Society
di Claudia Mazziotta 19 Febbraio 2020

Diciamo no al baby culturismo

Basta cercare sul web parole come “baby building” per rendersi conto della raccapricciante ossessione per la perfezione del corpo che ha coinvolto anche i bambini.

Scrollando a caso profili Instagram mi sono imbattuta in un video che mi ha davvero lasciata perplessa. Generalmente, quando vedo postate sui social immagini di bambini inconsapevoli, passo oltre per evitare di arrabbiarmi. Questa volta, però, non ci sono riuscita. Non si trattava di una comune foto o di un video di un tenero e paffutello minorenne, bensì di un ragazzino di forse sei anni con la faccia imbruttita che sollevava con tutta la preparazione, il tempo, la respirazione necessari, un bilanciere da terra da chissà quanti kg. Terminata l’eroica impresa, una voce adulta fuori campo ricompensava il bambino dicendogli: “You’re the best one”, mentre lui annuiva disciplinato.

https://www.instagram.com/p/B8o1_migBL5/

Il fenomeno del culturismo ha coinvolto anche i bambini e il web è testimone di questa tendenza. Basta cercare su qualsiasi motore di ricerca parole come “baby building”, “culturismo per bambini”, “bambini più forti del mondo” per rendersi conto che il web pullula di video, foto, forum, profili Instagram di bambini che si allenano in palestra quotidianamente. Profili Instagram per lo più gestiti da genitori che vivono a loro volta, naturalmente, nel mondo del bodybuilding.

Il quotidiano svizzero 20 Minuten è uno dei primi a rendere nota l’ossessione per il corpo perfetto entrata anche nell’immaginario dei più piccoli e denuncia, in un paio di articoli (1, 2) , la preoccupazione che questi piccoli culturisti comincino ad assumere anabolizzanti per pompare i loro muscoli. Altrove si legge che lo sforzo muscolare da giovanissimi può danneggiare le strutture ossee e delle cartilagini, influendo negativamente sulla crescita e la postura del bambino.

Nonostante il parere incerto o negativo degli esperti, il fenomeno del baby culturismo esiste. Nonostante si leggano commenti arrabbiati e indignati sotto articoli, video, foto che testimoniano questa realtà, i profili Instagram di questi bambini culturisti hanno un seguito pazzesco di mille mila followers e, ripeto, la cosa più angosciante è che il fenomeno sia supportato e incitato dai genitori.

Senza entrare troppo nel merito del culturismo in genere e a prescindere dalle conseguenze negative o meno che un allenamento intensivo può provocare sul fisico di bambini piccolissimi, di una cosa sono sicura: incoraggiare i propri figli quando sono così piccoli a chiudersi in una stanza per sollevare pesi esagerati con lo scopo di farsi venire gli addominali credo sia profondamente sbagliato proprio dal punto di vista educativo.

La dimensione dello sport per la crescita e l’educazione di un bambino è fondamentale per tutto quello che riguarda i valori che esso trasmette quali lo spirito di gruppo, la collaborazione, la condivisione, la tolleranza, l’inclusione, la lealtà. Fare sport significa imparare anche e soprattutto a stare insieme e, si sa, certe cose prima le si imparano meglio è. Fare sport significa vincere ma anche perdere, con sé stessi e con gli altri. Non significa solo migliorare il proprio corpo e le proprie prestazioni fisiche. Fare sport non significa ossessione per la perfezione del proprio corpo e il baby culturismo è l’ennesima prova apocalittica dell’importanza che la bellezza e la perfezione estetica hanno nella nostra società.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >