Libri
di Mattia Nesto 19 Febbraio 2020

17 anni: il manga che racconta l’orrore delle babygang

In questi giorni abbiamo letto il cofanetto di quattro volumi di J-Pop su uno dei seinen più importanti di sempre

Negli anni Ottanta il fenomeno delle cosiddette babygang in Giappone ha toccato forse il suo punto massimo. In particolare una serie di fatti di cronaca nera, tra cui l’omicidio da parte di una banda di ragazzi di una giovane ragazza, prima sequestrata e poi torturata dopo una serie di violenze senza fine. Questo fatto ha letteralmente sconvolto l’opinione pubblica giapponese portando ad una serie di norme maggiormente stringenti a salvaguardia delle vittime di violenze. Ecco 17 anni è il manga ispirato a questa vicenda dell’orrore umano più nero realizzato da Seiji Fujii e Yoji Kamata pubblicato in Italia da J-Pop.

Abbiamo avuto modo di leggere 17 anni nel volume contenente i quattro albi di cui consta l’opera e ve lo possiamo dire molto candidamente: non soltanto il manga di Seiji Fujii e Yoji Kamata non è adatto a tutti, e per i temi trattati e per il modo con cui vengono narrati ma è anche una lettura dolorosa, difficile, perché non si fa nessun sconto all’orrore. Eppure, proprio per queste ragioni e anche in considerazione del fatto che non c’è mai spazio per la descrizione efferata solo per il gusto di scandalizzare il lettore ma è tutto al servizio della narrativa, è uno di quei seinen (manga per adulti) da avere assolutamente nella propria libreria. Ma andiamo con ordine.

Innanzi tutto non si concentra tanto (almeno non soltanto) sulla vittima, la povera diciassettenne Sachiko, bensì su Hiroki e Takashi, due ragazzi come tanti, forse come tutti che, per una serie di circostanze abbastanza casuali (ma altre meno) si troveranno loro malgrado coinvolti in uno degli omicidi più crudeli ed efferati della storia del Giappone. 17 anni è l’anti-romanzo di formazione di due giovani, colti nel momento decisivo della loro crescita e che compiono le scelte più sbagliate possibili: innanzi tutto si affidano mani, piedi e testa al leader di una band di teppisti e delinquenti più grandi loro, che li portano a prima a infrangere la legge, con piccoli/grandi furti e poi a sequestrare ed a usare violenza contro una loro coetanea. Poi si descrive senza alcun tipo di pietà la pavidità dei due, più timorosi di sfigurare contro questi ragazzi ritenuti fighi piuttosto che denunciare, come sarebbe stato giusto e sacrosanto, il proprio madornale errori alle autorità competenti e salvare la ragazza.

No, Hiroki e Takashi non sono né due eroi né due anti-eroi ma, per citare Hannah Arendt, sono due individui che incarnano perfettamente la banalità del male. Ed ecco che dai loro errori, sia come persone sia come cittadini sia come esseri umani, che nasce l’orrore, il vivido orrore e la più profonda tragedia che si respira praticamente in ogni pagina di 17 anni. Gli occhi di Sachiko, sbigottiti più ancora che spaventati all’inizio e successivamente vuoti e senza vita, sono i nostri occhi: assistiamo incredibili ad una delle parabole più nere che possano vedere coinvolte delle persone e vediamo due ragazzi come tanti diventare dei mostri di disumanità, viltà e crudeltà.

Grazie ad un disegno molto pulito, che descrive con fedeltà e vividezza le espressioni, le ansie e i dubbi dei protagonisti e non si sofferma quasi mai sulle violenze, 17 anni costruire una narrativa dolorosa ma elegante che fa nel non dire o nel fare solo intravedere le sevizie il suo orrore più grande. Si prova reale e concreto dolore fisico nel guardare negli occhi Sachiko, nel scrutare nella sua espressione atterrita e spaventata una ragazza che, ormai, ha perso ogni speranza. Non tanto di vita, quanto di morte: c’è forse qualcosa di peggio?

 

Ecco perché 17 anni non è una facile lettura ma una di quelle letture da fare, una di quelle letture veramente formative. Perché, e ve lo assicuriamo, dopo aver passato questi giorni con i manga in mano quasi pressurizzati in metro all’andata e al ritorno dall’ufficio, al termine della lettura ci si sente se non delle persone migliori sicuramente meno mostri dei due protagonisti. In un mondo che, ogni tanto, ci fa così paura, un momento per vedere direttamente su pagina il vero orrore fa sempre comodo. E potrebbe permetterci, un domani, di vivere pure meglio con gli altri, guarda un po’!

17 anni – Collection Box 1-4

Compra | amazon

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
21,16 €

Un anno al vetriolo. Los Angeles Police Department, 1953

Ottantacinque foto della polizia di L.A. del 1953 diventano racconti scritti da uno dei più grandi scrittori americani viventi, un po' duro e crudo, per fare un viaggio all'inferno nella città degli angeli.
50,00 €

Il libro di cucina di Salvador Dalì

Nel 1973 il grande artista surrealista Salvador Dalì pubblicò un libro di cucina, intitolato Les Diners de Gala, il cui titolo è un abile gioco di parole che riguarda sia le cene di gala, sia quelle che lui e sua moglie Gala organizzavano per gli ospiti. E' un libro per un tipo di cucina opulenta. Al suo interno, 136 ricette divise in 12 capitoli, incluso quello sui cibi afrodisiaci.
124,76 €

More than human

Gli animali sono più umani di noi? Forse. E’ questo il lavoro del fotografo londinese Tim Flach, che raccoglie in un volume tutti i suoi migliori scatti di animali che sembrano più umani degli esseri umani. Un librone pieno di grosse, bellissime e dettagliatissime foto che vi lasceranno senza parole.
31,30 €

In her kitchen

Noi tutti amiamo le nonne. Con il loro profumo di borotalco e naftalina, il grembiule sempre indosso come se fosse un’uniforme, lo sguardo eternamente dolce e affettuoso. Questo libro fotografico di Gabriele Galimberti ne racconta le cucine, i luoghi per definizione, delle nonne.
10,47 €

Sticky monsters

John Kenn Mortensen è un artista danese con l’ossessione per i mostri dell’infanzia. In questo splendido, tenero e terrificante galleria disegna bestie pelose, demoni terribili e simpatici, incubi a prova di bambino su dei Post-it!
49,77 €

Before they pass away

Il libro del fotogrfo inglese Jimmy Nelson raccoglie le immagini delle popolazioni che stanno scomparendo dal pianeta. Non sono solo alcune specie di animali che si stanno estinguendo, ma anche diverse popolazioni di uomini e donne che vivono ai margini del mondo o in luoghi remoti, al limite della storia e dell'esistenza, con tradizioni, usanze e costumi bellissimi. Foto emozionanti, da pelle d'oca.
10,43 €

The Gashlycrumb Tinies

In Inghilterra è un grande classico, firmato dall’illustratore Edward Gorey. Nelle tavole del libricino, troviamo le lettere dell’alfabeto illustrate da bambini morti. Nel senso: ogni lettera è accostata a un bambino con quell’iniziale, morto in circostanze tragiche. Per dire una cosa banale, si potrebbe dire che si tratta di immagini che sembrano uscite dall’immaginario di Tim Burton, ma avrebbe poco senso. Il bello è perdersi per qualche secondo nelle vicende di questi poveri bambini.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >