Society
di Simone Stefanini 15 Gennaio 2018

Le app per il consenso sessuale sono il futuro dell’amore?

Stanno proliferando le app per la dichiarazione del consenso sessuale. Di cosa si tratta e quali sono i maggiori rischi?

app consenso sessuale  Black Mirror – Hang the DJ

 

Con le app per la dichiarazione del consenso sessuale, amore sta vivendo giorni bui. Affermazione vera in parte, di sicuro lo stanno vivendo tutte quelle azioni volte alla ricerca dell’amore, tra cui il contatto, il flirt, l’uscita insieme, il sesso.

Come sapete, la rivoluzione che sta avvenendo dopo che il sistema Weinstein si è palesato in tutto il suo orrore, ha portato ad una stretta sulle abitudini troppo lascive che alcuni uomini riservano a uomini o donne senza il loro consenso specifico, e poco importa se i partner siano solo occasionali, se abbiano deciso di salire da voi dopo cena, se siano addirittura i vostri compagni di vita: quando si parla di sesso, dev’essere assolutamente consensuale.

A questo proposito si stanno sviluppando app come LegalFling o SaSie, create apposta per stipulare contratti di tipo sessuale, in cui la coppia dà il consenso all’atto. Addio romanticismo, direte voi. Addio al flirt così come lo abbiamo sempre conosciuto, benvenuta Apocalisse dei sentimenti e delle voglie. Hmm, sì e no. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Le app per dichiarare il consenso sessuale

app consenso sessuale Legal Fling - Legal Fling

 

LegalFling permetterà ai suoi utenti di confrontare le loro pulsioni più strane, chiarendo i sì e i no delle varie pratiche sessuali. Per intenderci: sì missionario, no anale etc., così da non avere brutte sorprese non concordate in precedenza. Il contratto sarà del tutto privato ma avrà valenza legale e permetterà ai suoi utenti di proteggersi in vista di possibili foto o video hot che possano essere immessi nel web e diventare virali. In un colpo solo difende dagli abusi di ogni tipo, e se nella vita di tutti i giorni potrebbe esser vista come un limite o un impedimento, in determinate circostanze o in determinati ambienti potrebbe essere salvifica per i propri utenti.

SaSie è un’app creata per gli studenti  e per le loro scorribande sessuali nel pieno della tempesta ormonale. Anche in questo caso si tratta di dare o meno il consenso ai rapporti nei college, campus e nelle confraternite americane.

 

Se hai dichiarato di volerlo fare, vale in ogni caso?

app consenso sessuale Grab da You Tube - No Means No

 

Certo che no, nessuna app potrebbe mai costringerti a fare del sesso contro la tua volontà, neanche se hai dichiarato il consenso. Ogni rapporto vive di dinamiche proprie e visti i tempi, ricatti e pressioni psicologiche potrebbero portare taluni a decidere di dare il consenso per evitare di essere licenziati, per fare solo un esempio d’attualità. Per lo stupro o la molestia sessuale vale sempre la legge, ma con queste app si può tentare di restringere il campo del fenomeno ed evitare il ripetersi di abusi.

A questo proposito, gli utenti potranno cambiare idea anche nel mezzo del rapporto, anche se fermarsi per cliccare NO sul cellulare mentre si fa sesso potrebbe risultare davvero strano.

 

I maggiori pericoli delle app per il consenso sessuale

 

Siamo convinti che dopo il proliferare dell’AIDS negli anni ’80, ai giovani di allora faceva strano fermarsi a comprare i preservativi prima di uscire insieme, ma la cosa si è rivelata positiva, no? Il problema non è tanto l’app in sé, né il fatto che sia un deterrente all’amore, piuttosto che venga usata impropriamente, come arma da entrambi i lati: quello del possibile aggressore per giustificare il suo comportamento (“Aveva cliccato Sì vostro onore, non può essere stupro!”) e quello della presunta vittima che cambiando gli accordi in corsa potrebbe far passare per stupro una sua vendetta nei confronti del partner, dichiarando il falso. Solo esempi di scenari possibili in cui l’app invece di proteggere, potrebbe nuocere ai suoi utenti.

In attesa di ulteriori novità in merito, forse dobbiamo solo abbracciare il cambiamento. Abbiamo accettato i siti di incontri, le app come Tinder col radar per vedere i single nell’area frequentata, possiamo anche cliccare sì se ci viene la voglia mentre ci stiamo baciando, l’importante è rispettare l’altro, sempre e in ogni caso.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >