cocktail anni novanta
Society
di Gabriele Ferraresi 20 Gennaio 2017

Il TGV, l’Angelo Azzurro, l’Invisibile e tutti i peggiori cocktail anni ’90

Le bevute dell’adolescenza che avremmo voluto dimenticare per sempre, riesumate per voi. Prego, non c’è di che

cocktail anni novanta   Benvenuti all’inferno: gli ingredienti del TGV

 

C’è stato un periodo buio della nostra storia recente, un medioevo della bevuta presente nelle biografie di troppi di noi, in cui ci sembrava ragionevole sorseggiare un atroce mischione fatto di tequila, gin e vodka. Erano gli anni ’90.

Sì, tequila, gin e vodka, ovvero quel crimine contro l’umanità allo stato liquido che era il TGV, nato negli anni ’30, dal treno francese raccoglieva giusto l’acronimo; o forse la suggestione che una volta bevuto sarebbe stato come essere travolti dal convoglio ad alta velocità, lanciato alla sua massima velocità.
Andava esattamente così.

Quel periodo – per chi scrive – dicevamo, era la seconda metà degli anni ’90, fu un periodo oscuro per i cocktail, in cui il palato di chi frequentava i locali non era ancora esigente come oggi, dove siamo passati all’opposto estremo: e di posti dove bere cocktail fighetti, insieme ad altri fighetti, le metropoli brulicano.

Il TGV però non era l’unico cocktail atroce, buono forse per sverniciare una recinzione arrugginita. Il TGV aveva una serie di compagni che sbagliano bella lunga, e che per come la vedo hanno avuto un momento di effimera celebrità solo in quella frazione di anni, diciamo seconda metà dei ’90, fino ai primi anni ’00. Poi, vai a sapere, per fortuna ci sarà stufati.

 

cocktail anni novanta  Bruce the Deus - Wikimedia - CC BY-SA 4.0

 

Degno compagno del TGV era l’infame Angelo Azzurro, che dietro il nome seducente che richiamava Marlene Dietrich celava una pozione maledetta fatta di gin, triple sec o in alternativa Cointreau, e il tocco finale, Blue Curaçao.

Un piacere quasi futurista per gli occhi quello dell’Angelo Azzurro; forse non era ottimo da bere, di sicuro resta ottimo per sgrassare ingranaggi industriali.

Persino nella pagina di Wikipedia dedicata chi compila la voce ammette che lo si bevesse solo per l’elevato numeri di ottani, pardon; per l’elevata gradazione alcolica. Completamente sparito, non ne sentiamo la mancanza.

Il terzetto di bastardi senza gloria ma a elevatissima gradazione alcolica però non sarebbe completo senza l’Invisibile.

L’Invisibile, proprio lui. Purtroppo non si è guadagnato ancora una pagina sulla più nota enciclopedia online, ma una pagina su Cocktail Mania sì: il mix dell’Invisibile era composto da zucchero liquido, succo di limone, triple sec, vodka, rum bianco, gin e a guarnire una fetta di limone.

Alla lista degli ingredienti mancavano solo lo shampoo e l’Avio per renderlo adatto a detergere il serbatoio di una petroliera, e non solo: la lista degli ingredienti ne suggerisce una variante sostituendo al triple sec la tequila, e a quel punto ottenere propellente per razzi adatto a superare l’atmosfera terrestre.

Sempre in quegli anni, vado a memoria, fu il trionfo della Caipiroska e della Caipirinha. Che però rispetto ai tre precedenti, condividevano solo l’alone di sfiga, ma non la gradazione alcolica; visto che per arrivare a percepire una leggerissima ebbrezza dovevi berne una cisterna, delle stramaledette Caipi. Apprezzate più spesso dalle donne che dagli uomini, le varianti Caipi-qualcosa proliferarono in quegli anni, e non ce ne siamo ancora liberati: purtroppo.

 

cocktail anni novanta  Bruce the Deus - Wikimedia - CC BY-SA 2.0

 

Altra chicca di quel periodo, indimenticabile: lo scenografico B52. Nato sul finire degli anni ’70 o nei primissimi anni ’80 negli Stati Uniti.

Il B52 si componeva – e si compone ancora, per chi da tempo immemore non ha più a cuore la propria dignità – di Kahlua, crema Baileys e Grand Marnier, che però, attenzione, non venivano mischiati, nossignore.

Grazie alla differente densità dei tre alcolici restavano separati; e volendo, il barman dava poi fuoco al layer superiore, quello al Grand Marnier. Un gesto discreto come una Ritmo Cabrio con interni leopardati che oggi farebbe arrossire chiunque sia dotato di un minimo di amor proprio. Un gesto nato, vuole la leggenda, per rendere omaggio alle bombe incendiarie al napalm lanciate dai bombardieri B52 in Vietnam: che dolcissimo omaggio.

Inoltre ricordiamoci anche che il B52 ha tra gli ingredienti la crema al Baileys, e la crema Baileys – e soprattutto le persone cui piace oggi, nel 2017, la crema Baileys – sono un insulto a tutto quello che c’è di buono e sacro.

Bonus track finale in questo viaggio allucinante negli alcolici che hanno tormentato una generazione, lo shottino “cervello di scimmia”, o, a seconda delle regioni e dei locali, “cervelletto”, “cervello”, e altre denominazioni spesso di stampo neurologico, anche anglofone, come “monkey brain”.

 

 

Ingredienti: granatina, Cointreau, sempre lo stramaledetto Baileys. Andava preparato con attenzione in modo che le differenti densità dei liquidi formassero quello che, dopo una serata a base dei cocktail precedenti, ricordasse un cervello.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >