per il pubblico di mezzanotte di La7. Ieri, sembrava di assistere ad una puntata de “I migliori anni”, finché uno dei più grandi autogol della storia della televisione italiana si è abbattuto sul palco del Teatro Ariston.

Carlo presenta due genitori di Catanzaro con i loro due figli piccoli. Cosa ci facciano, non è dato sapere. Poi svela l’arcano: si tratta della famiglia Anania, che in realtà di figli ne ha 16 e che salgono tutti sul palco. Le donne delle prime file guardano la signora come si guarda uno che fa body art estrema, intanto il marito, ad ogni domanda di Carlo, risponde tirando in ballo Dio:

“È stato lo Spirito Santo”.

“Ci penserà la Provvidenza.”

“L’applauso va fatto al Signore perché non è opera dell’uomo.”

“Ciò che ci fa straordinari è il Cristo.”

Carlo tenta di glissare, ma anche dal pubblico in sala si sente rumoreggiare roba tipo “Abbello, mò se chiama spiritosanto…” Ciò che doveva essere un omaggio alla famiglia democristiana si è trasformato nel momento televisivo più trash degli ultimi 15 anni. Una domanda ci è sorta spontanea: ma Dio, tutti questi accolli, li gradisce o meno? Se ieri sera fosse potuto spuntare da una fessura sul tetto dell’Ariston, cosa avrebbe detto al signor Anania, che gli ascrive così tanto vigore mascolino?

Più o meno, queste cose qui:

 

A05

A01

A03

A08

A02

A07

A04

A09

A12

A11

A06

A10

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >