Society
di Lucrezia Costantino 16 Novembre 2020

Chiudono i Comuni, ma i servizi a Milano o in un paesino di provincia sono decisamente diversi

Da domenica 15 novembre la Campania e la Toscana sono diventate zone rosse. Queste, come altre regioni a rischio contagi, sono composte da paesi sotto i cinquemila abitanti che rischiano l’isolamento

Da domenica 15 novembre anche la Toscana e la Campania sono diventate zona rossa. Questa seconda ondata di contagi ci ha riportati, non solo dal punto di vista psicologico, a marzo. È un periodo incerto: siamo in lockdown ma non del tutto, alcune cose si possono fare e altre no, si può andare dal parrucchiere ma non dall’estetista, per dire. In alcune città delle nuove zone rosse, la giornata di sabato è stata vissuta come se fosse l’ultima della vita. File ai supermercati, ultimi aperitivi e ultime passeggiate in completa spensieratezza. Ma non in tutti i comuni è stato così. Città come Napoli e Firenze sono metropoli che possono offrire diverse valvole di sfogo al contrario di paesini di provincia da mille abitanti o meno.

A conti fatti, è giusto che chi viva in campagna non possa uscire dal proprio comune, se non per lavoro, spesa o salute, anche solo per fare una passeggiata? Non solo: città come Milano, Torino e Napoli hanno molti più servizi rispetto a un comune come Baldissero Torinese (TO). Abbiamo tutti gli stessi diritti, eppure, in questi casi, c’è chi rischia l’isolamento nel proprio comune solo perché non vive in una metropoli.

La legge è uguale per tutti, ma non tutti hanno gli stessi diritti

Nei DPCM che sono stati scritti in questi mesi, il Governo parla sempre di Comuni, ma in questa dicitura rientrano un sacco di luoghi dalle caratteristiche opposte. Dal punto di vista linguistico, per Comune si intende un ente locale che rappresenta la comunità, forma un governo cittadino autonomo e ha, al suo interno, un’autonomia statutaria, regolamentare e finanziaria. Questo, in base alla densità di popolazione, può avere delle zone limitrofe che costituiscono paesini con altri comuni, più piccoli, al loro interno.

Lo stile di vita di una famiglia media italiana non è uguale in ogni zona d’Italia. Basti fare un confronto tra una famiglia che vive a Milano e una che vive a Cusago (MI). La prima, seppur divisa in zone, ha molte più possibilità di qualsiasi tipo, restando nel proprio quartiere. Basti pensare che ogni municipio di Milano ha un numero di abitanti pari, se non maggiore, a un comune limitrofo o a un’altra città. Ad esempio, il Municipio 2 di Milano, che comprende la zona Stazione Centrale, Gorla, Turro, Greco e Crescenzago, ha 162,090 abitanti, circa quattromila in più rispetto a una città come Ravenna.

Il confronto si può fare con poco. In una metropoli si è più avvantaggiati non solo per il divertimento, ma anche per i servizi di prima necessità. Il primo esempio è la spesa. Le catene di supermercati offrono servizi di spesa online durante l’arco della giornata: se si è in isolamento si può riceverla tranquillamente senza dover fare troppi giri tra parenti e amici. Anche per quanto riguarda la banda larga, per chi vive in un piccolo Comune di provincia, è un problema. Molti sono costretti a lavorare da casa e tanti studenti, universitari e non, devono seguire le lezioni e sostenere esami online. Un paesino di duemila abitanti non avrà mai i mezzi di chi vive in una città di un milione di abitanti, spesso la linea internet arriva al massimo fino a 20 mega ed è molto congestionata quando sono tutti in casa.

I dati ISTAT

Secondo i dati ISTAT del 30 luglio 2020, i Comuni totali d’Italia sono 7.903. Tra questi, 5.495 sono Comuni sotto i 5.000 abitanti e rappresentano il 69,53% del numero totale dei Comuni italiani. Facendo un’analisi più dettagliata dei numeri, scopriamo che il Piemonte, zona rossa dal 6 novembre, è la regione con il maggior numero di Comuni  con meno di 5.000 abitanti: ne conta all’incirca 1.045, cioè il 19,02% del totale nazionale. A seguire c’è la Lombardia con 1.034.

Un’idea, potrebbe essere quella di unire più Comuni limitrofi durante il lockdown light, in modo da permettere a chi ci vive di avere gli stessi servizi di un cittadino, perché se i doveri sono uguali per tutti, sarebbe giusto che anche i diritti lo fossero.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >