Society
di Claudia Mazziotta 18 Febbraio 2020

Anche io voglio un Tampon box nel bagno della mia università

La Tampon box è un’iniziativa importante di sensibilizzazione sulla questione della tassazione degli assorbenti, che in Italia è attualmente al 22%, tra le più alte in UE.

Da sempre, quando arriva il mio momento di cambiare l’assorbente, prendo dalla tasca dello zaino l’oggetto in questione e lo comincio a sbandierare lungo il tragitto verso il bagno. L’operazione mi viene più facile quando mi gira storto e devo prendermela con qualcuno: allora lo sfoggio dell’assorbente diventa un pretesto per guardare male la gente.

L’ultima volta che ho ostentato il mio assorbente prima di approdare fiera in bagno, era al Royal Conservatoire of Scotland di Glasgow, in Scozia, un Paese che a quanto pare sta avanti in termini di paragone: per le studentesse scozzesi, fino all’università, gli assorbenti e altri prodotti sanitari femminili di prima necessità sono gratuiti.

Nel bagno di Glasgow, poggiata sul lavandino, c’era una scatola con su scritto a caratteri cubitali “FREE PERIODS” con dentro assorbenti di tutti tipi e di tutti i colori, da quelli interni ai classici o in cotone. Notai subito il mio stupore e quello delle mie amiche, cui avevo istantaneamente inviato via Whatsapp la foto della scatola con gli assorbenti. La mia reazione e quella delle mie amiche, però, mi fece ragionare sul fatto che in Italia non si sia mosso granché. Per quanto fossi potenzialmente non aggiornata, la verità è che di Tampon Box in Italia io non ne avevo mai visti.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da ITCS G. Sommeiller (@officialsomme) in data:

 

Tutti abbiamo sentito parlare della tampon tax – cioè l’imposta sul valore aggiuntivo (IVA) – applicata su assorbenti e coppette mestruali che in Italia passerà dal 22% al 5% per gli assorbenti compostabili o lavabili. È vero anche, però, che una scelta del genere “sembra più dettata da valutazioni ambientali e di sostenibilità che diretta a eliminare una disparità di genere”.[fonte: Internazionale].

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Bankrupt Health (@bankrupthealth) in data:

È vero che di iniziative per contrastare la period poverty in Italia ce ne sono state, come il recente caso del liceo Carlo Porta di Erba (Como) che ha messo a disposizione delle sue studentesse un Tampon Box o come la mobilitazione delle studentesse del Collettivo+ dell’Università degli studi di Salerno, o l’esperienza delle studentesse di Bari. È vero anche, però, che queste esperienze rimangono circoscritte e non vengono assolutamente valorizzate. Si tratta di iniziative di cui troppo poco si è parlato e che non hanno dato il via a un vero e proprio movimento in Italia.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da DRAFT Girl Gang (@draftgirlgang) in data:

 

Sarebbe bello un giorno poter leggere che l’Italia rende gratuiti i prodotti sanitari femminili, come si legge oggi per la Scozia, oppure accontentarsi del 3% di iva sui prodotti igienici femminili come accade in Lussemburgo. Sarebbe bello, ma la realtà è che di strada ce ne è ancora molta da fare.

Certo, se la questione della tassazione degli assorbenti è una battaglia politica e culturale, dovremmo cominciare concretamente a combattere partendo, come sempre, da noi stesse e da quello che facciamo ogni giorno. Non nascondendo gli assorbenti come fossero un oggetto malefico di cui vergognarsi, per esempio.

Oppure potremmo cominciare a piazzare nei bagni delle nostre università o dei nostri uffici Tampon Box a non finire, così, per fare rumore e per fare chiarezza sul fatto che avere il ciclo non è una scelta. Gli assorbenti sono beni di prima necessità per le donne e in Canada, in alcuni stati degli Stati Uniti, in India, in Kenya, lo hanno capito. Dovremmo cominciare a capirlo anche noi e i Tampon Box sono un gesto irruente ed efficace per sensibilizzare sulla questione.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >