Emma, le presunte molestie sessuali ad Amici e il Tapiro d’Oro, una storia in cui perdono tutti

La cantante ai microfoni di Striscia la Notizia ha commentato “Alla fine ci fai l’abitudine e ti piace pure”. Un messaggio troppo sbagliato per essere vero.

 

Quello che gli autori di Amici di Maria De Filippi hanno definito “scherzo hot” a Emma Marrone è diventato un caso internazionale, finito anche sul sito dell’Independent inglese, dopo che il web è insorto contro un siparietto diseducativo ed eticamente inaccettabile. Si parla del video in cui un ballerino, complice degli autori del talent di Mediaset, palpeggia il sedere, prova a palparle il seno e tocca la cantante in maniera impropria per farle scattare una reazione, da montare come una innocua candid camera.

Il titolo del quotidiano britannico non lascia spazio a dubbi di sorta: Donna molestata ripetutamente sulla tv italiana, nonostante chieda all’uomo di smetterla. Messa così non fa più ridere, vero?

 

 independent

La vicenda in realtà non ha mai fatto ridere nessuno, all’infuori della cerchia di collaboratori del programma, che nel video si fanno beffe della cantante e si spanciano quando lei non ci sta a farsi pizzicare il sedere o a farsi toccare da uno sconosciuto. Nel programma, il siparietto è stato montato alla vecchia maniera, con risate in sottofondo e suoni comici che sottolineano le molestie, facendo passare per nevrotica o bacchettona la cantante che decide di non sottostare a un presunto assalto sessuale.

Ecco come si sdogana la molestia in Italia, con un video indecente in cui la donna viene presa in giro perché si rifiuta di essere un oggetto nelle mani di un uomo. In studio, nessuno o nessuna che denunci l’accaduto, tutti i presenti ridono di Emma e lei stessa si fa grasse risate, come a sottolineare il fatto che, in fondo, dai, era solo uno scherzo.

 

 corriere della sera

 

I siti dei più autorevoli quotidiani italiani minimizzano l’accaduto. Come vedete sopra, il Corriere della Sera decide di ammorbidire i toni, parlando di Emma che “reagisce male” al ballerino che “le mette le mani addosso”. In soldoni, se una donna in tram viene palpeggiata e si difende, per il CorSera reagisce male?

Il momento peggiore di tutta la storia è quando il materiale dalle mani di Maria passa nelle mani di Antonio Ricci, che mette in moto Valerio Staffelli per consegnare a Emma il Tapiro d’Oro di Striscia la Notizia. Il motivo, sempre lo stesso: la cantante ha reagito male a una molestia sessuale. Un video che fa venire i brividi e che termina nella maniera peggiore: Emma dice “Ma guarda, quando ci fai l’abitudine ti piace anche. Non è male, alla fine in tempi di magra, va bene tutto”. 

 

 video Mediaset

 

Il riassunto dell’accaduto ci catapulta, è proprio il caso di dirlo, in un medioevo dal quale la tv italiana fatica a uscire: una ragazza viene molestata in tv durante una candid camera, la ragazza si ribella. Durante la diretta  in cui si mostra il video, la ragazza ride, le altre donne ridono e quando alla ragazza viene consegnato il simbolo dell’umiliazione nazionalpopolare, non trova di meglio da dire se non che alla fine le piaceva pure.

Con questi fatti messi agli atti, tutti disponibili su video Mediaset, difficile riflettere in modo sensato. Di sicuro, far passare una molestia per scherzo hot, montare il video con suoni da candid camera e punire la vittima, che da molestata diventa improvvisamente compiacente, è un messaggio troppo sbagliato per essere vero.

 

 

Questo il testo della lettera aperta a Maria De Filippi da parte della presidente del Telefono Rosa, Maria Gabriella Carnieri Moscatelli: “Abbiamo visto il video dello “scherzo” ad Emma Marrone, nel corso di #Amici, e, con grande delusione e incredibilità, ci troviamo costrette a stigmatizzare l’accaduto. Uno scherzo del genere non fa ridere. Ma non solo. Uno scherzo simile denota una inaccettabile leggerezza da parte di autori che sanno bene di avere come target i giovani. Vi siete chiesti, cari autori, che messaggio resta dalle grasse risate conseguenti a una molestia sessuale? Vi siete chiesti cosa vuol dire “normalizzare” comportamenti sessualmente espliciti su una donna tutt’altro che consenziente? Siamo sicure di no. Ci auguriamo, sapendo che Maria De Filippi è una persona che ha sempre mostrato sensibilità su questo tema, che nella prossima puntata vengano fatte delle scuse a chi combatte ogni giorno la violenza e a tutte le donne e gli uomini che, giustamente, si sono indignati. Non si può fare della cultura della violenza un soggetto per una gag, esattamente come non lo si può fare per l’#omofobia, per il #bullismo e per qualunque altra forma di #violenza.    Maria Gabriella Carnieri Moscatelli    Presidente del Telefono Rosa Nazionale”.

È stata anche presentata sul sito Change.org una petizione diretta al Presidente del Senato Pietro Grasso, alla Presidente della Camera Laura Boldrini, alla Sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi, a Maria De Filippi e a Mediaset, per dire basta alle molestie sessuali in televisione.

 

Da parte nostra, aggiungiamo un basta alle vittime di molestie che minimizzano l’accaduto. Nel 2017 non si può lanciare il messaggio che una volta abituate alla molestia, possa anche far piacere. In questa storia perdono tutti: gli autori e la presentatrice del programma, gli ospiti compiacenti, i media italiani e persino la vittima. La primavera intanto, prendendo in prestito le parole di Franco Battiato, tarda ad arrivare.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >