Society
di Mattia Nesto 2 Maggio 2017

Breve storia del baùscia milanese, dal carosello al cummenda

Da Tino Scotti a Guido Nicheli, fenomenologia del caratterista milanese che oggi non riesce più a trovare il suo interprete

Via http://www.radio24.ilsole24ore.com  Via http://www.radio24.ilsole24ore.com

 

Esattamente quando si è incominciato ad usare il termine baùscia? Se tutti infatti sanno, più o meno, il suo significato, ovvero “arricchito sbruffone, di solito milanese”, in pochi conoscono la storia dietro a questo termine. Baùscia è parola nata nell’Ottocento per indicare uno strano personaggio, a metà strada tra un cicerone e un poco di buono, che consigliava i forestieri nella ricerca di botteghe e artigiani in Brianza, ovviamente dietro compenso. Eppure questa parola assunse grande prestigio, grazie al giornalista Gianni Brera, all’inizio degli anni Sessanta, in ambito sportivo-calcistico, ovvero durante i derby di Milano, dove si affrontavano i baùscia nerazzurri, ovvero i calciatori/tifosi dell’Inter (appartenenti alla media e grande borghesia meneghina) e i casciavid rossoneri, cioè i calciatori/tifosi del Milano, solitamente provenienti dagli strati più bassi della popolazione, per lo più operai (“casciavid” in milanese sta ad indicare il cacciavite).

 

Via http://www.magliarossonera.it  Via http://www.magliarossonera.it

 

Tuttavia, già da qualche anno, nell’appena nata Rai di Carosello, imperversava una pubblicità con protagonista il primo vero e proprio “baùscia doc”. Lo spot era quello dei famosi confetti Falqui (“Basta la parola“) interpretata da Tino Scotti, un attore (e già calciatore delle giovanili, guarda caso, dell’Inter) di chiara fama, molto conosciuto nel circuito dei locali e cabaret milanesi.

 

Via https://associazioneladolcevita.files.wordpress.com  Via https://associazioneladolcevita.files.wordpress.com

 

Tino Scotti interpretava il classico baùscia proto-industriale, con tanto di frac o redingote d’ordinanza e modi affettati ed eleganti. Anche la ricercatezza del suo vocabolario era parte integrante del suo personaggio. A lui si deve l’intenzione, o quantomeno lo sdoganamento verso il pubblico di massa, della frase “ghe pensi mi“, fulcro dei suoi spettacoli di cabaret.

 

 

A prendere lo scettro del “caratterista milanese” è stato quindi Ugo Bologna, che a partire tra gli anni Settanta e i primi anni Ottanta diventa il cùmenda principale della commedia all’italiana. Senza dimenticare la sua partecipazione ai film di Fantozzi, è con Sapore di Mare, film di Carlo Vanzina del 1983, che assurge alla grande notorietà nei panni del commendator Carraro, padre dei due scapestrati fratelli Luca e Felicino, ovvero Jerry CalàChristian De Sica.

 

 

Via http://www.cgentertainment.it  Via http://www.cgentertainment.it

 

Rispetto a Tino Scotti la recitazione di Ugo Bologna è meno teatrale e meno sulle righe, più tranquilla insomma e virata verso una proba moralità meneghina. Notevole anche la sua partecipazione al film Yuppies – I giovani di successo del 1986, sempre di Vanzino, vero e proprio archetipo del film su Milano e una certa milanesità.

 

 

Ma sia in Sapore di Mare come in Yuppies assiste ad una sorta di passaggio di consegna del ruolo del baùscia da Ugo Bologna a forse il più famoso caratterista meneghino di tutti i tempi. Stiamo parlando, naturalmente, di Guido Nicheli, meglio conosciuto come Il Dogui, e vera e propria incarnazione dello spirito milanese. Letteralmente adorato dal grande pubblico ancora oggi le sue frasi e le espressioni idiomatiche sono citate a memoria da centinaia di migliaia di appassionati.

 

 

Guido Nicheli è diventato uno dei volti più caratteristici della commedia anni Ottanta e Novanta. Solo per citarne alcuni, ha preso parte a film del calibro di Monte Carlo Gran Casinò, Abbronzatissimi, Panarea (se non ricordate questo film vi consigliamo questo articolo) o del seminale Vacanze di Natale ’83, senza scordarsi della partecipazione a serie tv di assoluto culto come I ragazzi della 3° C Professione Vacanze.

 

 

Dopo che nel 2007 Guido Nichetti ci ha lasciato, il posto del baùscia nella commedia italiana è vacante. Ci ha provato, in una serie va detto piuttosto sfortunata di film e apparizioni televisive, Pucci, comico di Colorando ma senza riuscirci. Inoltre Pucci, più che al tipico baùscia, ha i connotati del classico zanza, ovvero del piccolo imbroglione arruffone. Niente a che vedere con la, anche se sempre un po’ posticcia, grandeur, del vero baùscia. Forse quelli che hanno saputo meglio prendere l’eredità spirituale dei vari Scotti, Bologna e Nicheli sono stati i ragazzi de Il milanese imbruttito, famosa pagina Facebook (che ora organizza anche eventi e serate a tema) sempre pronta a divulgare il verbo del vero “spirito meneghino”. Insomma, proprio come recita l’epitaffio sulla tomba del buon Dogui, la figura del baùscia non morirà mai: “See you later”.

 

Via http://i44.tinypic.com  Via http://i44.tinypic.com

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >