Society
di Sandro Giorello 8 Ottobre 2015

Da donna a uomo, un selfie al giorno per documentare il cambiamento

1.400 foto per raccontare tre anni di cure ormonali che hanno reso Jamie un ragazzo

 

Non mi piaceva guardarmi allo specchio. Ora sono contento di quello che vedo”. A parlare è Jamie Raines un ragazzo che dopo una cura di testosterone durata tre anni, è riuscito a cambiare il suo corpo, trasformandolo da femminile a maschile e ha documentando l’intero percorso con più di 1,400 foto.

In un’intervista al sito americano Buzzfeed, Jamie ha dichiarato che la sua idea iniziale era quella di provare la cura per un solo anno ma, non vedendo alcun cambiamento, ha deciso di continuare. “Dopo il secondo anno ho iniziato a notare che il mio viso si era allungato – ha commentato Jaime – e che le mie guance paffute erano sparite“. Gradualmente il suo naso è cambiato, sono comparsi i primi sparuti peli sul mento e, infine, i baffi e la barba.

 

gender-transition-timelapse-video-3-years-selfies-jamie-raines-28 Boredpanda.com - Il primo giorno della cura

 

gender-transition-timelapse-video-3-years-selfies-jamie-raines-6 Boredpanda.com - Man mano il viso si allunga

 

gender-transition-timelapse-video-3-years-selfies-jamie-raines-11 Boredpanda.com - Compare il primo accenno di baffi

 

Durante tutto il trattamento Jamie ha dimostrato un’enorme forza di volontà e una grande pazienza. Ha ricevuto un grande supporto da parte della sua famiglia e dalla sua ragazza Shaaba. “Mia mamma pensa che ora sono come avrei sempre dovuto essere. Non crede di aver perso una figlia, resto ugualmente il suo bambino”.

 

gender-transition-timelapse-video-3-years-selfies-jamie-raines-23 Boredpanda.com - Jamie, oggi, Insieme alla sua ragazza Shaba

 

Ora tutte le sue foto sono state montate in un unico video, capace di descrivervi l’intero cambiamento in meno di quaranta secondi. Il video andrà a far parte di un documentario dell’inglese Channel 4 intitolato “Girls To Men”. Se siete interessati, qui trovate maggiori dettagli.

 

gender-transition-timelapse-video-3-years-selfies-jamie-raines-18 Buzzfeed.com - Prima e dopo la cura

 

FONTE | Boredpanda.com

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >