Society
di Mattia Nesto 2 Maggio 2017

Breve storia del baùscia milanese, dal carosello al cummenda

Da Tino Scotti a Guido Nicheli, fenomenologia del caratterista milanese che oggi non riesce più a trovare il suo interprete

Via http://www.radio24.ilsole24ore.com  Via http://www.radio24.ilsole24ore.com

 

Esattamente quando si è incominciato ad usare il termine baùscia? Se tutti infatti sanno, più o meno, il suo significato, ovvero “arricchito sbruffone, di solito milanese”, in pochi conoscono la storia dietro a questo termine. Baùscia è parola nata nell’Ottocento per indicare uno strano personaggio, a metà strada tra un cicerone e un poco di buono, che consigliava i forestieri nella ricerca di botteghe e artigiani in Brianza, ovviamente dietro compenso. Eppure questa parola assunse grande prestigio, grazie al giornalista Gianni Brera, all’inizio degli anni Sessanta, in ambito sportivo-calcistico, ovvero durante i derby di Milano, dove si affrontavano i baùscia nerazzurri, ovvero i calciatori/tifosi dell’Inter (appartenenti alla media e grande borghesia meneghina) e i casciavid rossoneri, cioè i calciatori/tifosi del Milano, solitamente provenienti dagli strati più bassi della popolazione, per lo più operai (“casciavid” in milanese sta ad indicare il cacciavite).

 

Via http://www.magliarossonera.it  Via http://www.magliarossonera.it

 

Tuttavia, già da qualche anno, nell’appena nata Rai di Carosello, imperversava una pubblicità con protagonista il primo vero e proprio “baùscia doc”. Lo spot era quello dei famosi confetti Falqui (“Basta la parola“) interpretata da Tino Scotti, un attore (e già calciatore delle giovanili, guarda caso, dell’Inter) di chiara fama, molto conosciuto nel circuito dei locali e cabaret milanesi.

 

Via https://associazioneladolcevita.files.wordpress.com  Via https://associazioneladolcevita.files.wordpress.com

 

Tino Scotti interpretava il classico baùscia proto-industriale, con tanto di frac o redingote d’ordinanza e modi affettati ed eleganti. Anche la ricercatezza del suo vocabolario era parte integrante del suo personaggio. A lui si deve l’intenzione, o quantomeno lo sdoganamento verso il pubblico di massa, della frase “ghe pensi mi“, fulcro dei suoi spettacoli di cabaret.

 

 

A prendere lo scettro del “caratterista milanese” è stato quindi Ugo Bologna, che a partire tra gli anni Settanta e i primi anni Ottanta diventa il cùmenda principale della commedia all’italiana. Senza dimenticare la sua partecipazione ai film di Fantozzi, è con Sapore di Mare, film di Carlo Vanzina del 1983, che assurge alla grande notorietà nei panni del commendator Carraro, padre dei due scapestrati fratelli Luca e Felicino, ovvero Jerry CalàChristian De Sica.

 

 

Via http://www.cgentertainment.it  Via http://www.cgentertainment.it

 

Rispetto a Tino Scotti la recitazione di Ugo Bologna è meno teatrale e meno sulle righe, più tranquilla insomma e virata verso una proba moralità meneghina. Notevole anche la sua partecipazione al film Yuppies – I giovani di successo del 1986, sempre di Vanzino, vero e proprio archetipo del film su Milano e una certa milanesità.

 

 

Ma sia in Sapore di Mare come in Yuppies assiste ad una sorta di passaggio di consegna del ruolo del baùscia da Ugo Bologna a forse il più famoso caratterista meneghino di tutti i tempi. Stiamo parlando, naturalmente, di Guido Nicheli, meglio conosciuto come Il Dogui, e vera e propria incarnazione dello spirito milanese. Letteralmente adorato dal grande pubblico ancora oggi le sue frasi e le espressioni idiomatiche sono citate a memoria da centinaia di migliaia di appassionati.

 

 

Guido Nicheli è diventato uno dei volti più caratteristici della commedia anni Ottanta e Novanta. Solo per citarne alcuni, ha preso parte a film del calibro di Monte Carlo Gran Casinò, Abbronzatissimi, Panarea (se non ricordate questo film vi consigliamo questo articolo) o del seminale Vacanze di Natale ’83, senza scordarsi della partecipazione a serie tv di assoluto culto come I ragazzi della 3° C Professione Vacanze.

 

 

Dopo che nel 2007 Guido Nichetti ci ha lasciato, il posto del baùscia nella commedia italiana è vacante. Ci ha provato, in una serie va detto piuttosto sfortunata di film e apparizioni televisive, Pucci, comico di Colorando ma senza riuscirci. Inoltre Pucci, più che al tipico baùscia, ha i connotati del classico zanza, ovvero del piccolo imbroglione arruffone. Niente a che vedere con la, anche se sempre un po’ posticcia, grandeur, del vero baùscia. Forse quelli che hanno saputo meglio prendere l’eredità spirituale dei vari Scotti, Bologna e Nicheli sono stati i ragazzi de Il milanese imbruttito, famosa pagina Facebook (che ora organizza anche eventi e serate a tema) sempre pronta a divulgare il verbo del vero “spirito meneghino”. Insomma, proprio come recita l’epitaffio sulla tomba del buon Dogui, la figura del baùscia non morirà mai: “See you later”.

 

Via http://i44.tinypic.com  Via http://i44.tinypic.com

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >