cocktail anni novanta
Society
di Gabriele Ferraresi 20 Gennaio 2017

Il TGV, l’Angelo Azzurro, l’Invisibile e tutti i peggiori cocktail anni ’90

Le bevute dell’adolescenza che avremmo voluto dimenticare per sempre, riesumate per voi. Prego, non c’è di che

cocktail anni novanta   Benvenuti all’inferno: gli ingredienti del TGV

 

C’è stato un periodo buio della nostra storia recente, un medioevo della bevuta presente nelle biografie di troppi di noi, in cui ci sembrava ragionevole sorseggiare un atroce mischione fatto di tequila, gin e vodka. Erano gli anni ’90.

Sì, tequila, gin e vodka, ovvero quel crimine contro l’umanità allo stato liquido che era il TGV, nato negli anni ’30, dal treno francese raccoglieva giusto l’acronimo; o forse la suggestione che una volta bevuto sarebbe stato come essere travolti dal convoglio ad alta velocità, lanciato alla sua massima velocità.
Andava esattamente così.

Quel periodo – per chi scrive – dicevamo, era la seconda metà degli anni ’90, fu un periodo oscuro per i cocktail, in cui il palato di chi frequentava i locali non era ancora esigente come oggi, dove siamo passati all’opposto estremo: e di posti dove bere cocktail fighetti, insieme ad altri fighetti, le metropoli brulicano.

Il TGV però non era l’unico cocktail atroce, buono forse per sverniciare una recinzione arrugginita. Il TGV aveva una serie di compagni che sbagliano bella lunga, e che per come la vedo hanno avuto un momento di effimera celebrità solo in quella frazione di anni, diciamo seconda metà dei ’90, fino ai primi anni ’00. Poi, vai a sapere, per fortuna ci sarà stufati.

 

cocktail anni novanta  Bruce the Deus - Wikimedia - CC BY-SA 4.0

 

Degno compagno del TGV era l’infame Angelo Azzurro, che dietro il nome seducente che richiamava Marlene Dietrich celava una pozione maledetta fatta di gin, triple sec o in alternativa Cointreau, e il tocco finale, Blue Curaçao.

Un piacere quasi futurista per gli occhi quello dell’Angelo Azzurro; forse non era ottimo da bere, di sicuro resta ottimo per sgrassare ingranaggi industriali.

Persino nella pagina di Wikipedia dedicata chi compila la voce ammette che lo si bevesse solo per l’elevato numeri di ottani, pardon; per l’elevata gradazione alcolica. Completamente sparito, non ne sentiamo la mancanza.

Il terzetto di bastardi senza gloria ma a elevatissima gradazione alcolica però non sarebbe completo senza l’Invisibile.

L’Invisibile, proprio lui. Purtroppo non si è guadagnato ancora una pagina sulla più nota enciclopedia online, ma una pagina su Cocktail Mania sì: il mix dell’Invisibile era composto da zucchero liquido, succo di limone, triple sec, vodka, rum bianco, gin e a guarnire una fetta di limone.

Alla lista degli ingredienti mancavano solo lo shampoo e l’Avio per renderlo adatto a detergere il serbatoio di una petroliera, e non solo: la lista degli ingredienti ne suggerisce una variante sostituendo al triple sec la tequila, e a quel punto ottenere propellente per razzi adatto a superare l’atmosfera terrestre.

Sempre in quegli anni, vado a memoria, fu il trionfo della Caipiroska e della Caipirinha. Che però rispetto ai tre precedenti, condividevano solo l’alone di sfiga, ma non la gradazione alcolica; visto che per arrivare a percepire una leggerissima ebbrezza dovevi berne una cisterna, delle stramaledette Caipi. Apprezzate più spesso dalle donne che dagli uomini, le varianti Caipi-qualcosa proliferarono in quegli anni, e non ce ne siamo ancora liberati: purtroppo.

 

cocktail anni novanta  Bruce the Deus - Wikimedia - CC BY-SA 2.0

 

Altra chicca di quel periodo, indimenticabile: lo scenografico B52. Nato sul finire degli anni ’70 o nei primissimi anni ’80 negli Stati Uniti.

Il B52 si componeva – e si compone ancora, per chi da tempo immemore non ha più a cuore la propria dignità – di Kahlua, crema Baileys e Grand Marnier, che però, attenzione, non venivano mischiati, nossignore.

Grazie alla differente densità dei tre alcolici restavano separati; e volendo, il barman dava poi fuoco al layer superiore, quello al Grand Marnier. Un gesto discreto come una Ritmo Cabrio con interni leopardati che oggi farebbe arrossire chiunque sia dotato di un minimo di amor proprio. Un gesto nato, vuole la leggenda, per rendere omaggio alle bombe incendiarie al napalm lanciate dai bombardieri B52 in Vietnam: che dolcissimo omaggio.

Inoltre ricordiamoci anche che il B52 ha tra gli ingredienti la crema al Baileys, e la crema Baileys – e soprattutto le persone cui piace oggi, nel 2017, la crema Baileys – sono un insulto a tutto quello che c’è di buono e sacro.

Bonus track finale in questo viaggio allucinante negli alcolici che hanno tormentato una generazione, lo shottino “cervello di scimmia”, o, a seconda delle regioni e dei locali, “cervelletto”, “cervello”, e altre denominazioni spesso di stampo neurologico, anche anglofone, come “monkey brain”.

 

 

Ingredienti: granatina, Cointreau, sempre lo stramaledetto Baileys. Andava preparato con attenzione in modo che le differenti densità dei liquidi formassero quello che, dopo una serata a base dei cocktail precedenti, ricordasse un cervello.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione  completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >