Society
di Simone Stefanini 17 Giugno 2015

Le più assurde decorazioni d’interni nei set dei film porno vintage

Foto strepitose di set di film porno anni 60/70, commentate con la sagacia di cui disponiamo.

Quando si parla di porno, mi sembra di vedervi che distogliete lo sguardo e che arrossite come suorine al primo giorno di campeggio. Il fatto però è che, almeno una volta nella vita, tutti hanno guardato un film nel quale gli esseri umani si accoppiano senza un perché.

Una menzione particolare va a quelli dell’epoca d’oro della pornografia, quella degli anni 60/70, in cui c’era ancora una certa cura per i dialoghi (“Salve bell’uomo, ho un tubo che perde” – “Lo ripariamo subito” e poi via a copulare come bonobi), per la trama (un uomo porta una pizza a domicilio, apre una ragazza in sottoveste, la ingroppa) e soprattutto per il design d’interni, per gli arredi e gli accessori sul set.

In questa galleria di Flashbak è possibile trovare sfarzo e ricerca armonica fuori dal normale, sembra infatti di abitare le visioni di alcuni pittori surrealisti pieni di droga.

Andiamo a vedere, uno per uno, gli scenari dei porno vintage giusto un momento prima della situazione:

FONTE | flashbak.com

Una threesome di sicuro gusto: lo scarsocrinito alla sinistra è nato senza spalle, la ragazza gongola col fai-da-te ed il cantante di un gruppo indiefolk la mena coi suoi pezzi. Ma soffermiamoci sull’arredamento: in effetti, anche se poteva apparire assurdo, c’è una foto di due bambini che si baciano incastonata dentro una cornice che in realtà cela il copri tazza del cesso di legno.

porn interiors 7

Doppia coppia coi baffi, le gemelline bionde ai margini ed i ragazzoni che si desiderano vicendevolmente. Fosse questo il problema… lo scenografo ha insistito per combinare alle pareti quadri di art decò, poster di cantanti anni ’80 tra cui riconosco la bella Kim Wilde e un giovane Fausto Leali (ma qui ipotizzo) con una stampaccia coi fiori presa in sconto al Conad.

porn interiors 6

L’uomo in mezzo a due dame fa la figura del salame? Dipende, poiché Basettoni ha puntato il retrobottega della signora, mentre Margaret Thatcher sta a guardare. Accanto alla Lady di Ferro, un orsetto gigante di quelli che è impossibile vincere al luna park, un poster del Giubileo, un candeliere gotico e un dildo robotico nero.

porn interiors 8

Scena saffica con sguardo rivolto ai nerd al piano di sopra. Per via della crisi, le due coppie vivono in stanze alte 70 cm, ma fortunatamente sono provviste di radio sveglia in metallo al posto dei più comodi cuscini. Dice fa bene alla cervicale. I due sopra intanto fumano oppio e al sesso non ci pensano nemmeno.

porn interiors 9

Una selva di piante da ufficio. Come minimo il ragazzino di 14 anni è il megapresidente ereditario. La cameriera intanto gli fa comprendere che forse è meglio smetterla di dare il ramato, perché le piante si stanno portano via tutto l’ossigeno e che presto prenderanno il controllo della corporation.

porn interiors 11

Tantissimi colori. La scena più vecchia del mondo: “Vieni qui che ti faccio vedere le foto della gita” e poi vai col liscio. Tra bevande illegali e carta da parati da brividi, spicca la testa originale di Nefertiti, portata all’interno della stanza perché viziosa anche da morta.

porn interiors 13

Ah, la bella storia di Cenerentola…  che in questo caso è interpretata dalla meretrice di Babilonia che tenta di farsi il biondo biondissimo, il quale pare visibilmente in paranoia. Sarà forse per quella macchinina che reca in bella mostra come soprammobile? Oppure per aver fatto accomodare la sgualdrina sopra una poltrona di carta di giornale e vinavil?

porn interiors 14

Pensiero stupendo. Dimenticarsi queste acconciature lo sarebbe.

porn interiors 1

Finalmente un po’ d’azione, tranne per il ragazzo all’estrema sinistra che continua a raccontare la sua barzelletta, nonostante a nessuno, ormai, freghi più un cazzo di niente. Magari sarebbe stato meglio non mostrare alcuni bassorilievi rubati dall’ultima visita in Giordania, che abbinati alle tazze tirolesi e al tappeto proto Ikea sono una botta al cuore.

porn interiors 2

Acconciature impossibili, stanza all black, quadri che suggeriscono il sesso, la tovaglia dell’asilo, i bicchieri contenenti bevande radioattive, un orribile vecchio all’estrema destra, che fa la combo con la ragazza dalla testa deforme a sinistra.

porn interiors 5

Ragazze che stanno per fare le situazioni, in un angolino Ikea perfettamente riprodotto, se non fosse per la maschera del maiale Malocchio, che proprio bene non porta.

porn interiors 10

“Dai, ora che vi siete conosciuti, ditemi che ne pensate delle mie nuove tende sobrie.” – “Cazzo mene, togliti che qui bisogna scop.” Furono le ultime parole del povero Enzo, che fu ucciso dalla caduta del lampadario in dura ghisa, che gli prese precisa la testa, sulla quale fu posizionato per chiaro errore dello scenografo.

porn interiors 1

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >