Society
di Filippo Pretolani 13 Gennaio 2017

Avessi Vent’anni – “Sei molto più libero, stai molto meglio, sei molto più giovane ora”

Cosa ti diresti allora, adesso?

avessi vent'anni gallizio

Potessimo incontrare noi stessi a vent’anni, cosa avremmo da dirci? Questa rubrica Ivan Carozzi l’ha chiamata “lo sport estremo dell’autoanalisi” e come definizione ci piace moltissimo: “Avessi vent’anni” comincia oggi, uscirà ogni venerdì.

Vuoi tornare indietro nel tempo per dirti qualcosa? Perfetto: siamo qui per questo, scrivici a info@dailybest.it.

 

Rispondo di getto, caro mio caro lei, caro filippo che non ti chiami ancora @gallizio e sei offline, perché la prima cosa che ti voglio dire è di non pensare troppo. Lo so lo so, hai sempre agito senza pensare, ma non è a questo che alludo. Ho in mente piuttosto quella fottuta ponderatezza che paralizza l’azione, che rende elefantiaco tutto, a partire dalla tua scrittura.

Consolati, non hai imparato un cazzo nemmeno dopo, nemmeno adesso che ti sto scrivendo. Però una cosa te la dico: sei molto più libero, stai molto meglio, sei molto più giovane ora che hai superato gli anta. Lasciatelo dire: col senno di prima non hai alcuna speranza. Sei persino più bello, ora. D’accordo, sarà per via del fatto che sei diventato più giovane. Ora sei anche amato.

Quando si sia imparato ad amare, io e te, non è chiaro. Però pare di sì, ce lo riconoscono, lo leggono nei nostri sguardi, con o senza barba (ti donerà la barba. Lo sai?). Il sesso è sopravvalutato (lascialo dire agli altri). Le donne che hai inseguito ti hanno poi rincorso (perché poi?). Quelle robe affascinanti di matematica che hai incrociato all’università ti sono poi servite veramente (non è ancora chiaro a che cosa). Molto meno tutti quei saggi francesi (Bataille, Blanchot, Derrida): non credo abbiano giocato un gran ruolo nel renderti una persona interessante. Lo so che non li hai letti per quello però so che sei pirla e volevo incoraggiarti. Fai qualcosa. No, non intendo incrinare la certezza che ti orienta.

Tutto ciò che combini e combinerai di buono sarà pur sempre e comunque nato spontaneo, senza calcoli, quasi senza progetto. La differenza è tutta nel fare. Agisci e ascoltati: lì inizierai a pensare.

Le cose più devastanti te le insegneranno sempre i semplici. Il più delle volte i bambini, ma qui giochiamo in casa. Le voci interiori che senti si possono zittire. Quasi sempre sono eco degli alibi che comunque non sapresti usare. Mentire è importante ma non lo impari. Se non sei un fingitore nato lascia perdere, però non nasconderti dietro a un dietro: se ti sei comportato così c’è un motivo.

Scoprilo, ascoltalo e non metterlo a sistema: di fianco alla levetta di peltro c’è uno zerbino. Sotto lo zerbino il bottone che serve a disinnescare la tua pochezza (è un bottone che accende, sì). La verità va immaginata giorno per giorno e non ha alcun senso separarla dall’erranza. Il tuo istinto funziona, tranne quando non funziona. È possibile capirlo prima?

Sì, rinunciando alla prima soluzione. Quella è solo la tua pigrizia che si fa largo. Hai messo su un po’ di musica? Ecco bravo. Non sta a me dire che sei bravo, prendila come una frase fatta in casa da uno che ha sempre vissuto in albergo. Avessi scritto tu a me questa lettera avrei già smesso di leggerla ma tu non essere inverso. Ci sarà tempo per la cupidigia, ma lo perderemo tutto e non sarà tempo perso. Qualcuno glielo dica al tempo che vince, qualcosa gli sfugge tanto i conti si fanno alla fine quando tutto torna tranne loro. Lo vedi? Sto scrivendo d’altro. I poeti muoiono ma hanno vissuto bambini. La fantasia è al di là di ogni immaginazione. Tu continua a smettere di seguire i miei consigli. Del resto io consigli non ne ho.

Se ne avessi li scriverei tutti al me stesso di vent’anni, sapendo che non mi darebbe ascolto. Non c’è mai stato spazio per il tempo che non ha luogo.

Quello che resta lo fondano i bambini, che i poeti sono morti, te l’ho già detto ma volevo vedere se stavi attento.

Fai attenzione alla soglia, che del resto è alla base del concetto di soglia dell’attenzione. Se trovi un varco varcala, se trovi un arco compra una consonante, una delle ultime (la zeta è già impegnata a iniziare un nome maiuscolo). Ti scrivo a lettere minute già in bella, a muso duro, a dorso nudo (piglialo per il verso).

Qualcuno la finisca qui: guardati, con quella faccia finita. Non scherzo, non ho mai scherzato, non prendertela seriamente. Se te la prendi non prendertela tutta, lasciane magari un po’ per me che sono te tra un po’. Non avere fretta: la fretta va vissuta con calma, contraddizione dopo contraddizione.

Quelli coerenti sono compresi nel prezzo che pagano, non darlo troppo per scontato. Sei pirla? al contrario sei alrip. Dev’essere il codice fiscale sbagliato di quel verso che riecheggia a Campi Bisenzio: Ripeness is all. Dopo è tutta in salita, il senso discende da quella.

Tu prendila al contrario e sei pirla da capo. A piedi, meglio a piedi. Ora non possiedi più una macchina. Consolati, tra dieci anni non potrai più nemmeno guidarla. Ti toglieranno la patente, con licenza parlando.

Ma non a te, a me, a tutti. Dopo solo vinili. Mi devo essere dimenticato qualcosa. Per forza e per fortuna. Sì, quella che aiuta i batraci.

Chiediti come la chiudo, apriti cielo. Manca.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >