Society
di Mattia Nesto 16 Giugno 2017

A Dublino c’è un bar dove ti puoi fare i cocktail da solo, portandoti l’alcol da casa

Il risultato, il più delle volte, è un’insieme di orridi beveroni che non daresti neanche al tuo peggior nemico

 

Quante volte è capitato di dire “Ma sì una birretta e poi a casa: questa sera non voglio fare tardi” per poi finire spiaggiato e annichilito in qualche bar alle ore più improbabili della notte e/o del mattino? Se è successo allora il Drop Dead Twice è il locale su misura per voi. Già perché questo bar di Dublino, una delle città che in fatto di gradazione alcolica e pub ne sa di più al mondo, ha una caratteristica molto speciale: l’alcol lo porti tu da casa e sei sempre tu a fare i cocktail.  Se state già toccando il cielo con un dito (o il baratro con il vostro fegato) continuate a leggere per capire come sia una serata tipo nel locale irlandese.

 

 

Per partecipare ad una serata bisogna innanzi tutto scegliere  lo slot che si vuole avere a disposizione: c’è quello da 25 €  che ti dà il diritto ad usufruire del bar per due ore e quello da 30 € per tre ore (già il fatto che per un’ora in più ci siano solo cinque euro di differenza la dice lunga sulla filosofia del posto). Portando l’alcol da casa e dopo aver pagato la cifra pattuita diventi il vero e proprio padrone del pub. Ed ecco allora che, leggendo le testimonianze su internet, le peggiori fantasie dell’essere umano prendono corpo, anzi liquido.

 

 

 

C’è ad esempio un tizio che è solito frequentare il Drop Dead Twice dopo il lavoro e racconta di come i propri colleghi siano “espertissimi arrangiatori di gin e whisky della casa” oppure c’è una ragazza che si dice “la più grande amante della frutta tropicale mischiata a birra scura doppio malto e assenzio di Dublino”: c’è da chiedersi cosa diranno i loro dottori dopo qualche anno di frequentazione del pub. Tuttavia non si è completamente in balia di se stessi, dato che praticamente per ogni tavolo c’è un barista che ha la funzione di suggerire il migliore abbinamento con quello che si ha disposizione: insomma una specie di Caronte 2.0 che ci traghetterà dalla sobrietà più assoluta ai vertici dei fumi dell’alcol.

 

https://www.instagram.com/p/BSD1LxhBWQQ/?taken-by=dropdead_twice

 

Però molte delle immagini che i clienti postano sui social non lasciano molte speranze, con orridi beveroni dai colori quantomeno inquietanti, ricolmi di schiume, probabilmente di origine chimica, che non paiono così invitanti per una sana bevuta. Qualche tempo fa avevamo indagato gli scheletri dell’armadio dei cocktail anni Novanta più micidiali (in questo articolo) ma a confronti di questi un angelo azzurro o un cervelletto di scimmia paiono poco più che delle orzate.

 

https://www.instagram.com/p/BUt_QMnhaO0/?taken-by=dropdead_twice

 

Comunque vadano le cose e fidandosi del barista di turno, i risultati possono essere eccellenti: vera e propria specialità della casa è infatti un long drink frizzante composto da crema di cassis abbinata al  Martini dry. Vista la mole alcolica, il Drop Dead Twice si è attrezzato nel corso degli anni per dare la possibilità ai propri clienti di buttare giù qualche boccone come nelle famose/famigerate serate latino-americane a base di grigliate, tapas e, ovviamente, rum y tequila a profusione.

 

 

Insomma a conti fatti il pub dublinese merita più di una visita ma con moderazione. Anche se il Drop Dead Twice ha una grave pecca: le selezioni di playlist musicali. Infatti più di un ospite, evidentemente abituato all’alta qualità musicale dei pub di Dublino, proprio non sopporta che nel locale venga trasmessa la classica robaccia latinoamericana inframmezzata da drammatiche incursioni nel pop europeo, con una predilezione, nessuno sa bene perché, per le canzoni belghe vincitrici dell’Eurofestival. Chissà che i gestori del Drop Dead Twice non possano inserire, oltre alla condivisione del bar, anche la condivisione del loro personale Spotify?

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >