Society
di Simone Stefanini 27 Novembre 2015

15 grandi problemi di chi è cresciuto negli anni ’80

Ogni epoca ha i suoi traumi. Riavvolgiamo il nastro e pensiamo a quelli degli anni ’80

paninari In Nome del Pop Italiano - Sposerò Simon Le Bon: l’educazione sentimentale di una intera generazione

 

Fermatevi un attimo, prendetevi qualche istante di pausa e pensate a una cosa: i problemi quotidiani. I problemi che incontrate giorno per giorno, che non vi fanno certo crucciare o stare male, ma che possono comunque appesantirvi la giornata. Cose tipo la batteria dello smartphone che si scarica dopo mezz’ora, il gruppo Whatsapp degli amici di infanzia che non vi dà mai tregua (e provoca la batteria scarica di cui sopra). Ma anche tutti i libri, film, serie tv che accumulate senza avere il tempo di leggere/vedere, perché nei pochi minuti che dedicate alla lettura di qualche pagina sono uscite altre venti puntate di serie tv imperdibili. Sono quelli che gli americani chiamano First World Problems, ovvero problemi di chi vive nel benessere e non ha cose più importanti di cui preoccuparsi.

Tranquilli, non siamo qui per fare del moralismo, ma per farvi fare un salto indietro nel tempo. Su Reddit si sono messi a elencare quali erano i first world problems degli anni ’80, noi abbiamo letto quella lista e abbiamo trovato tantissime cose in comune con quello che succedeva in Italia, nonostante ci fosse un Oceano Atlantico in mezzo. Allora abbiamo deciso di riavvolgere il nastro e di tornare agli anni ’80 italiani per vedere quali erano i grandi problemi che affliggevano chi era adolescente o giù di lì.

 

1) Quando telefonavi alla fidanzata rispondevano sempre i genitori e lei ti parlava con loro intorno

tumblr_myrtcsFfJv1qz6z2wo1_400 tumblr - Con un padre così, altro che svenimento.

Altro che smartphone, non c’era nemmeno il cordless. Le telefonate romantiche si facevano nel tinello oppure in sala, accanto ai genitori che figurati se si facevano gli affari loro. Si parlava in codice ed era tutto un “come? parla più forte che non sento”. Quando rispondeva il padre buttavi giù dallo spavento e lui sistematicamente ti sgamava.

 

2) Se perdevi un film in televisione, lo guardavi l’anno dopo o su una vhs rovinatissima del videonoleggio 

tumblr_nxj4g1CCfx1u0c1b5o1_500 tumblr - Si vede abbastanza bene.

La mattina tutti parlavano dei Goonies o di Indiana Jones ma il tuo televisore non funzionava. Non è che arrivavi il pomeriggio e li scaricavi. Figuriamoci. Aspettavi un anno, quando ormai l’hype era passato e gli amici  ti guardavano come un poveraccio, oppure li noleggiavi in VHS tutto smagnetizzato e prendevi la multa perché ti  dimenticavi di riavvolgere il nastro quando lo consegnavi.

 

3) La tua canzone preferita aveva la voce dello speaker perché l’avevi registrata alla radio 

3931-620x346 gossipblog - Linus, Claudio Cecchetto e Jovanotti da giovani

“Ciao ragazzi, al numero 10 c’è il nuovo singolo di Eros Ramazzotti: Una terra promessa, un mondo diverso, vaiiii – Siamo ragazzi di oggi, pensiamo sempre all’America…” La canzone la imparavi così perché l’avevi registrata su cassetta alla radio e quando sentivi per la prima volta la versione originale non la riconoscevi nemmeno.

 

4) Quando scattavi una foto passavano giorni o settimane prima di poterla vedere (e scoprire che c’era un dito sull’obiettivo)

Madonna-1 jschiewe - Quante dita sull’obiettivo

Se ci pensi, hai almeno un rotolino che non sei mai andato a ritirare, che è lì dagli anni 80 perché te lo sei scordato. Alle gite facevi 36 foto di cui 10 mesti tentativi di immortalare la ragazza che ti piaceva, per poi scoprire 15 giorni dopo, quando andavi a ritirare le foto, che erano tutte mosse/scure/da buttare.

 

5) Per scoprire cose su una ragazza dovevi creare una rete di informatore degna di una spia del KGB

Inconspicuous vignette.wikia - Michael J. Fox versione agente segreto

Appostamenti, controlli incrociati, amicizie strette alla bisogna, tutto per saperne di più sulla ragazza che ti aveva preso il cuore, tutto nella massima segretezza, pena la pubblica gogna. Una generazione che ha creato i peggiori stalker, ma anche una cifra di investigatori privati. Poi è arrivato Mark Zuckerberg.

 

6) Per chiederle di mettersi con te dovevi farti aiutare dalle amiche oppure far leva su tutto il tuo coraggio

20091003162032!Il_tempo_delle_mele Wikipedia - Il Tempo delle Mele (e del farsi avanti di persona)

Caro eroe di Tinder, signore incontrastato della chat multitasking, negli anni ’80 se volevi metterti con lei, glielo chiedevi in faccia e se lei ti diceva no davanti a tutti, il tuo futuro fino alla Laurea era compromesso. Potevi al limite servirti dell’amica come araldo anche se la migliore occasione si presentava col gioco della bottiglia truccato apposta per limonarla.

 

7) Se andavi in un posto nuovo dovevi comprarti il Tuttocittà

tumblr_mvqtiydjiX1qhrkxko1_400 tumblr - Il ragazzo di campagna perso in città

Non è che da Milano andavi a Roma tranquillo, col GPS che ti segnala anche gli autovelox e ti porta preciso all’indirizzo. Era tutto un seguire la mappa o chiedere informazioni che si rivelavano il 90% delle volte delle supercazzole indecifrabili.

 

8) Se abitavi in provincia, scoprivi tre mesi dopo che una moda era passata

C_2_video_420522_videoThumbnail mediaset - Son sempre io, il paninaro. Troppo giusto.

Dalla provincia arrivavi a Milano vestito con la felpa Best Company, la cintura di El Charro, le Timberland e il piumino Moncler, dopo anni tremendi passati a risparmiare una fortuna per poter esser all’ultima moda e scoprivi che nessuno li indossava più. Archiviavi la figura del provincialone e rientravi desolato al paese.

 

9)  Se la sera perdevi di vista gli amici, non li beccavi più e rischiavi di restare da solo in mezzo al nulla

atreyu Pourfemme.it - Il Nulla che ti inghiotte

Entravi in un posto affollato, in un locale o in una piazza, poi uno si distraeva e ciao. Lo ritrovavi il giorno dopo, se avevi fortuna, altrimenti mai. Ci sono storie di parenti che si sono ribeccati con Facebook dopo 50 anni proprio perché si erano persi e non avevano cellulare.

 

10) In tv c’erano sempre Derrick e La casa nella prateria

Le indagini più lente della storia, altro che True Detective blogosfere - Le indagini più lente della storia, altro che True Detective

Se c’eravate, sapete che è vero. Era tutta una tragedia western di malattia, morte e povertà oppure un’ansia tedesca fatta di silenzi e di sguardi ambigui. Tutte le sante sere. I più sfigati avevano la tv senza telecomando e per pigrizia hanno visto un canale solo per 10 anni consecutivi.

 

11) Per avere dei porno dovevi camuffarti e andare in edicola

tumblr_nj6y5fHRqG1qz6z2wo1_500 catastrofe - Libidine!

Mesi di allenamento per fare la voce due ottave sotto la tua, per fingere spalle  larghe e portamento adulto, poi baffi finti, cappello del nonno e via, a tentare di corrompere l’edicolante per un numero di Le Ore o Playmen. La prima volta che sei entrato nel reparto porno del videonoleggio, dall’emozione sei svenuto e hanno chiamato i tuoi genitori.

 

12) Per tantissime cose dovevi affidarti alle Poste e accendere delle candele

Postalmarket 80dreams - Sapevi quando ordinavi ma mai quando sarebbe arrivato il pacco.

Per i vestiti del catalogo, per le pentole viste in televisione. Oppure per partecipare ai quiz, per sentire se i parenti lontani stanno bene, per mandare un cartolina della gita. L’incubo assoluto: le Poste. In provincia il Postalmarket autunno-inverno arrivava d’estate, per dire.

 

13) Per avere la foto di un attore che ti piaceva dovevi comprare Cioè

Cioe 80dreams - Cioè?

Magari ti sentivi macho ad avere in camera il poster di Tom Cruise mentre pilota l’aereo o di Rambo col mitra in mano, ma per averli dovevi abbandonare tutte le tue certezze per comprare Cioè in edicola. Come tutte le tue compagne di classe.

 

14) Il gel per capelli più resistente era il vero Sacro Graal

B6mnGpqIAAAenq5 Twitter - I Poison, nota hair metal band

Studio Line, gommina Simmons. Se ti domandi perché oggi molti giovani siano stempiati così presto, è colpa dei loro genitori che hanno vissuto al massimo, spalmandosi sui capelli gel talmente forti da renderli di ghisa, lame assassine che hanno seccato i bulbi e hanno creato generazioni di pelati.

 

15) Il sex symbol era Magnum P.I. con gli shorts inguinali

MAGNUM_PI-112 rolexforum - Sexy.

Gli short inguinali, quelli modello erano la cartina tornasole della bellezza maschile. Se poi erano abbinati ai capelli ricci (o a un mullet pronunciato), ai baffi folti e agli occhiali a goccia, ciao. Vincevi tutto, salvavi la principessa e sconfiggevi il boss finale.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
50,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >