Society
di Claudia Mazziotta 27 Marzo 2020

Coronavirus: la moda aiuta l’Italia durante l’emergenza

Mascherine, camici, guanti: anche le aziende della moda convertono la loro produzione per l’emergenza Coronavirus.

In attesa di sapere cosa ne sarà del loro futuro, sono sempre di più le imprese che decidono di riconvertire la loro produzione per rendersi utile durante la crisi. Anche le aziende della moda scelgono di sostenere la lotta contro il virus, producendo il materiale che manca e, in molti casi, donandolo gratuitamente alle strutture sanitarie in difficoltà.

Work From Home Love GIF by Joan Kamberaj - Find & Share on GIPHY

Tra le prime iniziative, il gruppo Miroglio (attivo nel settore tessile da 70 anni e comprende marchi come Fiorella Rubino, Motivi e Oltre, Elena Mirò), ha avviato la produzione di mascherine chirurgiche in cotone idrorepellente ed elastam, lavabili e riutilizzabili almeno dieci volte.

Il gruppo Calzedonia, già dal 23 marzo, aveva riconvertito alcuni dei propri stabilimenti alla produzione di mascherine e camici. Grazie all’acquisto di macchinari speciali per la creazione di una linea semi-automatica e formando le cucitrici al nuovo tipo di produzione, Calzedonia ha prodotto 10.000 mascherine al giorno nella fase iniziale. La conversione dell’azienda in questo senso ha permesso la distribuzione di mascherine a partire dal 23 marzo. Le prime, donate all’ospedale di Verona e al comune di Verona, città madre dall’azienda dal 1986.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da H&M (@hm) in data:

 H&M, Zara e Mango, tre tra i grandi della moda low cost, utilizzeranno l’intera catena di approvvigionamento, comprese le fasi di acquisto e logistica, per produrre dispositivi di protezione individuale da fornire agli ospedali. Zara ha già donato 10 mila mascherine e il ritmo previsto dovrebbe essere di 300mila pezzi a settimana. Mango donerà 2 milioni di mascherine nei prossimi giorni.

Tra gli altri marchi che stanno operando nella stessa direzione dei sopra citati, ricordiamo anche Pellemoda, DROMe e il gruppo Plissè. Per non parlare, poi, di Gucci, Prada, Fendi, Valentino, Armani, Ferragamo e gli altri big: tutti uniti nella creazione di una rete solidale contro il Coronavirus.

Gucci GIF - Find & Share on GIPHY

Gucci, su spinta della regione Toscana, donerà oltre 1.100.000 le mascherine chirurgiche e 55.000 camici. Prada, invece, dal 18 marzo produce camici e mascherine da destinare al personale sanitario della Toscana. Il gruppo aveva anche donato due postazioni complete di terapia intensiva e di riananimazione agli ospedali milanesi Sacco, San Raffaele e Vittore Buzzi.

Il Gruppo Armani converte tutti i suoi stabilimenti italiani nella produzione di camici monouso destinati agli operatori sanitari. Nelle scorse settimane, inoltre, Giorgio Armani aveva donato a favore della Protezione Civile e degli ospedali Luigi Sacco, San Raffaele, Istituto dei Tumori di Milano e dello Spallanzani di Roma. Armani ha deciso di dare il suo contributo anche all’ospedale di Bergamo, Piacenza e a quello della Versilia, arrivando a una donazione complessiva di 2 milioni di euro.

Una grande gara di solidarietà che sancisce un momentaneo stop, quindi, alla produzione dell’abbigliamento per la moda primavera-estate 2020, anche perché, per la maggior parte di noi, il pigiama è l’unica via per affrontare queste giornate e l’estate è ancora lontana, ma arriverà.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >