70 anni di Carlo Verdone: cinque film, un sacco belli, per ricordarlo

Quarant’anni di carriera e numerosi riconoscimenti. Ricordiamo uno dei più grandi attori italiani con alcune delle pellicole più belle

“Che dirvi? So’ tanti, ma la mente è lucida, lo spirito positivo, le anche robuste. Quindi la corsa continua! Born to Run finché potrò”.

Sono queste le parole di Carlo Verdone sul suo profilo Instagram: l’attore romano compie settant’anni oggi. Da ragazzo era timido e il mestiere dell’attore era l’ultimo dei suoi piani. Spinto dai genitori, oggi vanta sessantasei film, ventisette da regista e trentanove da attore, con ben oltre quarant’anni di carriera premiati con diversi riconoscimenti, tra cui nove David di Donatello. Per festeggiarlo, abbiamo scelto cinque tra i film più iconici dell’attore romano.

Un sacco bello (1980)

Con Un sacco bello Verdone consacra il suo esordio come regista e come attore protagonista. Il film è ambientato in una Roma desolata nel giorno di Ferragosto. Tre storie e tre personaggi interpretati da Carlo Verdone: Enzo, un ragazzo di trent’anni senza amici. Convince il suo amico Sergio a partire per una vacanza in Polonia, ma appena fuori città ci saranno degli imprevisti che fanno sfumare il viaggio. Poi c’è Leo, un ragazzo ossessionato da sua madre che lo aspetta a Ladispoli, ma il tutto viene deviato dall’incontro con Marisol, una giovane turista spagnola. L’ultimo personaggio è Ruggero, un giovane hippie, che vive in una comunità toscana, ed è convinto di aver avuto una visione mistica. Tornato a Roma con la sua ragazza, incontra suo padre che cerca di farlo ritornare a casa.

Compra | su amazon

 

Borotalco (1982)

Per la prima volta il film vede solo un personaggio interpretato da Verdone. I protagonisti sono Nadia e Sergio, due venditori porta a porta di enciclopedie. Sergio, fidanzato con Rossella, vive una vita di rinunce e il lavoro non è dei migliori, Nadia, invece, è bella e spigliata. Fidanzata con Cristiano è una fan di Lucio Dalla. Viste le doti lavorative di lei, Sergio decide di contattarla chiedendole di collaborare.

Compra | su amazon

 

Compagni di scuola (1988)

Compagni di scuola è un film tratto da un’esperienza personale dell’attore. La protagonista del film è Federica, interpretata da Nancy Brilli, una trentacinquenne abbandonata dall’anziano amante che l’ha mantenuta per anni. Giù di morale, decide di organizzare una rimpatriata con gli ex compagni del liceo. Avvolti dalla malinconia, tutti i suoi amici dell’adolescenza, riveleranno le loro frustrazioni e i loro fallimenti morali ed economici.

Compra | su amazon

 

Viaggi di nozze (1995)

Il film narra le storie di tre coppie di novelli sposi, dal matrimonio fino al viaggio di nozze. Il professor Borroni, medico affermato che pensa solo al lavoro. Convola a nozze con Fosca, riconoscente per averla aiutata con la madre malata. Poi c’è Giovannino che sposa la sua eterna fidanzata Valeriana. Dopo la messa del matrimonio, i due si imbarcano per una crociera, ma Giovannino riceve una telefonata prima dell’imbarco ed è costretto a tornare a Roma. L’ultimo dei tre protagonisti è Ivano, un giovano coatto che sposa Jessica, la sua anima gemella uguale a lui. Dopo il matrimonio partono per l’avventurosa luna di miele. Da qui nasce la famosa frase “O famo strano?”.

Compra | su amazon

 

Grande, grosso e… Verdone (2008)

In questo film Verdone reinterpreta tre dei suoi personaggi più famosi: il Candido, il Logorroico e il Volgare. Anche qui, nel film vengono narrate tre storie, ma, per la prima volta, non sono intrecciate tra loro. La prima storia parla di Leo, il Candido, il quale è in partenza per il campo scout quando l’anziana madre muore durante la notte. Poi c’è Callisto, il Logorroico, professore universitario di storia dell’arte. Vedovo per tre volte, vive con il figlio ventisettenne. Con la scusa di frequentare circoli privati, la sera frequenta prostitute e consulta siti pornografici. L’ultimo del trio è Moreno, il Volgare. Con sua moglie Enza e Steven, il loro figlio, per sconfiggere la crisi familiare, decidono di trascorrere le vacanze a Taormina.

Compra | su amazon

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >