Society
di Simone Stefanini 13 Ottobre 2014

La grande menzogna degli anni ’40, la lobotomia col rompighiaccio

lobotomy21

La grande menzogna degli anni ’40: curare lo stress, la depressione, la schizofrenia con la lobotomia. È incredibile che per anni sia stato dato credito ad un metodo primitivo e barbaro, che il più delle volte rendeva i pazienti poco più che dei vegetali. Eppure esistevano pubblicazioni in merito, con le foto del prima e del dopo, come fossero delle macabre pubblicità.

Il dottor Walter Freeman, negli anni ’40, ha attraversato gli istituti di igiene mentale degli Stati Uniti per eseguire la lobotomia prefrontale e transorbitale ad almeno 5000 pazienti, compresi ragazzi e bambini iperattivi, compresa la sorella di JFK, Rosemary Kennedy, che passò dall’essere una 23enne ribelle e con una condotta sessuale esplicita per il tempo, ad essere ridotta sulla sedia a rotelle, incontinente, in stato vegetativo, dopo che venne operata da Freeman insieme al dottor James Watt.

Turning the Mind Inside Out Saturday Evening Post 24 May 1941 a detail 1 820x6121

Nonostante questi risultati poco brillanti, Freeman pensava che la psicochirurgia avrebbe curato tutte le malattie mentali. L’intervento era veloce, ma eseguito senza guanti o mascherina. Freeman e Watt usavano un rompighiaccio.

Nella lobotomia transorbitale così come la praticava Freeman, al soggetto veniva sollevata la palpebra superiore dell’occhio; il punteruolo (chiamato orbitoclast) veniva martellato fino a rompere il sottile strato osseo sopra l’occhio, e inserito dunque nel cervello. E qui cominciava il vero show di Freeman: con movimenti sicuri e decisi, muoveva i punteruoli avanti e indietro, e lateralmente, al fine di distaccare i lobi frontali dal talamo. Nel 1948 Freeman impreziosì la procedura, aggiungendo il “taglio profondo frontale”, un movimento del punteruolo direttamente dentro al lobo, un taglio che metteva talmente sotto pressione lo strumento chirurgico che talvolta si spezzava, rimanendo all’interno. Freeman era conscio dell’aspetto spettacolare delle sue operazioni, che spesso praticava in pubblico. Era arrivato a esibire una tale maestria da riuscire a operare i suoi punteruoli con una mano sola. Nel 1947 Watts, il collega assieme al quale aveva sviluppato la tecnica, si distaccò da Freeman, disgustato dalla piega che aveva preso una pratica chirurgica che auspicava più seria.”  FONTE | bizzarrobazar.com

Oggi la pratica della lobotomia è stata fortunatamente quasi del tutto proibita e non c’è più traccia delle operazioni da film horror del dottor Freeman. Restano tuttavia documenti fotografici e video che fanno gelare il sudore sulla schiena.

FONTE | cvltnation.com

La lobotomia eseguita dal dottor Freeman:

https://www.youtube.com/watch?v=_0aNILW6ILk

 

tumblr nazs4qewe71rwjpnyo2 500 1440x564 c

Le agghiaccianti foto del prima e del dopo:

9bfe173e2291df23b3ed445981e0115e 31387 original 4189273316 7829bd9dd7 a8cc629b2b48ed31a80f92a4e0765bb0 Lobotomy Psychiatry Surgery Before and After lobotomyscan 820x1080 Screen shot 2010 11 13 at 4.28.12 PM

Screen shot 2010 11 13 at 4.35.42 PM1

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >