Society
di Elisabetta Limone 27 Novembre 2019

Come arredare la cameretta dei bambini in modo funzionale

Consigli per arredare la cameretta del bambino.

Uno dei luoghi fondamentali durante la crescita del bambino, è rappresentato sicuramente dalla sua stanza, ovvero quell’ambiente molto intimo e personale in cui passerà la maggior parte della giornata. Che sia per dormire la notte o per giocare di giorno, ma anche per fare i compiti il pomeriggio, la cameretta perfetta deve essere dotata di tutti i comfort per un bambino.

Però, non sempre i genitori sanno arredare una stanza adatta per un bambino, soffermandosi spesso sull’estetica della stanza a scapito della funzionalità.

Al bambino non importa avere una cameretta di lusso, perché si concentrerà di più sul contenuto della stanza: i giocattoli, il letto con il materasso soffice, le tende colorate e tutto il resto degli oggetti che la compongono.

Partendo da questa consapevolezza, si può iniziare a stilare una sorta di lista di tutti i comfort che una cameretta per bambini deve per forza avere.

La cameretta su misura di bimbo

Per essere considerata una vera cameretta funzionale e, quindi, su misura di bambino, bisognerà suddividere mentalmente la stanza in tre zone:

  • L’angolo del riposo

Quando arriva il momento di arredare la stanza, in cui il vostro bambino dovrà passare la maggior parte delle ore della giornata, il primo mobile di cui si occupa è il letto. Esistono in commercio davvero tanti tipi di letti per bambini, da quello più classico con la sbarra di legno o ferro a quello più lavorato a forma di razzo per i bambini o principesco per le bambine. Scegliere uno di questi ultimi lettini, sembrerebbe una delle scelte più azzeccate da fare, ma in realtà non è così perché, man mano che il bambino cresce, potrebbe non apprezzarlo più e voi vi ritrovereste a dover compare un altro letto nel giro di pochi anni.

Ecco perché la scelta dovrebbe ricadere su un letto semplice, con un buon materasso, per poi arricchirlo di piccoli dettagli sui quali il bambino farà involontariamente attenzione e apprezzerà tanto. Dettagli che riguardano il completo di lenzuola: ad esempio, se il vostro bambino è un fan di Spiderman, potreste comprare delle lenzuola in cui è figurato il suo supereroe, così, se crescendo cambierà gusti e interessi, basterà prendere delle lenzuola nuove.

  • L’angolo giochi e compiti

Una delle zone più importanti per un bambino, dove si rilassa giocando o adempie ai suoi doveri da buon alunno, è senz’altro l’angolo gioco e compiti. Per arredare in maniera funzionale questa parte della stanza, sarà fondamentale dotare la camera di due oggetti: la scrivania con la sedia e un tappeto morbido e facile da lavare.

È importante per la salute di un bambino, la posizione che assume, soprattutto, mentre fa i compiti. Ecco perché sia la scrivania che la sedia devono mettere il bambino nelle condizioni di assumere una posizione corretta della schiena, quindi basterebbe una scrivania di larghezza media, sulla quale poter appoggiare un libro e un quaderno, entrambi aperti; e una sedia dotata di uno schienale morbido e in grado di adattarsi all’altezza della scrivania.

Il tappeto morbido, e soprattutto facile da lavare, è consigliato nella zona in cui il bambino giocherà con i suoi giocattoli. Far giocare il proprio bambino per terra, e quindi su un pavimento duro e alle volte freddo, non è tanto consigliato, ecco perché è bene mettere un tappeto nella loro stanza, che sia al tatto morbido per il bambino, ma al contempo facile da lavare, per la madre.

Inoltre, per riporre in maniera più ordinata possibile i giochi e i libri del bambino, sono molto consigliati quei contenitori di plastica che, oltre ad essere comodi e non occupare tanto spazio in camera, si possono trovare in tanti monocolori o con dei disegni sopra.

  • L’angolo dei vestiti

Questa terza e ultima zona della cameretta, potrebbe sembrare all’apparenza la parte meno importante, perché è quell’angolo della stanza in cui si metterà l’armadio che conterrà tutti i vestiti del bambino, ma anche nella scelta di questo tipo di mobile, sarà necessario avere dei piccoli accorgimenti.

Per quanto riguarda l’estetica, basterebbe che si adattasse al colore del letto. Un buon e funzionale armadio da cameretta dovrebbe, innanzitutto, avere tanti cassetti, non solo per via della loro comodità, ma soprattutto perché anche il bambino può, con più facilità, prendere il vestiario che vorrebbe indossare. Ovviamente, in un armadio funzionale, non può mancare la parte dove si appendono i giubbotti e i vestiti per le occasioni più importanti.

Anche l’illuminazione è importante

In una cameretta funzionale per un bambino, non si può lasciare al caso l’illuminazione della stanza. Soprattutto adesso che è inverno, in cui le giornate di sole non sono sempre assicurate e sembrano più corte, dotare la stanza del proprio bambino di una buona illuminazione diventa fondamentale.

Oltre al classico lampadario che illumina tutta la stanza, si stanno sempre più diffondendo l’utilizzo delle strisce LED in determinati punti, considerati strategici, nella cameretta del bambino.

Queste strisce a LED risultano essere molto funzionali, non solo per la loro dimensione, variabile in base alle proprie esigenze, ma soprattutto perché si possono montare in precise zone della stanza. Inoltre, si potrà scegliere se mettere un unico interruttore per tutte le strisce oppure se mettere, per ogni LED, un suo interruttore.

Come punti strategici, si possono valutare le zone in cui il bambino dorme, quindi angolo riposo, e la zona in cui il bambino svolge delle attività, che sia di studio o di gioco.

Presi gli appunti, non resta che andare in giro a cercare la cameretta perfetta per il proprio bambino.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >